ggoitre


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Strada pulita
Ramponcini molto utili nel tratto finale della salita per la presenza di neve ghiacciata.
Percorso ben segnato con segnavia nuovi.
Volendo si può proseguire con la macchina su strada asfaltata fino a tetto Pilone con ampio parcheggio.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: Ok fino a Preit
Buone condizioni come relazioni dei giorni precedenti. Consiglio di partire il più presto possibile.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: strada asfaltata e pochi metri di buona sterrata se si lascia la macchina a Callieri
Il sentiero che sale al passo Autaret dal vallone di Collalunga nella parte alta presenta alcuni passaggi simili, se non peggiori, di quelli del passo del bue, probabilmente in seguito a crolli recenti. Lo segnalo perché leggendo l'itinerario e le gite di chi mi ha preceduto, si ha un'impressione diversa.
Gita molto remunerativa per panorami e varietà di luoghi. Non sono salito sulla Rognosa perché volevo stare nei tempi che mi ero prefissato, data la stagione. Ho lasciato la macchina a Callieri vicino all'arrivo del sentiero dal vallone Tesina, vicino al ponte: ho preferito fare la salita verso San Bernolfo al mattino (mezz'ora).
Assenza completa di neve, tutto asciutto tranne alcuni punti nella parte finale del sentiero di discesa per l'umidità del bosco. Panorama spettacolare.
Gita in solitaria, non ho incontrato nessuno, purtroppo neanche animali.


Un passaggio che richiede attenzione sul sentiero per il passo Autaret

Passo Autaret

Verso il passo del bue

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Strada aperta fino al Pian delle Gorre
Bella giornata soleggiata e quindi panorama assicurato.
Dal momento che ì cartelli indicatori finiscono al gias Madonna, se uno sale per la prima volta su questa cima si può trovare in difficoltà. Dopo il gias di Serpentera soprano,proseguire a sinistra sul sentiero più alto, non quello che passa vicino ad un abbeveratoio, come abbiamo fatto noi:quando ci siamo accorti dell'errore, abbiamo dovuto ravanare sul ripido per ricollegarci al sentiero che porta al colle. Dal colle salire subito a destra per prati verso la cima, non farsi ingannare dalle tacche bianche e rosse che portano al casino del cars. In questa valle i cartelli indicatori sono perfino rindondanti sui percorsi classici, ma completamente assenti o molto carenti sui sentieri meno frequentati.