chit.scarson


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Saliti solo al Giove, sentiero perfettamente segnalato, Faierone completamente avvolto da nubi scure ma verso il lago poca foschia. Percorso un mini anello in cima salendo dal tratto che aggira la vetta da nord-ovest (scalini e cavi corrimano) e ridiscesi fronte lago per intercettare la strada sterrata. Alla data della gita poche chiazze di neve-granita solo dietro la cima, ma ieri si sarà riimbiancato tutto.
Con la Cinzia e la canaglia
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: front-suspended
Accompagnati dal cielo coperto e un bel freschetto ci siamo goduti questo bel giro. Salita impeccabile e discesa pulita ad eccezione di qualche foglia nella prima parte.
Con Lord Fiugark si va sempre a segno
Sciabilità :: **** / ***** stelle
attrezzatura :: scialpinistica
Gita bellissima, trovata in condizioni discrete. Dal Burki risalito il canalone a sinistra, ben percorribile e più rapido. Tolto gli sci per superare un passaggio un po' più ripido sulla rampa diagonale che porta sotto la cresta, poi rimessi e ritolti per sbucare appunto in cresta. Quest'ultima percorsa tutta a piedi (ampia e panoramica). Fastidiosa disarrampicata stile gamberi per scendere al Colle delle Locce. Neve tendenzialmente crostosa sia per vento che per rigelo oltre a qualche tratto liscio e gelato, insomma oggi non la sciata della vita, ma tanto non so sciare neanche su neve bella. Qualche buchetto mezzo mascherato (è comunque carnevale) prima di inforcare il Pisati.
Una bella soddisfazione tolta, cielo terso, niente vento, Bavaria in vetta, solo noi nei paraggi. 'Fortunatamente' il socio aveva i tibiali infiammati e non siamo riusciti a metterci meno di 4 ore per toccare la madonnina...



La gamberata per abbassarci sul versante valsesiano

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Le poche chiazzette di neve residua dove non batte il sole i cresta non infastidiscono. Tutto il catename è in ordine.
Rapido rapido da Candoglia, clima mite, cielo velato, condiviso la vetta con una simpatica coppia, alegar!
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Percorso il primo tratto dell'itinerario descritto fino alla punta dell'Eyehorn in assetto scialpinistico. Saliti fino poco sotto al Cortevecchio con fuoristrada (purtroppo necessaria la tessera per aprire la sbarra dopo il bivio Boden). Dalla cima discesa via Bocchetta di San Giulio.
Caldo al sole, zero vento, neve continua dai 1500 ca. che marcisce di brutto ove esposta al sole. Cresta pressochè priva di cornici, divertente.
Come le cime di casa non ce n'è...

Pendii sottostanti Cima Tre Croci

La prima parte di cresta con (da sx a dx) anticima Eyehorn, Eyehorn e Massone

Quasi all'anticima dell'Eyehorn; dietro, la cresta percorsa
Sciabilità :: **** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: Farinosa
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
attrezzatura :: scialpinistica
Ad eccezione della breve ma scorbutica ravanata per intercettare la strada che sale da Canza al Sagersboden, fino al Margaroli tutto su pista strabattuta. Da lì in avanti 2/3 ragazzi che ci precedevano ci hanno fatto trovare una bella traccia nel sottile strato di polverella caduto il giorno prima. Dal passo del Lebendun, rimasti soli, un ventaccio gelido e la nebbia che avvolgeva l'arbola ci hanno fatto tribulare per raggiungere la croce. La neve fresca presente (max 15/20 cm, poco rimaneggiata dal vento) posata su fondo marmoreo, pur risultando un po' scomoda da percorrere in salita (ultimi 200m a piedi), nella discesa rendeva buoni sciatori anche cani come il sottoscritto.
Saliti in cima un po' a naso negli ultimi 3/400m causa nebbia sfruttando le rade aperture, quando ci stavamo rassegnando ad una discesa nauseabonda le nuvole hanno iniziato a dissolversi concedendoci un ottima sciata. Con D.B. poco lamentoso ma infreddolito.

Piccola variante in discesa nei pressi del passo del Vannino
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Ai piedi delle colate in due ore giuste con le pelli da Egga: neve gelata e veloce da percorrere sia in salita che in discesa. Giocato un po' solo sul primo tiro della cascata allestendo una mulinette. Ghiaccio con qualche crosta e in generale spaccoso. Sia la candela finale della cascata che le due cascate più in alto (Antartide e Thor) erano formate. Lasciato un Abalakov con maionne. I seracchi sulla sinistra, seppur fuori tiro (si spera.), ti osservano severi; oggi comunque silenziosi e immobili.
Avvicinamento lunghetto ma nelle migliori condizioni per essere percorso rapidamente (anche a piedi volendo). Picchiato pressochè solo ghiaccio appoggiato ma per noi cascatisti da quella volta ogni due anni basta e avanza. Presente un simpatico tunnel glaciale nel solco glaciale dell'avvicinamento, troppo carataristico da non percorrere!



Sciabilità :: *** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: Crosta da vento/Sastrugi
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
attrezzatura :: scialpinistica
Itinerario in ambiente super con discreto sviluppo. Neve ben rigelata e stabile, a tratti ventata, sempre portante: permanendo queste temperature a breve trasformerà completamente. Abbiamo salito il tratto più ripido del pendio sopra la Griesserna con gli sci in spalla dritto per dritto (fattibile anche coi rampanti), così come l'ultimo tratto prima del colletto e la cresta. Quest'ultima seppur spazzolata da un ventaccio non presentava grandi cornici e con calma si è lasciata calpestare. Dalla vetta sembrava bello sciabile anche il pendio meridionale ma gli sci ci aspettavano indietro. Nord del Fletschorn e calotta sommitale del Sengchuppa in ghiaccio nero. Solo noi al Griessernuhorn, più movimento su Schilthorn e Boshorn. 5 ore giuste per andare e tornare alla macchina.
Ottima gita in condizioni quasi primaverili oggi a nostra completa esclusiva. Come dice il socio mentre beviamo una bavaria coperti dalle tiepide rocce esposte al sole sotto la cima 'il Sempione è proprio un bel parco giochi...'.


Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa
neve (parte inferiore gita) :: Farinosa
attrezzatura :: scialpinistica
Neve fresca leggera e veloce su tutto l'itinerario, anche con soli 65mm sotto ai piedi siamo riusciti a godercela senza doverci sedere sulle code. Dopo l'hohture un paio di giri dal parcheggio a fine ancora per esaurire le gambe e anche nella skiarea gran polvere. Tanta tanta gente in giro, specialmente all'hohture.
Col socio sbadato


Sciabilità :: ** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
quota neve m :: 1100
attrezzatura :: scialpinistica
Vita dura al di fuori delle piste: traccia gelata come un becco nel bosco e piena di aghi rametti e pigne; nella prima parte diversi togli-metti o tutto direttamente in spalla, poi almeno diventa continua. Salito alla croce dalla spalla est (quella del ripetitore) in punta di lamine, poi un po' di ripetute miste su e giù per spurgare la prima manche di festività...

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Faierone (Monte) e Monte Giove da Sant'Agata di Cannobio (01/03/20)
    Barumboda (Alpe) da Ornavasso, giro (29/02/20)
    Grober (Punta) Via dei Cammelli (22/02/20)
    Corte Lorenzo (Cima) da Bracchio (16/02/20)
    Massone (Monte), Eyehorn, Monte Cerano dall'Alpe Rossombolmo, anello (09/02/20)
    Arbola (Punta d') o Ofenhorn da Valdo per il Rifugio Margaroli (18/01/20)
    il ritorno della notte (11/01/20)
    Griessernuhorn da Egga (05/01/20)
    Hohture da Rothwald-Ganterwald (28/12/19)
    Moncucco da Domobianca (27/12/19)
    Monscera (Passo di) da San Bernardo (26/12/19)
    Rothwald (21/12/19)
    Massone (Monte) da Chesio (15/12/19)
    Grauhorn dalla Grauhornlicka (07/12/19)
    Cazzola (Monte) da Alpe Devero (30/11/19)
    Moncucco da Domobianca (17/11/19)
    Rothwald (09/11/19)
    Morissolo (Cima) da Oggiogno (03/11/19)
    Faié (Monte) da Bracchio di Mergozzo (02/10/19)
    Olmaini (Alpe) da Ornavasso (21/09/19)
    Camoscio (Monte) Ferrata Picasass (20/09/19)
    Lyskamm Occidentale e Orientale Traversata Ovest-Est (15/09/19)
    Massone (Monte), Eyehorn, Monte Cerano dall'Alpe Rossombolmo, anello (08/09/19)
    Cannobina (Valle) da Mergozzo, giro (01/09/19)
    Curri ca chiovi (31/08/19)
    Cervandone (Monte) traversata Cresta SO dal Passo degli Ometti e le Punte Gerla e Marani (25/08/19)
    Zeda (Monte) da Intra (13/08/19)
    Alpjer (Parete di) Via D'Alberti (04/08/19)
    Andolla (Passo e Rifugio) da Cheggio (28/07/19)
    Esmeralda Ariom Baba (21/07/19)
    Pilastro Grigio Via delle Ragazze (20/07/19)
    Alpe Orfalecchio (Bivacco) da Alpe Ompio (06/07/19)
    La Nibbiola (19/06/19)
    Corte Lorenzo (Cima) da Bracchio (16/06/19)