cagnas


Le mie gite su gulliver

sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m. :: 1200
Partito dal parcheggio dopo viozene split ai piedi su stradina ben innevata (attorno prati puliti), in salita mai tolto la split dai piedi.
L'innevamento è scarso su tutto la gita ma avendo paura di vento e lastroni la valle tanaro a sud regala sicurezza assoluta di stabilità. 15 cm di neve trasformata nei prati attorno al rifugio e molta di più nei cumbal. Ho salito la Paretina tutto a destra salendo ( verso le scaglie) che è l' unica percorribile in sci, ottima trasformata in alto con velluto stupendo, poi si cercano i cumbal e poi stradina fino alla macchina con 2 gava buta di 3 mt.
Paretina 5 sci, cumbal 3 stelle e sotto solo 1 ovviamente

Zoom sulla Paretina scesa

Parte alta

Traverso

[visualizza gita completa]

sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: ok alle terme
quota neve m. :: 1900
aggiungo in ritardo e servirà a poco ma fa istes
Abbiamo fatto il canale centrale perchè semplicemente da dentro il vallone/canale non abbiamo nemmeno visto l'attacco del primo in quanto placca di roccia pulita ( volendo si raggiunge per cenge erbose)
partenza alle 6.20/6.30 dal parcheggio alle terme e in cima poco dopo le 10.30, la gita è piuttosto diretta partendo dalle terme nel senso che non si fanno km in piano come per il gelas e simili ma comunque abbastanza faticosa ( almeno per me tavolaro ) sopratutto a causa del portage in discesa dai lagarot alla macchina che spacca la schiena il giusto.
neve che in salita non lasciava presagire a nulla di buono in quanto completamente rigolata, scavata , ammucchiata dalle valanghe e irregolare a vaschette per la pioggia.
rigelo praticamente inesistente fino in cima ma comunque la neve è abbastanza compatta ovunque
discesa al contrario delle aspettative molto divertente su neve chiaramente molle ma mai frenante e sempre scorrevole
nel complesso non la consiglierei molto per il lungo portage
ambiente da wild valle gesso e ottimissima compagnia
come quasi ovunque in valle gesso il telefono Tim non prende da nessuna parte tranne i primi 300 mt dalle terme



[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: come tutti sanno purtroppo strada per pian del re sgombra da neve ma chiusa..
quota neve m. :: 2200
Bellissimo!! secondo me la più bella gita della valle Po , per ambiente , difficoltà alpinistiche moderate , una bella cima e gran sciabilità. Le condizioni cambieranno dato che in teoria arriva una perturba ma servirà per capire la situazione del manto.

Partito alle 6.30 da pian regina ( strada pian del re pulita ma chiusa purtroppo ) portage fino al pianoro sopra pian del Re a ca quota 2100 dove ormai il sole infuoca le pareti est del Re di pietra e di tutti i suoi vicini, l'alba è commovente . in split salgo veloce su neve dura ben rigelata ma vento fortissimo e tiepido, a metà conoide ramponi e via nel couloir bianco su neve svalangata dura con alcune colate di farinella recente (credo spostata dal vento della notte), ancora vento forte.
imbocco il Canal Grande sulla sinistra nel punto in cui il Bianco si allarga notevolmente, tutto in ombra neve farinosa ma non troppo faticosa da battere, arrivo alla selletta e il secondo canale si presenta invece in crosta non portante che dà sicurezza in salita e si sale con un po di fatica. arrivo contro le rocce, piazzolo mollo la tavola e salgo in cima a godere del sole e fare uno spuntino, il panorama e il colpo d'occhio sul Viso sono veramente stupendi !! alle 11 meno qualcosa decido che la crosta si sia mollata a sufficienza e scendo, il primo canale è molto ripido ma sulle contropendenze di sinistra la neve è trasformata perfetta, arrivo alla selletta, nord ombra e in 10 curve su vecchia polvere sono al bianco dove scendo sulle colate di farinella umida ululando , conoide da velox perfetto alle 11.15
Tribulando il giusto si arriva a pian del Re con la tavola/sci
poi passeggiata fino a pian regina dove le femmine di umano che iniziano ad uscire dal letargo completano il paesaggio
da solo

Couloir bianco

Il secondo canale expo NE

Primo canale expo N

[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada aperta fino oltre il parcheggio del bozano
quota neve m. :: 2000
Partiti alle 7 dal parcheggio del bozano con +1. Portage fino al pianoro poi neve marmorea (ho continuato a camminare con scarponi). Partiti per decessole o madre di dio ci facciamo tirare da "ali di farfalla" ma il traverso esposto che da accesso alla parete marmoreo e molto ripida, mi cago sotto e torniamo al programma. Scesi alle 12, canale in neve dura fredda e grandine molto piacevole da sciare, conoide beton un po' irregolare poi da metà conoide trasformata da autovelox fino a ben oltre il pianoro. Decidiamo di scendere fino all'ultima lingua di neve in sinistra orografica e ravanando il giusto arriviamo ad un quarto d'ora dall'auto. Condizioni in zona molto molto magre per metà aprile, decessole e freshfield non sciabili, versanti sul remondino quasi completamente puliti
Con Andre



[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Parcheggiato sulla statale davanti al vecchio hotel
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: snowboard
Sci/split ai piedi dalla macchina, partiti alle 8.30, buon rigelo nel vallone e neve dura trasformata. caldo mostruoso dal lariceto in su, insopportabile nel canale a sud pieno. Salito il canale meno largo dell'ufficiale e più a destra ma alle 12 rinunciato ad uscire a 20 mt dal colletto causa neve inconsistente molle e umida in superficie (facilmente vecchio lastronie soffice formato dai venti da nord ).
Siamo a febbraio, la neve non è veramente trasformata ma la Discesa è stata spettacolare su vari tipi di nevi molli mai sfondose e sempre veloci e scorrevoli, una vera goduria per il surf e per gli infiniti salti che offre la discesa.
Nota per gli snowboarder, la stradina è più scorrevole di quanto si possa immaginare, certo si spinge ma non si stacca mai l'attrezzo.
Super compagnia e super pranzo al bar dell'oserot con Andre e denis



[visualizza gita completa]

Sciabilità :: / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: Ok all'impianto idroelettrico con parcheggio per max 10 auto
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: snowboard
Gita spettacolare!!
Meteo e temperatura ottimale
innevamento ottimo ed abbondante fin dalla macchina
Avvicinamento breve e comodo
stradina scorrevole non ghiacciata e senza "ruere" di un fuoristrada
Neve ottima, farina a nord e trasformata a sud
Non si toccano pietre
Sicuramente una delle migliori se non proprio la "miglior" gita della nostra breve carriera da scialpinisti.
Fermati a gias serorur perché abbiamo valutato in una consultazione durata circa 5 secondi che continuare la gita in piola era sicuramente meglio
Piola super super consigliata (cruset ai pur)
Sciabilità :: * / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: snowboard
scrivo solo per segnalare 2 cose:
- aiutare, chi come me deve fare 2 ore di macchina per sciare, a valutare bene la destinazione e non bruciare gasolio per sciare male. la neve in questa zona è praticamente insciabile ovunque e io essendo tavolaro sono decisamente di bocca buona.
- premetto che non risalgo praticamente mai le piste battute ma questa volta l'ho fatto .. comunico che gli scialpinisti pur salendo a bordo pista non sono accettati e arrivato alla cima della seggiovia sono stato invitato con molta cortesia a salire fuori dalle piste ( il "molta cortesia" non è sarcastico come potrebbe sembrare, il ragazzo che mi ha parlato è stato veramente molto cortese !! anzi mi ha detto che ormai ero quasi arrivato e quindi a quel punto di continuare ) .
partito alle 12.20 con +6°C e gran disgelo risalgo le piste fino all'arrivo seggiovia poi incianao e poi con i ramponi tutta la cresta fino alle lose, neve sempre dura e portante molto veloce da percorrere sulla cresta. sceso con le spettacolari luci del tramonto, il primo pendio fino all'arrivo dello ski lift era letteralmente insciabile, placche di vetro, crosta non portante , sastrugi. saggiamente quindi sceso in pista.
solo soletto
sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m. :: 1700
Gita azzeccatissima e ieri in condizioni strepitose.
scrivo per dare 2 info sulla zona, neve da pian Regina sulla strada( ieri) ma già oggi non lo sarà già più e toccherà portare un bel pezzo (sopratutto in discesa) in quanto si saliva su 10 cm scarsi di neve rossa.
la neve aumenta a 2000 mt ma non in modo sostanziale, di fatto gli enormi massi sotto il mozzo e verso il colle di viso sono di fatto fuori e questo vuol dire una sola cosa.. gimkata sia in salita che in discesa
neve perfettamente trasformata e rigelata fino al conoide compreso,prima parte del canale 10cm di neve farinosa mista a neve pallottollare fredda appoggiata su fondo svalangato ( ma con ampie zone lisce), da metà in sù la fresca aumenta sensibilmente e arriva ai 40 cm in alto ( frutto di 2 nevicate diverse venerdì + sabato)
OCCHIO !! nei prossimi giorni con il rialzo termico verrà giù tutto in quanto appoggiato su neve rossa bella dura.
surfata dell'anno con curvoni ululanti stile freeride world tour nel canale su polvere da lacrime agli occhi, conoide da velox e poi rientro in maniche corte con gimkana tecnica stile "ken block"
con christian B. che ha goduto non poco della discesa.

nota tecnica: il mio telefono (tim) non ha riscontrato segnale da nessuna parte tranne che alla cima del canale.. in caso di bisogno d'aiuto è impossibile chiamare!! bisogna scendere di fatto fino a pian Regina

mozzo e i bellissimi massi semi scoperti


nel canale

[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: ok garessio 2000
quota neve m. :: 1300
Partito alle 6.30 da garessio 2000 in una fitta nebbia, dopo molte imprecazioni causa crosta non portante e vecchie tracce arrivo in cima al grosso e non vedo la punta dei miei piedi allora mi vesto e dormo. Quando arrivano 3 skialper decido di scendere a colla bassa con loro e taaac si apre. Salgo velocemente la parete e il traverso senza problemi. In cima si apre tutto è rimango su un isola da cui vedo addirittura un altra vera isola.. la corsica. La parete é chiaramente piuttosto magra ma si presenta liscia e compatta, trasfo su expo est e ancora duretta su expo nord alterntata a accumuli pressati ma stupenda da sciare. Canalino d'accesso al traverso con 20 cm di neve molle che ho tolto passando tavola ai piedi e picca scalinando, primo traverso senza problemi. Il secondo traverso attenzione perché prende molto sole e a marzo vuol dire polenta. Conoide a bomba. Risalito al mussiglione per la paretina. rientro eterno sulle piste su vinavil.
Per quest'anno non consigliabile i traversi li ho puliti e passarli a piedi sull'erba sono pericolosi. In split come ho fatto io é meglio partire da Valdinferno per non fare 10 cambi assetto, inoltre con neve molle le piste non battute sono un discreto mazzo
In solitaria ambiente molto bello.
nota: la copertura tim é folle e in cima all'antoroto notato per caso che é presente, per quanto inutile, il 4G potentissimo.

come su un isola

primo traverso

parete ripresa dal grosso

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: * / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: ok a sant'anna
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: snowboard
Inserisco gita per avvertire il popolo scialpinista cuneese di non pensare di fare gita in queste condizioni.
la meta era il sebolet ma siamo andati al colle per stare qualche minuto al sole.
probabilmente è la gita in cui ho preso più freddo in assoluto, al colle il rischio assideramento era reale con -10°C e l'aria forte.
neve quasi "continua" dal pian traversagn in sù.. ocio che "continua" non vuol dire sciabile.
il vento deve aver soffiato a temperature e intensità mostruose per cui neve di tutti i tipi ma prevalentemente marmorea molto irregolare o simil sastrugi duri come il marmo di carrara.
nelle condizioni attuali per riuscire a sciare ci vuole mezzo metro di neve, se fa una spannetta state a casa.
in compenso giornata dal meteo stupendo con luci , colori e contrasti spettacolari e tante tante chiacchiere
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Colme (Cima delle) Canale SE (10/02/19)
    Mondini (Cima) canale SO (02/06/18)
    Venezia (Punta) Canale NNE: Canal Grande (23/04/17)
    Madre di Dio (Colletto della) Canale Nord (17/04/17)
    Bal (Cima del) o Punta del Gorgion Lungo da Villaggio Primavera per il Canale Sud-Est (26/02/17)
    Omo (Monte) da San Giacomo (15/01/17)
    Lose (Cima delle) da Bersezio (08/01/17)
    Due Dita (Passo) Canale NE (10/04/16)
    Antoroto (Monte) canale NE (28/03/16)
    Vers (Colle di) da Sant'Anna (22/11/15)
    Rossette (Cima delle) da Chianale (04/10/15)
    Savina (Punta) canale Camosci Golosi (12/04/15)
    Nigro (Rocca del) canale ENE (03/04/15)
    Bouillagna (Monte) da Saretto (08/03/15)
    Mondolè (Monte) da Artesina per la Colla Bauzano (10/01/15)
    Freid (Monte) Canale E (26/12/14)
    Candlea (Punta) Canale Beurra (25/05/14)
    Antoroto (Monte) da Valdinferno (29/03/14)
    Saletta (Monte) Parete e Canale Nord (13/03/14)
    Abisso (Rocca dell') dal Vallone di Caramagne (23/02/14)
    Saline (Cima delle) Canalino SE (22/02/14)
    Barsin (Aiguille de) Canale N (12/01/14)
    Cobre cima Sud canale SE (14/12/13)
    Grosso (Monte) da Colla di Casotto (08/12/13)
    Marguareis (Punta) da Pian delle Gorre per il Sentiero Sordella (20/10/13)
    Brocan (Cima di) da Pian della Casa del Re (07/07/13)
    Agnel (Cima dell') Canale N (16/06/13)
    Maledia (Cima della) dal Rifugio Soria, traversata a San Giacomo per il Vallone Pantacreus (01/06/13)
    Lausa (Cima della) da Pontebernardo (26/05/13)
    Pigne d'Arolla da Arolla, anello per il Pas de Chevres e la Cabane des Dix (12/05/13)
    Mondolè (Monte) da Artesina, anello per Cima Durand e Colla Rossa (01/05/13)
    Conoia o Conoja (Bric di) Canalone SO (25/04/13)
    Soubeyran (Monte) o Tete de l'Alp da Saretto (16/03/13)
    Viridio (Monte) da Chiappi (10/02/13)
    Boscasso (Bric) da Preit per il Vallone Inchiaus (10/02/13)
    Cimonasso Canale SE (03/02/13)
    Berlino (Monte) da Colla di Casotto (30/01/13)
    Ciarbonet (Cima) da Chialvetta (05/01/13)
    Mussiglione (Monte) da Colla di Casotto e discesa per la parete NE (08/12/12)