bus


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Dall'alpe colombino dove si parcheggia proseguire in fondo al piazzale da dove parte la strada sterrata. Dall'arrivo dell'ex stazione della seggiovia c'è parecchia neve ma molto buona per cui è possibile arrivare in vetta con gli scarponi senza sprofondare.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Nessuna difficoltà. Ancora un po' di neve abbastanza buona ma volendo evitabile salendo direttamente per prati verso la punta
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
E' possibile evitare la salita al monte Baron seguendo la stradina fino al termine in un bosco di pini, Si esce così su una dorsale erbosa a circa metà strada tra Baron (a destra) e Rosselli.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Arrivato solo al colle delle Lunelle perchè si sprofonda nella neve.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Io ho lasciato la macchina in uno slargo prima che la strada asfaltata svolti a destra e, dopo un ponte, divenga divieto di accesso. Da qui ho seguito la mulattiera che svolta a sinistra, passa accanto a una recinzione e prosegue fino a costa bella dove vi è una costruzione e un tavolo da picnic. Ignorata la deviazione sulla destra con cartello per varisella. Ultimo tratto dopo il pilone su roccette facili.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Sono arrivato alla punta prarosso attraversando diversi tratti innevati in alcuni dei quali si sprofonda proprio. In discesa segnalo che è possibile scendere direttamente su Saccona con un sentiero ripido e molto veloce che si imbocca subito dopo la deviazione a sinistra della strada (cartello) dopo l'incrocio.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Ho provato a salire per l'itinerario 8A ma ho comunque trovato troppa neve non gelata e così mi sono fermato un po' sotto il colle circa 300 metri dopo l'ultima pallina nel bosco.
Giudizio Complessivo :: * / ***** stelle
Al di là del nome altisonante si tratta di risalire una pietraia. Tutto il percorso è ottimamente segnalato con ometti continui. Per raggiungere l'attacco seguitre le indicazioni per gli speroni della portia fino a quando si trova a sinistra una piccola freccia bianca con scritto colata di pietra. In discesa occorre scendere abbastanza dal colle della portia fino a trovare il cartello sulla betulla. A questo punto scendere direttamente ignorando una traccia che traversa sulla destra acvendo come riferimento un pratino verde. Si raggiunge così un sentiero che attraversa più volte la pietraia di salita fino a raggiungere la strada percorsa.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
E' possibile evitare di attraversare la quota 2611 eliminando così l'unico tratto complicato. Dal primo colletto in cresta con i due cartelli si prosegue per tracce di sentiero abbastanza evidenti e segnate con omini e tacche bianco/rosse. Giunti proprio sotto la quota 2611 dove iniziano le rocce occorre scendere per un ventina di metri sul versante opposto (destra) per tracce individuando facilmente un sentiero segnato bianco/rosso che si ricongiunge al percorso di Teddy nel punto in cui lui ha traversato per evitare il salto.
Grazie a Teddy per la sua ottima relazione cui faccio riferimento.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Dall'alpe il colle non è visibile in caso di nebbia (come oggi). Bisogna girare a destra fino a ritrovare la strada che poi diventa sentiero. In discesa se si vuole fare l'anello non occorre andare al colle per poi prendere il sentiero 11. E' più velocescendere direttamente sulla strada sterrata che si vede appena sotto la cresta e riprendere poi l'11 c più in basso.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Aquila (Punta dell') e Cugno dell'Alpet da Alpe Colombino (15/05/18)
    Arzola (Monte) da Posio (08/05/18)
    Rosselli (Monte) da Givoletto per il Monte Baron (13/03/18)
    Colombano (Monte) da Moncolombone (20/02/18)
    Bernard (Monte) da Truc di Miola (23/01/18)
    Prarosso (Punta) da Vietti, anello per il Pilone del Merlo, Rocca Rubat e Bric Castello (02/01/18)
    Corquet (Monte) da Les Druges, anello per il Vallone di Saint Marcel (21/11/17)
    Arpone (Monte) da Borlera per la colata di pietra (14/11/17)
    Lunella (Punta) da Andriera per la Cresta Nord da Cima Lusera (25/10/17)
    Morion (Monte) o Mont Rion da Porliod per il Col du Salvè, anello (25/09/17)
    Piccola (Cima della) da Ceresole (11/09/17)
    Faroma (Monte) da Clemenceaud (29/08/17)
    Uja (Punta dell') dal Lago del Serrù per il Colle del Carro (25/08/17)
    Mondrone (Uja di) da Balme per il dal Lago Mercurin e il Labirinto Verticale (12/08/17)
    Levanna Occidentale da l'Ecot per il Refuge du Carro (04/08/17)
    Sulè (Punta) dal Colle di Spiol per cresta Ovest (19/07/17)
    Cinto (Monte) da Haut Asco (02/07/17)
    Tonini (Punta) da Forno Alpi Graie per il Vallone di Sea (20/06/17)
    Terra d' Unghiasse (Colle della) da Vonzo (13/06/17)
    Tovo (Rocca) da Grange della Mussa (07/06/17)
    Roux (Monte) da Trovinasse per il Colle della Lace (22/05/17)
    Rama (Punta) da Fraschietto (17/05/17)
    Rocco (Cima la) da Cernisio per il Colle delle Barre (18/04/17)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (20/03/17)
    Sella (Rocca) Via Mike (07/12/16)
    Ciorneva (Monte) dall'Alpe d'Ovarda per il Canalone Centrale (02/09/16)
    Saline (Cima delle) e Cima Pian Ballaur da Pian Marchisio per la Punta Havis de Giorgio e Rocca di Maraquaià (25/08/16)
    Monviso Via Normale da Pian del Re (17/08/16)
    Valpelline (Tète de) Via Normale dalla Diga di Place Moulin per il Rifugio Aosta (29/07/16)