brunello 56


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: In auto al parcheggio del Castello di Quart
Avevo adocchiato questa gita sul sentiero n.1 lo scorso dicembre salendo al Beato Emerico e oggi l’ho effettuata ottimista, visto lo scarso innevamento a bassa quota. L’obiettivo era più basso (Borelly-Sechod) poi un po’ per deviazioni varie, un po’ perché si saliva bene sono arrivato fino all’alpeggio di Preilles (o “Les Preyes” come segnato sulla carta dei sentieri della Comunità Monte Emilius).
Purtroppo leggo solo ora le relazioni su Gulliver (farlo prima no eh …) e condivido in pieno quanto riportato, soprattutto da c.nord in merito a segnaletica e indicazioni. Quindi:
- Sono partito dal Castello di Quart con l’idea di salire a Morgonaz sul n.1 come indicato dalla palina, per poi rientrare (poi cambiato) da Sechod chiudendo l’anello
- Al castello si passa il torrente sul ponte in pietra e si arriva su una sterrata che porta (destra salendo) ad un’azienda agricola con tanto di indicazioni di divieto e di proprietà privata, sbarra abbassata e cani arrabbiati che abbaiano. Lungi dal pensare che il percorso passi di lì, così ho tirato dritto, sono disceso sulla strada asfaltata in prossimità di indicazioni per la Via Francigena, poi ho notato (a destra) uno stacco di sentiero con segno blu su un masso, e l’ho preso. Sentiero marcato, porta al sovrastante Ru che va seguito in controcorrente fino ad una sterrata; qui al bivio ho preso la mulattiera a destra, al bivio successivo il sentiero in salita a destra (scalini in tronchi d’albero) sbucando, dopo un tratto in falsopiano, sulla strada asfaltata per Morgonaz. Dopo pochi metri ho trovato il bollo del sentiero n.1, sentiero che mi ha portato a Morgonaz.
- Passato Morgonaz ho preso la sterrata a sinistra (palina con le indicazioni del n.1 per Ceneve e Croce di Fana), poi visto un sentiero con segni blu per terra e nastri blu sui rami ho cominciato a seguirlo e praticamente sono sempre rimasto su questo, perché di segni gialli nemmeno l’ombra.
- Sono salito per il sentiero fino ad incontrare il tratto asfaltato della strada per Preilles, che va lasciata quasi subito per proseguire su sentiero che sale parallelo (sempre segni e nastri blu) fino a rincontrarla presso l’alpeggio di Clou damon
- Da questo risalito, un po’ per sentiero un po’ per strada, fino agli alpeggi di Chamerod (ruderi), da dove sono tornato sulla strada seguita poi fino a Preilles;
- Discesa lungo lo stesso percorso di salita fino a Morgonaz, poi qui ho voluto seguire il “vero” percorso del sentiero n. 1 anche per vedere dove sarebbe sbucato al castello. E dove, se non attraversando l’azienda agricola con tanto di cartelli di divieto e cani arrabbiati che abbaiano …??.. Stupefacente.
Bellissima gita, anche per il traguardo raggiunto, insperato vista la stagione.
Come rimarcato, peccato per la carenza di segnaletica; meno male che persistono i segni e i nastri blu che danno un senso più escursionistico alla gita, evitando una mera salita della sterrata.
Gita in completa solitaria, l’unico segno di vita un camion della Liquigas che saliva a Morgonaz. Giornata freddina come da previsioni, ma velature molto meno marcate del previsto con ottima visibilità specie sulla cresta per la Croce di Fana

Doveroso ricambiare il pensiero che erba olina ha avuto per me dalla collina di Aosta con questo itinerario che, conoscendo la sua ricettività, potrà magari aprire nuovi orizzonti. Grazie Monica.

Il ponte di pietra alla partenza al Castello di Quart

La palina a Morgonaz, all’imbocco della sterrata. Del sentiero 1 però ben poca evidenza.

L’arrivo a Clou damon. Il percorso prosegue sempre seguendo i segni blu (nel circoletto)

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: In auto al parcheggio La Turma
Oggi gita-revival per cercare di ripetere il percorso che, in qualche modo, nel 2012 mi aveva portato al Mombarone partendo da Nomaglio. E a questo proposito ci sono andato con la guida, nientemeno che erba olina che tra i gulliveriani della zona è sicuramente la migliore intenditrice.
Abbiamo percorso l’anello in senso inverso all’itinerario, partendo quindi da Montestrutto (bellissimi i Presepi nel Borgo) sul sentiero 881, salendo a Nomaglio e poi sul sentiero F1/F2, quello che passava vicino ai bomboloni che oggi non si sono visti.
Trascurato il ramo per Rossana, saliti a Sias su cuscino di foglie, seguita la sterrata e subito diretti allo stacco che, oggi ben indicato da palina con tacca viola, conduce sul sentiero “dei bolli rossi”. Dal sentiero bolli rossi, ritorno a ritroso a cercare quel ramo di sentiero, ben segnato sulla carta MU, che fa da trait d’union con Sias-Biolley passando per Chinduna e Pra Piano. Un sentiero non si trova, solo qualche sbiadita tacca bianco/rossa su fabbricati o massi ma nulla che individui un percorso sui prati.
Dal sentiero bolli rossi saliti poi alle Alpi di Peyla e poi alla Corma degli Ordieri.
Discesa a S. Giacomo, poi lungo il sentiero – prima bolli rossi poi blu - fino a Pontije, quindi per strada in località Favà e poi ad Andrate lungo quel provvidenziale sentiero – segnato sulla carta - che scende all’area pic-nic e poi al cimitero. Dal parco giochi si scende a Nomaglio lungo F2 e poi a prendere il ramo che scende a San Germano, ritornando poi a La Turma lungo il tratto di Via Francigena.
Giornata spettacolare, visibilità eccezionale con un Monviso che spiccava in lontananza; temperatura più che mite, non certo da 4 gennaio, e percorso completamente libero da neve e sempre ben segnati. Le 5* sono la naturale conseguenza.

Oggi con Monica, supporto fondamentale per l’inquadramento topografico e per la chiave di lettura dei vari percorsi a diversi colori. Grazie Monica per la compagnia. Per me rimarrà sempre da capire come avessi fatto nel 2012 a trovarmi sul sentiero a bolli rossi arrivando da Sias - Biolley ma - si sa – nella vita mai farsi troppe domande …..

A Sias, l’evidente stacco che conduce al sentiero dei “bolli rossi”

Sul sentiero bolli rossi, l’arrivo al fabbricato quota 1249, sulla radura per le Alpi di Peyla

L’arrivo alla Corma degli Ordieri, su percorso pulito

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: In autobus al bivio SS26-Villair di Quart
Sulle orme di erba olina, con qualche variante di percorso.
- Partito dalla fermata SAVDA sulla SS26 e raggiunto a piedi il Castello di Quart (‘na pizza sull’asfalto …)
- Al Castello salito sul sentiero 7 alla cappelletta del Beato Emerico. Sentiero sempre ben marcato, si trovano segni gialli e blu (questi forse per il QuarTREK) e numerosi pannelli illustrativi
- Al bivio 7-7A che si trova appena passata la cappelletta seguito il ramo 7A fino a Vailsante
- Da Vailsante ad Avisod sulla sterrata. Ad Avisod deviazione per il monumento del Partigiano, poi discesa sull’asfalto; appena passato Trois Ville si ritrova il sentiero 7, ad un bivio sull’asfalto (palina)
- Discesa lungo il 7; al bivio con il sentiero 7B incuriosito ho seguito il 7B che scende e sbarca sulla SR37 per Ville sur Nus. Tra l’altro lungo questo sentiero si ritrovano i segni blu
- Sulla SR37 non sono risalito al Castello (tratto di Via Francigena) ma ridisceso fino alla SS26 dove - colpo di fortuna – arrivato ad una fermata mi son trovato un autobus alle spalle che mi ha riportato ad Aosta.

Bellissima gita in una giornata dal meteo incredibile. Difficile pensare ad una gita escursionistica a fine anno e su terreno tutto pulito, ma così è stato. Le 5* sono d’obbligo.

Grazie alla moglie per il recupero a LaSalle

In salita, con vista sul Castello di Quart

Cappelletta al Beato Emerico

L’arrivo a Vailsante sul sentiero 7A

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: In auto al Camping Nosy
Aggiornamenti sulla viabilità:
- fino al Camping Nosy, dove parcheggiato, la strada è pulita; solo qualche macchia di neve gelata ma transitabile. Situazione destinata a cambiare con la prevista nevicata.
- la strada per Trovinasse è chiusa per ordinanza visti i lavori di ripristino dopo la caduta massi, tuttavia con un po’ d’attesa e in base alle manovre dei mezzi si può passare.
Dal parcheggio siamo saliti prima a Trovinasse lungo la strada, poi ridiscesi al tornante ed imboccato il sentiero 854a che, attraversato il torrente, passa per le alpi l’Agnerezzo ed arriva al Maletto.
Giornata fresca ma spettacolare. Partiti dal grigio della pianura, “bucate” le nuvole strada facendo, tutta l’escursione è stata al sole sul sottostante mare di nubi. Vista l’invidiabile esposizione, prati puliti al Maletto. Nessuno sul percorso, incrociata una coppia di scialpinisti “Adamello ski” al ritorno presso il parcheggio.

Oggi gita “Made in Chivasso”, con salita prima a Trovinasse – anche per attività presepistiche – e poi sgambata al Maletto a godere del bel sole. Grazie Gianni per la splendida giornata!

L’arrivo a Trovinasse con cielo blu cobalto.

L’arrivo al Maletto

Cavallaria sul mare di nubi.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: In treno a Biella
Seguito esattamente l’itinerario qui descritto, che permette di percorrere tutto il sentiero D1. E meno male che c’è questa descrizione perché con le indicazioni presenti sul campo trovare e seguire il sentiero sarebbe un’impresa.
Prima difficoltà subito a Biella. Alla Chiesa di S. Giuseppe ho letto il poster esplicativo, poi vedendo il cartello “Strada privata” e di divieti vari ho escluso che fosse quella la partenza e ho proseguito su strada asfaltata, complice anche una freccia sull’asfalto. Passata la chiesa sono salito per un buon tratto poi realizzando che ero fuori strada sono ritornato sui miei passi e, grazie anche alle indicazioni di due signore, ho imboccato la retta via.
Nel primo tratto, quando si arriva al vecchio ponte sul torrente Oropa non bisogna attraversarlo ma piegare a sinistra (senza indicazioni) e risalire sulla strada asfaltata, che scende a Pralungo. Arrivati sulla strada non vi sono segni o indicazioni: come qui descritto, occorre discendere lungo l’asfalto fin quasi al ponte sul torrente, poi poco prima del ponte si trova sulla sinistra lo stacco del sentiero, che invece stavolta è bene indicato.
Da questo bivio in poi il sentiero è sempre ben evidente e ben segnalato, prima con bolli e frecce arancione fluorescente, poi con tacche bianco-rosse; frequenti anche le paline con i tempi di percorrenza dei vari tratti. Passato San Bartolomeo il sentiero sale con ripide scalinate e termina con lo sbarco su una sterrata proprio sotto la SS144; qui si svolta a destra e si arriva in breve al Santuario. Anche qui però non ho visto indicazioni che portino ad imboccare il D1.
Il sentiero, da Biella fino a Oropa, è quasi tutto nel bosco, ne esce soltanto al terrazzo panoramico, al borgo di Favaro di Là, in località la Vecchia e a San Bartolomeo; facile quindi, come oggi e dopo le piogge, trovare tratti con un po’ di paciocco.
Oggi gita-pellegrinaggio (da tempo in lista d’attesa) sfruttando la bellissima giornata prima dell’arrivo delle perturbazioni. Giornata soleggiata ma fresca, Mucrone e Conca di Oropa già innevati.

Oggi in compagnia di un pezzo da intenditori: il nuovo zaino, regalo a chiusura della mia attività in Azienda. Eccezionale è dir poco, grazie Sergio !
E grazie alla moglie per il recupero a Favaro.


Questa la partenza del sentiero D1 a Biella alla Chiesa di S. Giuseppe; i cartelli di divieto fungono invece da dissuasori

Lo stacco (in salita) del sentiero dalla provinciale per Pralungo, appena prima del ponte sul torrente Oropa

La svolta del sentiero nelle case di Favaro di Là

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: In autobus a La Thuile
Percorso secondo l’itinerario descritto, solo con la variante di partire da La Thuile anziché dal tornante appena dopo Lo Riondet.
Praticamente tutta la salita è sul sentiero 10, fino a quando, passato il colletto dopo le Alpi di Crotti, lo si abbandona per salire al colle. Sentiero 10 che, come già sottolineato dagli ultimi salitori alla Fornet, è conciato un po’ maluccio, non tanto nel tratto in falsopiano verso l’alpeggio di Entre deux Eaux (qui gli smottamenti sono ormai cronici) ma nel primo tratto che dopo Entre deux Eaux porta a Crotti, dove il sentiero è smottato e può essere individuato solo ad intuito e con qualche bollo giallo.
La salita verso il colle è agevole, su terreno perfettamente pulito; come detto il percorso in alcuni tratti coincide con quello per la Lechaud ed infatti si ritrovano parecchi ometti. Le difficoltà sono sotto l’ultima rampa, già abbondantemente innevata: la via prevista si è rilevata troppo ripida (errore non avere portato i ramponi) così ho desistito da quella ed ho deviato puntando verso la crestina di rocce, che ho risalito tra tante difficoltà vista la pendenza e l’instabilità delle pietre arrivando a sovrastare il colle ma rinunciando a sbarcare sulla sella. Brevissima sosta al punto d’arrivo, poi attenzione tutta dedicata alla discesa così, nella concitazione, ho dimenticato gli occhiali sul sasso: se mai passassero indenni l’inverno, tra neve e frane, prossima estate vado a recuperarli ….
Ritorno per la stessa via di salita.

Grazie alla moglie per il recupero a Pont Serrand e il coffee-break a La Thuile

Il vallone visto dal sentiero 10, al colletto passate le alpi di Crotti. In rosso la via di salita

La via di salita (in blu) vista sotto l’ultima rampa. Scartata la salita sul nevaio si sono risalite le rocce.

Il Colle del Breuil visto dal punto d’arrivo

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: In auto al Lago di Verney, lasciato dalla moglie (altrimenti parcheggio impossibile)
Bella, facile e appagante escursione dal Lago Verney: per chi vuole fare una sgambata alla ricerca di un panorama 5* con questa destinazione non può sbagliare (in giornate dal meteo favorevole, ovvio).
Il percorso è stra-lineare: dal Lago Verney si sale sul sentiero 14 fino al Colle della Pointe Russe, al colle si scende leggermente a superare un traverso con rocce in risalto (scegliere il passaggio migliore), si supera ancora un canalone e poi si può svoltare a destra (rispetto al senso di marcia) e risalire la larga dorsale erbosa fino in cima. Come detto da “suan” nella descrizione itinerario, questa dorsale è l’unica praticabile: in vetta attenzione a non sporgersi troppo, la gravità non perdona.
Panorama impagabile, anche in una giornata con la nuvolosità ormai incipiente; una bella opportunità di revival, per rivedere - da un posto in prima fila - itinerari già percorsi (e cannati).
Ritorno: stesso percorso di salita.

Anche oggi con il mitico Frank, sempre in gran forma: grazie per la compagnia.
E grazie alla moglie per lo shopping strategico a La Rosiere, che più dura meglio è ...


La Punta Tormotta vista dal Colle della Pointe Rousse. Il percorso risale la spalla erbosa

L’arrivo in vetta. Siamo solo noi …

Le Alpi di Crotti tele-viste dalla vetta

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: In autobus al Santuario Notre Dame de la Guerison
Ho rispolverato questo itinerario 13 anni dopo perché, come si dice ”… è sempre un piacere”. Purtroppo però ho trovato la giornata meteorologicamente sbagliata per cui tutto è stato rovinato: tante nuvole, visibilità zero, questo itinerario merita ben di meglio per cui l’ho interrotto al Col Charmonts. In sintesi:
- partenza dalla Val Veny dal santuario di Notre Dame de la Guerison raggiunto in autobus;
- fino al Rifugio Monte Bianco su strada, poi risalito verso il Col Checrouit. A parte la palina alla partenza mancano le indicazioni, quindi ho prima risalito la ripida pista da sci, poi quando questa spiana ho risalito il ripido pendio prativo a sinistra fino a ritrovare una sterrata che dopo una svolta porta al colle dove vi sono le indicazioni per le varie piste. Discesa per sentiero al Rifugio Le Randonneur (indicazioni)
- Percorso il sentiero TMB fino a prendere il sentiero per il Colle di Youla (che dovrebbe essere il n. 8 da cartina). Al bivio mancano le indicazioni (le ho cercate più volte pensando non averle viste); in salita un riferimento è un cumulo di sassi, in discesa guadando il torrentello si vede chiara la traccia che su prato entra nel vallone. Il sentiero, una volta imboccato, è sempre marcato; si perde un po’ attraversando i prati ma poi lo si ritrova e porta al colle senza possibilità di sbaglio.
- Al Colle di Youla ho imboccato il sentiero 10, che dal colle va via in piano, aggira il costone e poi risale la spalla erbosa fino a riportarsi in cresta, lungo la quale si arriva al Col Charmonts dove poi ridiscende per arrivare, col tratto a mezza costa, al Colle del Berrio Blanc. Questo sentiero è marcato bene, vi sono anche bolli di vernice fosforescente.
- Al Col Charmonts mi sono fermato, ridisceso al Colle Youla ho traversato al Col d’Arp e da questo disceso a Dolonne.
Grazie alla moglie per il recupero a Dolonne e coffee-break a Courmayeur

L’unico segno ad indicare lo stacco per il Col di Youla dal sentiero TMB. La vera evidenza è la traccia del sentiero che entra nella Comba des Vesses

Dal Col di Youla panorama sulla Val Veny

Il sentiero 10 visto alla partenza dal Colle di Youla

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: In auto a Hospice GS Bernardo
Come detto nella descrizione itinerario, una breve e facile gita partendo da l’Hospice con destinazione una meta molto panoramica. Percorso come descritto, in un’oretta circa si arriva in cima.
Giornata calda e soleggiata, peccato per le nubi sulle creste del Bianco e su Gd Combin e Velan.

Oggi con Frank, grazie mitico per la sgambata in compagnia.
E grazie alla moglie per la gita.


Il sentiero alla partenza, contraddistinto dall’indicazione “Chemin de montagne”.

Salendo sul sentiero, ben segnalato da segni bianco-rossi. Aggirato il costone appariranno il colle e la punta

Appaiono il Col des Chevaux e la Pointe des Lacerandes

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: In autobus a La Balme
Gita un po’ all’insegna del ravanage. La transenna alla partenza ho pensato che fosse una delimitazione per il bestiame così non ho fatto caso al cartello ed ho proseguito. Il sentiero 4 in alcuni tratti è di difficile individuazione, ad un bivio la sua traccia diventa labile e non si vedono i bolli gialli così ho seguito una traccia più marcata che mi ha portato, un po’ seguendo i segni rossi e un po’ ad intuito, all’alpeggio di Montagnole dove ho ripreso la poderale ritornando al bivio con le paline. Qui ho seguito le indicazioni che mandano sul sentiero; sbucato agli alpeggi di Arp ho cercato il proseguimento del sentiero, in mancanza di segni ho preso una traccia che mi sembrava più marcata che poi è però quasi scomparsa, ma tra rovi e rami rotti sono arrivato agli alpeggi di Peson. Qui ho ripreso la poderale fino al tramaglio e poi ho risalito il vallone. Volevo arrivare fino al Ricovero Reggiani ma poi non vedendo tracce di sentiero per il lago, ad un sasso con bolli ho deviato nel Vallon des Charmots arrivando, quasi in falsopiano, sotto il lago, a cui si arriva risalendo l’ultimo gradino. Dal lago risalito il sovrastante promontorio per avere una vista migliore del lago e del sentiero che porta al Colle del Berrio Blanc.
Ritorno seguendo l’emissario. Sulla poderale, al bivio con le paline ho imboccato il sentiero 4, che è chiuso solo con un nastro e senza nessuna indicazione; arrivato al torrente ho trovato la frana che però si attraversa con un po’ di attenzione.
Gita di soddisfazione per l’ambiente selvaggio e solitario in cui si trova il lago. Fosse rimasta un po’ più di energia la risalita per ghiaioni al sentiero che porta al Colle del Berrio Blanc era un must.

Grazie alla moglie per il recupero a Pre Saint Didier.

Indicazioni alla partenza a La Balme

La transenna all’imbocco sentiero

Agli alpeggi d’Arp. Il sentiero prosegue lungo il muro a secco (freccia) ma non vi sono indicazioni. La targa nel circoletto manda fuori strada.

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Planes (Alpeggio le) da Morgonaz (20/01/20)
    Ordieri (Corma degli) da San Germano, anello per Nomaglio e San Giacomo (04/01/20)
    Trois Villes (Frazione) da Quart, anello per la Cappella del Beato Emerico (28/12/19)
    Maletto (Frazione) da Airale, anello per Trovinasse (12/12/19)
    Oropa (Santuario di) da Biella (13/11/19)
    Breuil (Colle) anello da La Cretaz (26/10/19)
    Tormotta o Tormottaz da Lago del Verney (23/08/19)
    Berrio Blanc (Colle del) da Courmayeur, anello per Col de la Seigne, Col des Charmonts e Mont Fortin (22/08/19)
    Lacerandes (Pointe des) dal Colle del Gran San Bernardo per il Pas des Chevaux (21/08/19)
    Plate (Lac de la) da La Balme (14/08/19)
    Liconi (Alpeggi) da Grassey, anello per Villotte (04/08/19)
    Les Ors (Lago di) da Morge, anello (17/06/19)
    Bonalé o Bonalex (Alpe) da Planaval (26/05/19)
    Brise (Mont) da Prè Saint Didier, anello (05/05/19)
    Charvaz (Frazione) da Cours, anello (06/04/19)
    Costablina (Alpeggio) da Chabodey, anello (23/03/19)
    Arp de Sorè (Alpeggio) da Prè Saint Didier (10/02/19)
    Noire (Tete) da Planaval (21/10/18)
    Praz Damon (Becca di) da Mondanges (15/09/18)
    Mort (Mont) da Saint Rhemy en Bosses, anello (08/09/18)
    Dalmazzi Cesare (Rifugio) da Arnouva (26/08/18)
    Petit Mort (Mont) dal Colle del Gran San Bernardo (24/08/18)
    Barasson (Punta) da Eternon per il Colle Barasson Est (21/08/18)
    Valaisan (Monte) dal Colle del Piccolo San Bernardo, anello (20/08/18)
    Creton du Midi da Planaval (18/08/18)
    Faveroy (Col) da Runaz (16/08/18)
    Bois (Tète du) dal Pont di Saint Leonard, anello per la Comba Flassin (14/08/18)
    Serena (Testa),Testa dei Frà, Punta Fetita da Challancin, anello per i Laghi Dziule (12/08/18)
    Champillon (Col) da Saint-Rhemy en-Bosses (28/07/18)
    Crevacol (Testa di) da Planaval, traversata a Pra Farcoz per i colli Serena, Ceingles, Saint Rhemy (07/07/18)
    Balcone val Veny da La Visaille (23/06/18)
    Bonalé o Bonalex (Alpe) da Planaval (02/06/18)
    Arpy (Villaggio) da Pré-Saint-Didier (26/05/18)
    Bonalé o Bonalex (Alpe) da Planaval (06/05/18)
    Arpy (Villaggio) da Pré-Saint-Didier (22/04/18)
    Charvaz (Villaggio) da Challancin, traversata a Ecours (28/01/18)
    Trovinasse (Frazione) da Cesnola, anello per Chiaverina (05/01/18)
    Les Ors (Alpeggio) da Cheverel (26/12/17)
    Piccolo San Bernardo (Colle del) da Pont Serrand (26/11/17)
    Noir (Bec) da Prailles, anello per il Colle Orientale del Menouve (21/10/17)
    Liconi (Testa di) da Morge (14/10/17)
    Orfeuille (Mont) da La Clusaz (26/08/17)
    Plan Praz e Fort S. Maurice (fortificazioni), itinerari delle miniere da Bouic (18/08/17)
    Lesache (Aiguille de) o des Sasses dal versante Est (17/08/17)
    Paramont (Col de) da la Clusaz (14/08/17)
    Molline (Colle) da Prailles, anello (12/08/17)
    Lesache (Aiguille de) o des Sasses dal versante Est (07/08/17)
    Jeunes (Tete des) da Elevaz per l’alpeggio di Plan Praz (22/07/17)
    Seigne (Col de la) da La Visaille, giro delle Pyramides Calcaires (16/07/17)
    Crosatie (Punta) da La Salle, traversata a Planaval per il Col Crosatie (02/07/17)
    Verconey (Becca di) da Revers per l’Alpe di Boregne (24/06/17)
    Valletta (Punta) da Morge, traversata a Saint Rhemy per i Laghi di Dzioule (10/06/17)
    Chetif (Mont) da Zerotta (03/06/17)
    Fortin (Mont) da Alpe Porassey e il col Chavannes (21/05/17)
    Checrouit (Colle) da Courmayeur, anello (30/04/17)
    Fetita (Punta) o Falita da Challancin (23/04/17)
    Vens (Frazione) da La Salle, anello per Charvaz-Vedun (10/04/17)
    Les Ors (Alpeggio) da Cheverel (19/03/17)
    Gregorio (Monte) da Brosso, anello per il Monte Cavallaria e le Colme (08/03/17)
    Crammont (Alpeggi del) da Elevaz (26/02/17)
    Frà (Testa dei) da Morge per il Colle Fetita (19/02/17)
    Faveroy (Col) da Runaz (07/01/17)
    Court de Bard da Challancin (27/12/16)
    Fetita (Col) o Falita da Cheverel, anello per Vedun e Charvaz (25/12/16)
    Cotteun (Alpeggio), da Valgrisenche per il Vallone di Plontaz (04/12/16)
    Checrouit (Colle) da Courmayeur, anello (20/11/16)
    Banderray (Col du) da Arnouvaz (02/10/16)
    Boccalatte Gabriele - Piolti Mario (Rifugio) da Planpincieux (11/09/16)
    France (Becca) da Vetan (05/09/16)
    Colmet (Mont) da La Thuile, traversata a La Salle per la cresta SO (03/09/16)
    Crevacol (Testa di) da Planaval, traversata a Pra Farcoz per i colli Serena, Ceingles, Saint Rhemy (27/08/16)
    Bellecombe (Vallone) da Arnouvaz per punta 2890 m in traversata per Vallone Malatra (21/08/16)
    Veis (Aiguille des) da Lago Verney, per i Ghiacciai di Hermite e Arguerey (19/08/16)
    Finestra (Colle) da Valgrisenche, traversata a Rhemes Notre Dame per il Vallone di Pra Londzet (18/08/16)
    Rousses (Sommet des) dal lago di Verney per il Colle della Pointe Rousse (16/08/16)
    Colmet (Monte) dal Colle San Carlo per la cresta NO (13/08/16)
    Piccolo Monte Bianco o Petit Mont Blanc da La Visaille (11/08/16)
    Ravelli don Luigi (Bivacco) da Surrier (08/08/16)
    Planaval (Passo di) da Planaval (24/07/16)
    Tos (Becca di) da Plantè per Maison Forte (16/07/16)
    Belle Combe (Mont de) da Arnouvaz (10/07/16)
    Grand Creton da Planaval per il Lago di Bonalex (03/07/16)
    Croce (Punta della) dal Colle San Carlo (12/06/16)
    Belle Combe (Alpeggi), da Arnouvaz per le Alpi di Tsa da Jean (05/06/16)
    Faceballa (Monte) da Ollomont per il Col Breuson (03/06/16)
    Crammont (Mont) da Elevaz (21/05/16)
    Liconi (Testa di) da Morge (07/05/16)
    Colombo (Monte) da Runaz, anello per Lolair (24/04/16)
    Serena (Col) da Planaval (09/04/16)
    Faveroy (Col) da Runaz (13/03/16)
    Ticino (Parco del) da Sette Fontane per i Navigli Langosco e Sforzesco (21/02/16)
    Fortin (Mont) da Alpe Porassey e il col Chavannes (27/12/15)
    Po (Parco fluviale del) confluenza Marcova-Roggia Stura-Sesia (13/12/15)
    Noire (Tete) da Planaval (08/12/15)
    Tillac (Alpe) da Chabodey (06/12/15)
    Anello Confluenza Po Dora Baltea (28/11/15)
    Sans Fond (Lac, Pointe du) dal Colle del Piccolo San Bernardo (14/11/15)
    Belvedere (Monte) da La Thuile, anello per il Colle PS Bernardo (07/11/15)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne, anello (25/10/15)
    Tronche (Tète de la) da Lavachey, anello per Passo Entre Deux Saut e Col Sapin (11/10/15)
    Rousses (Sommet des) dal lago di Verney per il Colle della Pointe Rousse (26/09/15)
    Liconi (Testa di) da Morge, anello per la Testa Drumiana (24/09/15)
    Ticino (Parco del) da Sette Fontane per i Navigli Langosco e Sforzesco (20/09/15)
    Cornet (Monte) da Planaval per Plan Petet e Becca Cèrè (06/09/15)
    Mont (Col du) traversata la Sassiere - Valgrisenche per l’Arete de Montseti (31/08/15)
    Rouges (Dents) da la Joux per il Col Tachuy (29/08/15)
    Ruitor (Refuge du) da La Joux per il Col Tachuy (22/08/15)
    Gran Becca du Mont Cresta Nord (20/08/15)
    Chambave (Colle di), da Grassey per l’Alpe Gran Plan (18/08/15)
    Fourclaz (Mont de la) o Sommet des Rousses da l’Hospice per il Passage des Trois Moines (17/08/15)
    Ouillon (Col de) traversata Les Chapieux-Colle PS Bernardo (11/08/15)
    Liconi (Alpeggi) da Grassey, anello per Villotte (10/08/15)
    Sainte Julien (Monte) da Champremier (26/07/15)
    Sans Fond (Lac, Pointe du) dal Colle del Piccolo San Bernardo (25/07/15)
    Angeli (Rifugio degli) da Bonne (18/07/15)
    Ticino (Parco del) da Cameri a Santa Maria in Binda, Nosate (16/07/15)
    Feluma (Punta) da Plantè (11/07/15)
    Giasson (Becca di) da Usellières per il Rifugio Bezzi (26/06/15)
    Vaudet (Col de) o du Rocher Blanc da Surrier per il rifugio Bezzi (06/06/15)
    Vuert (Lago di) da Usellieres per il Rifugio Bezzi (06/06/15)
    Serena (Testa),Testa dei Frà, Punta Fetita da Challancin, anello per i Laghi Dziule (01/06/15)
    Belleface (Roc du) da Ospizio del Piccolo San Bernardo (31/05/15)
    Ticino (Parco del) dal ponte di Bereguardo al Ponte della Becca (17/05/15)
    Ticino (Parco del) da Cameri al ponte coperto di Pavia (09/05/15)
    Ticino (Parco del) da Cameri alla Sforzesca lungo il Naviglio Sforzesco (25/04/15)
    Ticino (Parco del) Boschi dei Ronchi alla Sforzesca (25/04/15)
    Ticino (Parco del) da Cassolnovo, giro per Molino Morabass (21/04/15)
    Ticino (Parco del) da Cameri all’Isola del Mandelli a Cassolnovo (19/04/15)
    Ticino (Parco del) da Cameri all’Isola del Mandelli a Cassolnovo (12/04/15)
    Breuil (Vallone) da La Thuile, anello degli alpeggi (06/04/15)
    Liconi (Alpeggi) da Grassey, anello per Villotte (04/04/15)
    Liconi (Alpeggi) da Grassey, anello per Villotte (08/03/15)
    Lex (Mont de la) da Lavancher, anello (05/01/15)
    Mottarone da Stresa (31/12/14)
    Tronche (Tète de la) da Villair, giro della Val Sapin (14/12/14)
    Frà (Testa dei) da Morge per il Colle Fetita (22/11/14)
    Court de Bard da Challancin (02/11/14)
    Fornet (Punta) da Pont Serrand, anello (31/10/14)
    Rousses (Sommet des) dal lago di Verney per il Colle della Pointe Rousse (18/10/14)
    Fortin (Mont) da La Visaille (23/09/14)
    Lancebranlette (Mont) dal Colle del Piccolo San Bernardo (22/09/14)
    Battaglione Aosta (Colle) da Morge traversata verso Val Ferret (20/09/14)
    Gervasutti Giusto (Bivacco) da Lavachey (30/08/14)
    Bella Comba (Laghi) da La Joux (23/08/14)
    Grand Creton da Planaval per il Lago di Bonalex (21/08/14)
    Ponteilles (Laghi di), anello da La Joux per il Monte Bella Valletta (16/08/14)
    Serena (Cresta), punta 2785 m da Planaval per la punta 2710 m (11/08/14)
    Creton du Midi da Planaval (19/07/14)
    Retour (Lac e Col) da La Rosiere (18/07/14)
    Varin (Combe) da La Thuile (06/07/14)
    Gervasutti Giusto (Bivacco) da Lavachey (05/07/14)
    Beigua (Monte) da Pratorotondo, per i Monti Rama, Fontanaccia, Ermetta, Grosso, Sciguello (07/06/14)
    Belleface (Mont, Punta Sud) da La Thuile (01/06/14)
    Traversette (Col de la) dal Colle del Piccolo S.Bernardo (31/05/14)
    Torrent (Vallone) Colle 2657 m anello nel Vallone di Youlaz (17/05/14)
    Mucrone (Monte, anticima) da Oropa (04/05/14)
    Madonna del Sasso (Santuario) per il Sentiero degli Scalpellini (03/05/14)
    Ticino (Parco del) Anello Diramatore Vigevano, Terdoppio, Naviglio Sforzesco (01/05/14)
    Fetita (Punta) o Falita da Challancin per il Col de Bard (06/04/14)
    La Veullotaz (alpeggi) traversata da Derby a Runaz (16/03/14)
    Depretis (Canale) dal Casello Restituzione all’Elvo (02/03/14)
    Beigua (Monte) da Alpicella per le Giare dell'Olio (23/02/14)
    Les Ecules (alpeggio) da Planaval (09/02/14)
    Croce (Punta della) da Colle San Carlo (27/12/13)
    Court de Bard da Challancin (23/12/13)
    Frà (Testa dei) da Morge per il Colle Fetita (01/12/13)
    Battaglione Aosta (Colle) da Planaval (17/11/13)
    Birdwatching nel Parco del Ticino (03/11/13)
    Birdwatching nel Parco del Ticino (02/11/13)
    Birdwatching nel Parco del Ticino (01/11/13)
    Creton du Midi da Planaval (19/10/13)
    Creton du Midi da Planaval (06/10/13)
    Barasson (Tète) per la Còte de Barasson (22/09/13)
    Basei (Punta) da Thumel per il Colle Nivolettaz (21/09/13)
    Basei (Punta) da Thumel per il Colle Nivolettaz (07/09/13)
    Serena (Cresta), punta 2785 m da Planaval per la punta 2710 m (24/08/13)
    Rossa della Grivola (Punta) da Cogne per il Bivacco Gratton (22/08/13)
    Tour Ronde da la Clusaz (20/08/13)
    Zette (Alpeggio) da Mugnoz a Rhemes Saint Georges (18/08/13)
    Paramont (Monte) Via Normale da la Joux (16/08/13)
    Pan di Zucchero o Pain de Sucre da Montagna Baus per il versante NO (15/08/13)
    Deffeyes (Rifugio) da Chabodey per il Passo di Leseney (13/08/13)
    Grand Creton da Planaval per il Lago di Bonalex (11/08/13)
    Folliet (Croce di) da Chabodey, anello (21/07/13)
    Ravelli don Luigi (Bivacco) da Surrier (20/07/13)
    Arp (Testa) da Dolonne (07/07/13)
    Fond (Lac sans) dal Piccolo S. Bernardo (22/06/13)
    Colombo (Monte) da Runaz, anello per Lolair (08/06/13)
    Madonna del Viriveri (Santuario) da Ronsecco, giro (02/06/13)
    Court de Bard da Challancin (26/05/13)
    Santa Maria di Lucedio (Abbazia) da San Giacomo Vercellese per il Canale del Rotto (12/05/13)
    Lucedio (Abbazia) da Livorno Ferraris per il Canale Depretis (25/04/13)
    Colombo (Monte) da Runaz, anello per Lolair (13/04/13)
    Arp (Colle) per il Vallone di Youla (16/03/13)
    Arp de Sorè (Alpeggio) da Prè Saint Didier (03/02/13)
    Serena (Col) da Planaval (12/01/13)
    Charvaz (Villaggio) da Challancin, traversata a Ecours (26/12/12)
    Charvaz (Villaggio) da Challancin, traversata a Ecours (23/12/12)
    Serena (Col) da Planaval (02/12/12)
    Serena (Col) da Planaval (17/11/12)
    Bertone Giorgio (Rifugio) da Planpincieux (16/11/12)
    Pouegnenta o Pugnenta (Becca) dal Colle San Carlo (20/10/12)
    Lenteney (Laghi di) da Chabodey (03/10/12)
    Fourchon (Mont) da Montagna Baus (01/10/12)
    Rutor (Testa del) Via Normale da La Joux per il Rifugio Deffejes (09/09/12)
    Hess Adolfo (Bivacco) da La Visaille (07/09/12)
    Artanavaz (Aiguille d') da Planaval per l'Alpe Bonalex (26/08/12)
    Miravidi (Monte) e Punta dei Ghiacciai dal Lago Verney (23/08/12)
    Liconi (Alpeggi) da Grassey, anello per Villotte (22/08/12)
    Breuil (Colle) anello da La Cretaz (20/08/12)
    Chaligne (Punta) da Buthier (17/08/12)
    Lechaud (Punta) dal Lago Verney per Vallone di Breuil (15/08/12)
    Morion (Monte) o Mont Rion da Porliod per il Col du Salvè, anello (14/08/12)
    Mombarone (Colma di) e Punta Tre Vescovi da San Giacomo (31/07/12)
    Colmet (Monte) dal Colle San Carlo (22/07/12)
    Banderray (Col du) da Arnouvaz (21/07/12)
    Baisse Pierre (Frazione) da la Ravoire e l'oasi naturale di Lolair (07/07/12)
    Terrasse (Col de la) sulle tracce dei dinosauri (05/07/12)
    Fetita (Punta) o Falita da Challancin (24/06/12)
    Deffeyes (Rifugio) da Chabodey per il Passo di Leseney (22/06/12)
    Vallettaz (Monte) da La Salle per il Lago di Tillac (04/06/12)
    Lancebranlette (Mont) dal Colle del Piccolo San Bernardo (02/06/12)
    Tillac (Alpe) da Chabodey (20/05/12)
    Arpy (Villaggio) da Pré-Saint-Didier (01/05/12)
    Brolliat (Mont) da Chabodey (28/04/12)
    Liconi (Testa di) da Morge, anello per la Testa Drumiana (09/04/12)
    Court de Bard da Vedun, anello (08/04/12)
    Leseney (Alpeggio) In traversata da La Salle a Runaz (06/04/12)
    Cormet (Mont) da Lavancher (11/03/12)
    Liconi (Alpeggi) da La Ruine (12/02/12)
    Ticino (Parco del) da Cameri a Santa Maria in Binda, Nosate (22/01/12)
    Les Ors (Alpeggio) da Cheverel (08/01/12)
    Les Ecules (alpeggio) da Planaval (07/01/12)
    Ticino (Parco del) da Boffalora allo Scolmatore ad Abbiategrasso (26/12/11)
    Ticino (Parco del) da Turbigo, giro per Boffalora (08/12/11)
    Liconi (Testa di) da Morge (27/11/11)
    Ticino (Parco del) da Cameri a Santa Maria in Binda, Nosate (20/11/11)
    Fetita (Col) o Falita da Cheverel, anello per Vedun e Charvaz (13/11/11)
    Ticino (Parco del) da Sette Fontane per i Navigli Langosco e Sforzesco (30/10/11)
    Ticino (Parco del), Anello SS527 – SS336 (16/10/11)
    Ticino (Parco del), Anello SS527 – SS336 (09/10/11)
    Ticino (Parco del) da Cameri allo sbarramento della Miorina (01/10/11)
    Ticino (Parco del) da Cameri a Porte Canale Villoresi e Turbigo (11/09/11)
    Gonella Francesco (Rifugio) al Dome da La Visaille (27/08/11)
    Paramont (Monte) Via Normale da la Joux (25/08/11)
    Entrelor (Cima di) dai Piani del Nivolet (20/08/11)
    Ticino (Parco del) da Cameri al Belvedere di Tornavento (15/08/11)
    Maurin (Punta) da Usellieres (06/08/11)
    Freduaz Oriental (Mont) Traversata La Thuile-PS Bernardo via Col Lex Blanche (04/08/11)
    Sachère (Colle della) da Bivio Surrier-Grand Alpe (01/08/11)
    Meyes (Vallone) Anello dal Ponte del Gran Clapey (26/07/11)
    Bella Comba (Laghi) da La Joux (24/07/11)
    Charfiere (Monte) traversata da Arnouvaz a Lavachey (08/07/11)
    Belle Combe (Mont de) da Arnouvaz (26/06/11)
    Artanavaz (Aiguille d') da Planaval per l'Alpe Bonalex (12/06/11)
    Brolliat (Mont) da Chabodey (21/05/11)
    Brolliat (Mont) da Chabodey (08/05/11)
    Crammont (Mont) da Elevaz (25/04/11)
    Cormet (Mont) da Lavancher (03/04/11)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (05/03/11)
    Citrin (Col) da Cerisey (19/02/11)
    Bertone Giorgio (Rifugio) da La Saxe (23/01/11)
    Gollien (Cime di) spalla 3085 m da Bruil, anello per Testa Entrelor e Vallone Sort (22/01/11)
    Ticino (Parco del) da Cameri al ponte di Trecate (16/01/11)
    Larzey (Alpeggio) traversata da La Salle a Runaz (08/01/11)
    Court de Bard da Challancin (26/12/10)
    Cavour (Canale) da Cameri al Ticino (11/12/10)
    Malatrà (Col de) da Saint Rhemy, traversata a Lavachey per il Col Ceingles (02/10/10)
    Bioula (Punta) da Eaux Rousses (06/09/10)
    Banderray (Col du) da Arnouvaz (05/09/10)
    Traversette (Col de la) dal Colle del Piccolo S.Bernardo (08/08/10)
    Granta Parei via Normale da Thumel (06/08/10)
    Lechaud (Punta) da La Thuile per il Colle della Bassa Serra (03/08/10)
    Blanc (Truc) Via Normale da Usellières per il Rifugio Bezzi (18/07/10)
    Rosset (Colle) dai Piani del Nivolet (16/07/10)
    Miage (Lago del) da La Visaille per il Lago Verde (15/07/10)
    Tos (Becca di) da Revers, anello per Maison Forte e Plantèe (13/07/10)
    Ouille (Mont) da Pont Serrand, versante Sud (11/07/10)
    Cormet (Mont) da Lavancher (04/07/10)
    Camino (Monte) Traversata Fontainemore – Santuario di Oropa (26/06/10)
    Cormet (Mont) da Lavancher (20/06/10)
    Liconi (Testa di) da Morge, anello per la Testa Drumiana (23/05/10)
    Faveroy (Col) da Runaz (21/05/10)
    Boregne (Alpe) da la Ravoire (17/04/10)
    Crammont (Alpeggi del) da Elevaz (13/02/10)
    Arpy (Villaggio) da Morgex via Parimont (07/01/10)
    Cormet (Mont) da Lavancher (23/11/09)
    Manteau (Col) Anello da Eaux Rousses per il Grand Collet (11/10/09)
    Blanc (Truc) da Thumel (04/10/09)
    Comino Gianni (Bivacco) da Arnouvaz (02/10/09)
    Alto (Passo) Traversata LaThuile a La Salle per i laghi di Usselettes (11/09/09)
    Ruitor (Laghi del) Anello La Thuile-Plan de la Lière-Rif. Deffeyes-Comba Sorda (09/09/09)
    Colmet (Monte) dal Colle San Carlo per la cresta NO (07/09/09)
    Valaisan (Mont) da La Thuile, anello per la Bella Valletta e il per il Rifugio Deffeyes (23/08/09)
    Orgère (Col d') da Pont Serrand (12/07/09)
    Pouegnenta o Pugnenta (Becca) da La Thuile (07/10/08)
    Feluma (Alpe) da le Combes, anello (03/08/08)
    Grande Rochere e Petit Rochere da Planaval (27/07/08)
    Tsaboc (Col de) da Plantè (25/08/07)
    Berrio Blanc (Colle del) da Courmayeur, anello per Col de la Seigne, Col des Charmonts e Mont Fortin (27/09/06)