andrea.paiola


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: nessun problema
nevai da quota 2200, facilmente evitabili e in via di dissoluzione

scesi dal sentiero 628 invaso dalla vegetazione, l'abbiamo perso di vista parecchie volte

bellissima valle, pieno di camosci

ecco le foto

photos.app.goo.gl/7E7LdTZrr1gtLyb49
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: nessun problema
ancora parecchia neve sul percorso: un paio di nevai da attraversare sul sentiero principale, ancora sotto i 2mila slm!!!, si possono evitare... sennò basta portarsi i ramponi per fare i traversi in sicurezza. Occhio a cosa c'è sotto i nevai: il sentiero attraversa dei torrenti.

Verso i 2300 la neve è continua e fino al lago è tutto innevato con accumuli a tratti fino al ginocchio.

ecco le foto: photos.app.goo.gl/wd3v5JCC3Ma5A7Uo7

solo noi a salire, parecchi stambecchi sul percorso

incontrata una vipera sul sentiero, stando ai cartelli sono abbastanza comuni da ste parti

la gita non è breve: tra andare e tornare dovrebbero essere circa 19 Km
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nessun problema, parcheggio deguato
quota neve m :: 2000
Dalla tangenziale abbiamo visto che c'era bufera (nuvole e vento) al Moncenisio, quindi abbiamo cambiato meta andando a finire al Rifugio Toesca e siamo poi saliti fino alla Porta del Villano.

Ottimo rigelo, un po' di vento freddo.
Con le ciaspole si saliva bene, neve continua dai 2mila in su.
Al ritorno la neve mollava parecchio anche a nord sotto i 2300, abbiamo anche visto una piccola valanga nuova, che non c'era al mattino.

Senza ciaspole al ritorno si sarebbe sprofondati fino al ginocchio, ma al mattino si poteva salire anche solo coi ramponi.

ecco le foto

photos.app.goo.gl/gjgguo6LcxRjQV7A7
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada aperta fino al rifugio, nessun problema
quota neve m :: 2100
ultime gite nevose a quote medie... sentite molte valanghe cadere sulle montagne che prendono sole fin dall'alba

nella parte alta ancora tanta neve e coi ramponi si sfondava parecchio a volte, un po' faticosa ma fattibile perchè non molto lunga

al ritorno si sfondava anche con le racchette
oggi tanto caldo, cielo blu, poco vento

in buona compagnia :)=
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ampio parcheggio
Molta neve oltre il rifugio, ci sarebbero volute le ciaspole. Non c'è traccia oltre il rifugio.
oggi vento freddo e sole caldo, si stava benissimo

arrivati fino al rifugio

l'invernale è lucchettata, penso la chiave sia da chiedere al CAI
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: trovato parcheggio in paese
attaccata prestino (7:50) non abbiamo visto molta gente

meteo ideale: freschino ma non troppo e sole coperto, ma la visibilità era ottima

tutto in ordine, il ponte tibetano mi dicono sia sempre più ballerino, ma col tempo che passa penso sia normale
seconda ferrata per me :)

è lunga e ho avuto difficoltà in un solo passaggio col cambio... comunque completata in un tempo ragionevole
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: ampio parcheggio a Cervinia ma si riempie presto
quota neve m :: 2100
Saliti verso le 7:30 sulle piste mentre stavano ultimando la battitura.
Abbandonate presto le piste percorse da mandrie di motoslitte che portano i rifornimenti ai rifugi.
Fuori dalle piste la neve ha una leggera crosta ventata non molto dura su praticamente tutto il percorso.
Sui pendii a nord che precedono il pianoro la progressione è molto difficile perchè la neve tiene molto poco e bisogna scavare in 40 cm di neve per arrivare al fondo e non scivolare: pur usando una coppia di racchette alpinistiche (TSL 438) ho preferito aiutarmi con la picca per non scivolare ad ogni passo e aiutarmi nella progressione. Nei traversi la neve a tratti era talmente inconsistente che ho temuto anche di staccare valanghe, ma non è successo.
La parete finale l'abbiamo abbandonata a 15 metri dalla punta per la troppa neve inconsistente. Era possibile salirla facendo un traverso tutto a sinistra, però così rischi la pelle passando a 30 metri sopra le rocce senza neve e non mi sembrava proprio il caso. Poi ognuno si prende i rischi che vuole.
Neve marcissima e inconsistente anche sulle piste dopo le 14, nonostante le nuvole che correvano nel cielo e la leggera brezza fredda in quota.
Andrea (lui con gli sci) e io gli unici sul percorso a tentare la via dall'Italia. Incontrati un po' di scialpinisti provenienti da Zermatt che scendevano dall'Italia.
Panorama splendido, in piccola parte rovinato dagli impianti nella primissima parte. Meteo mutevole, ma non ha pregiudicato la gita. Neve pessima, consiglio di evitare le nord a quota media, ci sono comunque ancora 40-50 cm di neve inconsistente.
Sentite scariche dal Cervino, l'elicottero ha lavorato tutto il giorno.

tentativo pala finale

stato pala finale
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
quota neve m :: 2200
vedo poca neve, mi sa che ha fatto parecchio caldo, mi porto sulle spalle le ciaspole fino ai 2400 circa... gli impianti comunque funzionano, mi tengo ben lontano e per non rischiare incidenti con altri scialpinisti mi faccio anche una traccia tutta mia, tanto la neve è tutta ventata e ben rigelata...

solo che in basso sotto la crosta è gessosa, invece in alto è ancora farina

la crosta era abbastanza portante la mattina e non si sono formati chissà che lastroni

salendo si alza un vento gelido, sarò anche a -10 se non peggio, e c'è la nuvoletta che ogni tanto copre il sole, ma non rovina il panorama
impianti aperti
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
preso neve tutto il giorno (almeno 30cm di fresca a terra), temperature alte percui in basso era umida

poco sciabile per via della poca visibilità e della neve un po' pesante
siamo arrivati fino al Rifugio Guide del Cervino da Plan Maison in una spedizione di allenamento con poca visibilità


Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: poco parcheggio, ma zona poco frequentata
saliti fin sopra il Lago Fertà, completamente coperto di neve... oltre abbiamo preferito non proseguire per la neve che non dava molto affidamento: consistenza gessosa e pareva vuota sotto la crosta da vento

ramponi e picca consigliabili, ma non indispensabili per la poca neve... occhio ai buchi e ai ruscelli da attraversare... qualche piccolo ponte di neve...
giornata molto soleggiata, per fortuna da mezzogiorno un vento freddo ci ha accompagnati

la valle e la compagnia sono stati splendidi
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Diavolo (Monte del) e quota 2431 m da Campiglia Soana, anello per San Besso e Colle Balma Arietta (16/06/19)
    Clapier (Colle) dalla Val Clarea (08/06/19)
    Villano (Porta del) da Cortavetto (12/05/19)
    Ghicet di Sea da Pian della Mussa (01/05/19)
    Balma (Laghi della) e Rifugio Alpe della Balma da Molè (28/04/19)
    Pirchiriano (Monte) Via Ferrata Carlo Giorda (22/04/19)
    Furggen (Cima del) o Tète de la Forclaz da Cervinia (20/04/19)
    Jafferau (Monte) dai Bacini Frejusia (14/04/19)
    Klein Matterhorn o Piccolo Cervino da Cervinia (07/04/19)
    Unghiasse (Gran Lago d') e Lago della Fertà da Alboni, anello (30/03/19)
    Chaberton (Monte) da Montgénevre per il Colle dello Chaberton (24/03/19)
    Croset (Punta) da Martassina, anello (09/03/19)
    Pian Spigo (Punta) da Vonzo (03/03/19)
    Vaccarezza (Monte) e Cima dell'Angiolino da Letisetto (23/02/19)
    Attia (Col d') da Ala di Stura (09/02/19)
    Albergian (Monte) da Pragelato (26/01/19)
    Civrari (Monte, Punta della Croce) da Soffietti per la cresta Sud (06/01/19)
    Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto (30/12/18)
    Ruceia (la) Via Ferrata di Condove (30/12/18)
    Fournier (Cima) da Bousson (23/12/18)
    Morefreddo (Monte) da Pattemouche (25/11/18)
    Jafferau (Monte) dai Bacini Frejusia (18/11/18)
    Quattro Sorelle (Punta) da Bardonecchia per il Poggio Tre Croci (13/10/18)
    Grand Aréa da Nevache (09/09/18)
    Frema (Tète de la) dai Piani di Stroppia, anello per il Col de Gippiera e Colle Infernetto (19/08/18)
    Ciaslaras (Monte) da Grange Ciarviera, anello per i valloni Maurin e Infernetto (14/08/18)
    Thabor (Monte) da Grange di Valle Stretta (12/08/18)
    Vin Vert (Monte) da Savoulx per le Grange Roche (29/07/18)
    Castore Via Normale per il Rifugio Quintino Sella (14/07/18)
    Vincent (Piramide) e Balmenhorn via Normale da Indren (01/07/18)
    Aquila (Punta dell') da Serre Moretto, anello per Monte Muretto, Cugno Alpet, Punta Meina, Merla, Cucetto (03/06/18)