Barbacan


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Da San Martino salire in direzione dei Bagni di masino. All' ottavo tornante, cercare posto a destra (massimo 3 auto). A
La piazzola di partenza era stata appena pulita dalle erbacce. All'attacco abbiamo trovato uno spit a sinistra (variante?). La sosta sommitale è un pochino scomoda, specie per noi che abbiamo dovuto aspettare 15' prima di calarci (via molto affollata).
Bella via sportiva su un granito spettacolare, ben spittata e che tra diedri svasi, belle placche, e passi pepati, regala un'arrampicata divertente e molto d'aderenza.

Secondo tiro

Il diedro svaso del terzo tiro

La valle dell'Oro ci osserva

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Partiti con l'idea di concatenare Tuono+Baiedo, arriviamo alla Rocca e la troviamo ancora parecchio bagnata. Le nostre vie sono una cascata ed allora mentre aspettiamo che si esaurisca la coda su Solitudine, saliamo Folletto.
Il secondo tiro con la lama rovescia butta acqua, il socio non se la sente ed allora con una doppia siamo alla base e decidiamo di salire Solitudine. Per me è la quarta ripetizione ma Andrea, non avendola mai fatta integralmente, accetta l'idea di salirla.

Esaurita la coda partiamo in alternato mentre dietro di noi arrivano altre due cordate (erano all' Angelone). La via è sempre bella, qualche presa unta ma niente di problematico. Arriviamo alla placca di V e la cedo al compagno così faccio il tiro successivo in dulfer.
Poco dopo siamo in cima, ravanata tra i rovi e poi giù verso il parcheggio e verso l' ALVA.
Giornata caratterizzata da grande sole e caldo!

Nota: sulla variante del primo tiro è stato aggiunto un fittone a circa metà della placchetta mentre sul tracciato originale ne è stato messo un altro a protezione del piccolo strapiombo iniziale (dove c'è una clessidra).
Sulla variante di 6b del secondo tiro è stato anche qui aggiunto un fittone (ora sono tre).
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Salita dopo aver fatto "Tutto di traverso, variante zio Henry". Bella via, anche se corta, impegnativa quanto basta e su calcare superbo. Non banale l'attacco del secondo tiro (più complicato per i corti) e piccante uscita per rimontare il leggero strapiombino (ben protetto) successivo.
In cordata con Angelo ed Ennio.

La via

Alla prima sosta

Partenza del secondo tiro: la via piega a sinistra rispetto al diedro

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Calcare sempre superbo (segno che è poco ripetura), tiro chiave sulla prima lunghezza, poi via via più semplice ma con tanti bei passi in aderenza come piacciono a me.
La parte alta della via, specie sulle ultime lunghezze è un po' disturbata dalla vegetazione, specie in uscita dove i rovi vi spellano le gambe che è un piacere. Portatevi un machete.
Noi abbiamo concatenato L3/L4 e L5/L6.

Solitudine particolarmente affollata

L'attacco di Necropolis

Il primo tiro, quello chiave

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Sul secondo tiro, prima del passaggio chiave, c'è un caminetto apparentemente improteggibile ma si sale comunque (piazzate un friend BD .4 per sicurezza). Oppure potete saltarlo salendo tutto a sinistra e poi riportandosi un paio di metri a destra.
Il diedro chiave è chiodato corto e volendo potete azzerare. Gli altri tiri sono molto belli, da metà via in poi scompaiono i chiodi, ogni tanto qualche spit, tuttavia è impossibile perdersi, basta restare in cresta. Soste parzialmente da attrezzare.

Magnifiche le lunghezze 4 e 6. L'ostico caminetto all' ottavo tiro mi ha dato qualche problema perchè avevo lo zaino e per passarlo ho dovuto lasciarlo e farlo recuperare dal socio. Granito fantastico, grip favoloso.
Via molto bella su granito fantastico. Dieci lunghezze di stampo alpinistico nonostante in via ci sia qualche spit. Sulla cresta eravamo solo noi e peccato che l'andirivieni di nuvole ha oscurato la est del Rosa.

La piramide dello Joderhorn

La est del Rosa

Sulla sinistra, il diedro di attacco

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Via di ripiego per l'enorme affollamento della grigna in questa particolare giornata. Partiti per la Santo Domingo al Pertusio (5 cordate), saliamo in Rosalba per concatenare Cinquantenario e Cecilia. Anche qui la presenza di numerose cordate, rispettivamente 4 e 3, ci fa ripiegare sul Campaniletto, unica via libera.
Appena attacchiamo, altre tre cordate si formano sotto di noi.
Salita veloce ma bella, un po' di intasamento in vetta, poi doppia e birra in Rosalba. Poco male, abbiamo camminato e arrampicato, tutto sommato è stato un bel sabato!

Prima sosta

La fessura del secondo tiro
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Via storica aperta dal Butturini qualche decennio fa. Si sviluppa su calcare superbo, a tratti molto lavorato e magnifiche placche da affrontare in aderenza. Chiodatura sufficiente ma ampie possibilità di integrare, specie sulla placca di V del quarto tiro.
Solitudine è stata la mia prima via alla Rocca. Tecnicamente l'ho trovata non difficile ed alcuni tratti sono più psicologici che pratici, tuttavia non è da sottovalutare. Calcare magnifico, mai unto. Placca stupenda e tiro in dulfer altrettanto bello, peccato che è corto. Inizialmente pensavamo di concatenarla con Folletto ma una cordata ci precedeva, ed allora l'abbiamo percorsa integralmente seguendo il tracciato originale.

All'attacco

Sul secondo tiro. Il tracciato originale passa a sinistra, mentre sulla destra c'è un'invitante variante di 6b

Le case di Baiedo

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Via iper chiodata, quasi propedeutica ma da non sottovalutare. Primo tiro con uscita di piedi, traverso molto bello (anche se corto) e passo chiave, nel terzo tiro, pittosto impegnativo (6a pieno).
Siamo saliti fidandoci del meteo ma che ha toppato in pieno. Davano sole ed invece abbiam arrampicato nelle nuvole e con un freddo becco (3°-4°). Dita anestetizzate dal freddo e difficoltà un pelo più elevate causa temperatura. Da rifare sicuramente in primavera!



[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
La via è varia, didattica, offre un po' di tutto e la chiodatura, non proprio da falesia, dona un po' di pepe alla salita. Inutili friend e nut, soste da attrezzare su fix inox.
Bella gita assieme a Paolo e ad altri due ragazzi freschi di R1.



[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Cresta facile e remunerativa, ottima per mezze giornate o quando in quota fa troppo freddo. Roccia lavoratissima, ricca di appigli, clessidre, buchi. Soste tutte da attrezzare tranne una alla base del camino di IV (unto ma evitabile salendo le rocce a destra). E' sufficiente una mezza corda da 50, noi abbiamo usato una da falesia da settanta metri ed era eccessiva. Possibilità di fare dei lunghi tratti in conserva dopo il camino, sulla cresta ormai abbattuta (si risparmia parecchio tempo). Nell'ultimo tiro prima del ponte conviene salire a sinistra dove la roccia è meno friabile.



[visualizza gita completa]