Vens (Passo) traversata Pontebernardo-Preinardo

La gita

Sciabilità :: **** / ***** stelle

osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti

neve (parte superiore gita) :: crosta portante

neve (parte inferiore gita) :: umida

note su accesso stradale :: ok

quota neve m :: 1400
Nella parte iniziale della gita la neve è portante fino al sorgere del sole ma non è ancora trasformata a causa delle recenti nevicate.Siamo arrivati al colle con gli sci ai piedi e senza l'ausilio dei coltelli fino alla base della cornice che si riesce a superare anche con gli sci.Nel versante francese grazie ad un buon fondo rimanendo nel centro del vallone abbiamo sciato più che bene.Non è andata così la discesa del Vallone Forneris caratterizzata da neve pesante soprattutto in alto dove si deve ancora trasformare.
Un pochino meglio in basso ma alle 14.00 non si può pretendere di più con lo zero termico a 3000 m già dalla mattina.
Abbiamo fatto questa traversata in 13 e grazie all'ambiente capace di stimolare le nostre emotività,il tempo è volato, lasciandici ricordi indimenticabili.Da ripetere con condizioni diverse (invernali o primaverili) per completare la conoscenza di questa parte di Alpi marittime, ritenuta da buoni intenditori una delle più selvagge.

Gita caricata il 27/04/10

Le foto

Enrico all'inizio dei prati del vallone.
Prima sosta al sole sotto il rif. della Lausa.
Prima del canale.
Nella parte terminale del canale sotto il col di Vens.
Sulla cornice del colletto.
Veduta sui laghi di Vens.
Michele scende dal colletto per aiutare sua moglie.
Ultimi metri , i più ripidi.
Fine della discesa dal col de Vens
Si sale verso il collet de Tortisse 2591 m.
Sul collet de Tortisse.
Traverso esposto per arrivare al Colle del Ferro.
Colle del Ferro 2584 m.
La sosta prima della gorgia del Forneris.
Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Varie
quota partenza (m): 1312
quota vetta/quota massima (m): 2790
dislivello totale (m): 1500