Tresenta (la) da Pont Valsavarenche

La gita

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle

note su accesso stradale :: Nulla da segnalare

Partiti per fare il Ciarforon al colle di Moncorvè abbiamo deciso di rinunciare. La nostra meta era infatti nascosta in una nebbia fittissima e non si intravedevano schiarite. Oltretutto dal ghiacciaio in su erano presenti circa 20 cm di neve fresca che coprivano le rocce e rendevano laboriosa la ricerca degli spit sulle roccette....
In queste condizioni avevamo troppa paura di non concludere niente, perciò con un lungo giro verso nord ci siamo portati sotto il pendio finale della tresenta (scomodo, con parecchi massi e resti di ghiacciaio) e tracciando sul pendio vergine (in certi punti anche 30 cm di neve vergine!) evitando qualche crepaccio fino sulla cresta finale che è stata divertente con le rocce innevate! Panorama che man mano si è aperto sul Ciarforon e la parte alta del vallone di Noaschetta e di Moncorvè. Per il resto tante nubi.....
Mentre scendevamo si è aperto ulteriormente lasciandoci intravedere la Monciair....per poi chiudersi di nuovo nella discesa dal rifugio! E meno male che ha fatto solo qualche goccia....temevamo una lavata epocale!
In compagnia di Mauro e Monica, sempre ottimi compagni di gita!

Gita caricata il 18/09/09

Le foto

In salita sul versante nord della tresenta in mezzo ai crepacci
Vista sul Ghiacciaio di Noaschetta e la Punta di Ceresole
Versante nord della tresenta
Dalla vetta della Tresenta vista sul vicino Ciarforon
Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

difficoltà: F :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Ovest
quota partenza (m): 1960
quota vetta (m): 3609
dislivello complessivo (m): 1649

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale