Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio

La gita

Sciabilità :: *** / ***** stelle

osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti

neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta

neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida

note su accesso stradale :: in auto sino a Pian della Regina -4 x 4 autovettura con ruote termiche

quota neve m :: 1400

attrezzatura :: scialpinistica

Arrivati a Pietreporzio, con l'idea di fare il Tenibres, imbocchiamo la strada per il Pian della Regina, troviamo tratti di neve quasi subito e desistiamo.Tornati indietro incontriamo amici della SUCAI (grazie Elisa e Roberto) che ci riferiscono che hanno avuto conferma della percorribilità della strada fino a Pian della Regina, e che hanno come meta la Testa della Costabella del Piz. Visto l'innevamento in zona più copioso di quanto avevamo immaginato, decidiamo di cambiare meta e di fare una gita più breve. Arrivati a Pian della Regina in auto, pochi minuti di portage e partiamo subito sci ai piedi seguendo il sentiero che sale tortuoso verso nord.
La neve non è così abbondante sulla stradina/sentiero e la battitura è poco faticosa. Usciti sui piani superiori il sole scalda sempre più il manto nevoso ed in alcuni tratti si cominciano ad avere problemi di zoccolo sotto le pelli...Andrea non riuscirà più a liberarsene ed arriverà stoicamente in cima con uno zoccolo mostruoso sotto gli sci.
La parte alta di salita ha i pendii abbastanza carichi per l'ultima neve caduta, e siccome non è ancora salito nessuno, ci tocca battere traccia su 20 cm abbondanti di neve già un pò appesantita dal sole. Arrivati in cima, splendido panorama sulle cime circostanti, peccato per le nuvole presenti in lontananza che non permettono di spaziare con la vista a più ampio raggio.
Parte alta della discesa su farina un pò pesante ma molto sciabile. Parte mediana della discesa fino oltre la baita su neve trasformata, sempre più portante e divertente man mano che si scende. Una volta imboccato il bosco più fitto, neve molto pesante, sciabile con fatica, verso la fine è consigliabile non avventurarsi troppo fuori dal sentiero stradina, il fondo non è più così consistente.
La valutazione della sciabilità è una media tra le quattro stelle abbondanti della parte superiore e le tre stelle della parte inferiore, che verso la fine del vallone sopra Pian della Regina tendono ad essere due.
Giornata di sole in ambiente splendido, solo noi e i ragazzi dello SBA2 della SUCAI sul percorso.
In ottima compagnia degli Andrea, formazione consolidata che è sempre garanzia di belle scorribande sui monti.
gita coronata da un abbondante pasto alla racletteria La Meridiana di Sambuco: antipasti squisiti ed un agnello sambucano favoloso

Gita caricata il 14/04/19

Le foto

Partenza da Pian della Regina
Uscendo dalla parte fitta del bosco
salendo verso i piani superiori
In vista dell'ultima parte della salita
Vallone di salita dai pendii superiori sottostanti la pala finale della Costabella del Piz
Ultimo tratto di salita
Guardando verso la Francia dalla vetta
Il Becco Alto d'Ischiator
tracce di discesa e di salita sulla parte finale della gita
discesa nella parte mediana del percorso
Descrizione completa dell'itinerario