Ruissas (Monte) da Lausetto

La gita

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle

osservazioni :: nulla di rilevante

neve (parte superiore gita) :: crosta non portante

neve (parte inferiore gita) :: altro

note su accesso stradale :: Si arriva in auto senza problemi fino a Colombata

quota neve m :: 2000
La neve è pressoché sparita fino a 2.000-2.100 metri. Di fatto si arriva camminando con un normale paio di scarponi fino al Monte Cappel (m. 2.363). Da Piagnelier la neve diventa vera, già in trasformazione.
La discesa, dopo le 12, richiede attenzione perché la neve è molto acquosa e facilita le scivolate. Dal Monte Cappel fino alla strada sotto le Grange Durazza Sottano occorre fare attenzione a non scivolare per il fango.
Partiti per fare il Monte Chersogno, l'ora un po' tarda e un forte vento sopra i 2.500 metri ci hanno fatto ripiegare sul più tranquillo Monte Ruissas. Scelta azzeccata perché ce lo siamo goduto con calma nell'interezza di entrambe le sue cime in una giornata dal sapore tardo primaverile. Un bell'inizio d'anno con Ewa.

Gita caricata il 01/01/19

Le foto

1/1/2019 - Vento forte in vetta
1/1/2019 - Piagnelier
1/1/2019 - Non c'è più neve sotto i 2.000 metri
Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR :: [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1510
quota vetta/quota massima (m): 2746
dislivello totale (m): 1236