Marinelli (Punta) dalla Diga di Campo Moro

La gita

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle

note su accesso stradale :: ok fino alla Diga di Campo Moro, ampio piazzale

Percorso con buon sviluppo ma scorrevole, peccato che lasciando l'auto al parcheggio sotto il Rifugio Zoia si inizia subito con una discesa fino al di sotto dello sbarramento della diga, dove ha inizio il sentiero vero e proprio. Come da previsioni alle 9 temporale, ero ancora nella fascia boscosa quindi mi sono potuto riparare sotto un albero con tronco sporgente per 20' in attesa che finisse (molti altri escursionisti sono subito scesi); terminata la pioggia belle schiarite in un contesto comunque di variabilità, senza difficoltà fino al Rifugio Carate Brianza con un tratto un po' più ripido. Scollinato dalla sella a monte del rifugio, per arrivare al Rifugio Marinelli qualche saliscendi e poi la salita a tornantini per guadagnare la spianata del rifugio. Da qui in poi il sentiero termina lasciando spazio a tracce, piuttosto agevoli dapprima nel pendio detritico e poi nella pietraia alternata a balze rocciose fino a sbucare sulla spianata alla base del crestone nord per arrivare in cima. Tutto il percorso è privo di neve fino in vetta alla Madonnina. Peccato che anche oggi il meteo non sia stato favorevole a tal punto da permettere di ammirare la mole del Piz Bernina, ma ha lasciato intravedere solo la parte medio-bassa degli enormi ghiacciai in gran sofferenza.
Oggi con la simpatica compagnia di Marco, local di Lanzada partito a piedi da casa e incontrato sul percorso.
Sicuramente con giornate terse è uno dei balconi panoramici migliori sul Bernina.
Descrizione completa dell'itinerario