Omaggio al Vichingo Viaggiatore (Cascata)

La gita

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle

condizioni ghiaccio :: Buono

tipo ghiaccio :: Morbido e a in alcuni tratti vetroso

note su accesso stradale :: pulite fino a Fondo

Partiti consapevoli che sarebbe stata un bella "avventura" con sgambettata che ci avrebbe potuto portare ad un bel rabastone.
Il primo tiro non presenta grandi difficoltà ma è comunque una campana delicata che si appoggia sul laghetto non chiuso ovviamente perciò il riscio più grande è legato ad un eventuale bagno, mentre siamo rimasti sorpresi dallo spettacolare muro finale, abbastanza largo da offrire almeno tre linee differenti di salita, con difficoltà che vanno fino al 3 forse 3+ per la parte a destra che prende un pò tanto sole.
Per la discesa ci siamo avventurati tra i pendii (pur sapendo bene dove ci trovassimo) e anche quà un bel Ravanage tanto per non farci mancare nulla, che si è concluso con comodo arrivo agli zaini.
Salita in ambiente spettacolare, solitario e tranquillo. Il secondo tiro è veramente affascinante, bisogna prestare attenzione a tutte le spade che penzolano sulla sinistra orografica in quanto prendono sole.
Direi molto soddisfatti, divertiti e nemmeno molto stanchi.
Praticamente soli a parte qualche ciaspolatore, scialpinista e alcuni domenichini giunti per caso a Fondo.
Probabile prima salita.
Paccati all'ultimo da Bobo, siamo rimasti io e Alessio.

Le foto

La cascata dal sentiero
Primo salto
Altra campana
Muro finale
Il muro
guardando giu
in cima
Descrizione completa dell'itinerario