Vergia (Punta) da Bergerie Balma

La gita

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle

note su accesso stradale :: Meglio 4x4 fino all'alpe balma

Montagna immersa in silenzi di altri mondi, dimenticata e bella, selvaggia e spartana. Partito nel pomeriggio, non proprio l'ideale.
Dalla Balma (strada cosi cosi) proseguire verso il fondo del vallone lungo un sentiero che costeggia la sx del fiume. Giunti al fondo del vallone vi sono due possibilita': o si prosegue per prati e tracce, abbastanza comodo ma faticoso, oppure si intercetta un sentiero che passa sulla dorsale sx della strettoia del vallone. La direzione e' intuitiva, ma sicuramente in entrambi i casi perderete il sentiero, e alla fine il tratto fuori traccia sara' considerevole. Io ho tirato su per il vallone e la salita e' tranquilla, un po' ripida e molto faticosa solo in prossimita' del colletto della fontana. Qui la traccia evidente gira sul lato Prali, passa ascendendo sotto la cresta lungo prati, che diventano via via piu' ripidi. Alla fine si giunge ad un intaglio, l'ambiente diviene piu' roccioso, e i prati davvero ripidi. Qui, in vista della croce, si deve decidere se tirare su per un evidente canalone fino in cima, o aggirare la cresta tagliando sul ripido (da evitare con ghiaccio o bagnato) per agganciare l'altra cresta e guadagnare la cima.
Io qui mi sono fermato perche' era troppo tardi ormai, a circa 100m sotto la croce. La vetta e' molto slanciata, bella!
Non importa, sara' per la prox. L'importante per me oggi era stare sui monti, e mi sono goduto questa ennesima giornata super con una montagna di tutto rispetto.

Gita caricata il 06/09/16

Le foto

Il tratto percorso, visto dal colle
Il monte Selletta dalla cresta
La cima in ombra (a dx)
Si attraversano ripidi prati verso Prali
Lungo la cresta, sotto la cima
Descrizione completa dell'itinerario