Meije (la) - Doigt de Dieu Face S Integrale

La gita

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle

Bof. Consigliato studiare bene l'attacco, abbiamo dovuto aspettare le prime luci per capire dove attaccare. La parte bassa è in IV-V, fatta tutta in conserva. Marcante il fessurone di 120 metri, ruscello nella prima metà (ma è cosa normale). Fatta praticamente tutta in conserva, 4 ore fino a dove parte l'uscita Chaud. L'uscita Chaud vale la pena, ma la roccia è cattiva, ed il penultimo tiro in discesa e risalita e traverso è abbastanza impressionante, nessuna protezione in loco, come sul tiro finale. Il tiro finale è un 6a "normale", ben proteggibile nella fessura, il mito è più "pesante" che la difficoltà reale. A detta di Fredi gestore del Promontoire, da almeno 7 anni nessuno aveva concatenato parete S e uscita Chaud...
4 ore per arrivare a 12 metri dal doigt de dieu, 3 ore per l'uscita Chaud... Poi discesa rapida dal Doigt de Dieu, al rifugio dell'Aigle (ottima torta offerta dal simpatico rifugista), e 2 ore per scendere a Villar d'Arene. Autostop facile per rientrare a La Grave.
Anche se un ripiego (tutte le grandi pareti nord della zona hanno un bel po' di neve fresca!), una bella gita su una cima storica ed importante. Prima volta per me sulla Meije, non per Trilly, che insiste e si guadagna l'uscita Chaud, addirittura in libera integrale!

Gita caricata il 22/08/15
Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

difficoltà: TD+ :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 3092
quota vetta (m): 3973
dislivello complessivo (m): 700