Albrage (Monte) e Monte Freide da Chiappera per il Colle di Rui

La gita

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle

note su accesso stradale :: ottimo

Cima che mi incuriosiva per la quota 2999 m, si può dire il "duemila" più alto delle Alpi! Gran bella giornata in Val Maira, leggermente ventilata ma calda. Il percorso è ben segnalato ed il sentiero a parte un tratto iniziale rende molto e sale regolare allo stesso tempo. Tratto rilassante prima del Colle di Rui, al cospetto del dolomitico Monte Cervet, poi si devono perdere 30 m di dislivello nella Val Fissela, dove anche qui un bel sentiero di epoca militare conduce all'omonimo colle, posto tra il Freide e l'Albrage, che finalmente si fa vedere. La salita conclusiva è facile, tra terrazzi rocciosi e le placconate lisce appena sotto la cima. Ritornato al colletto, ho rapidamente raggiunto per cresta (traccia di sentiero) anche il vicino Monte Freide. Poco sotto questo un sentiero pareva proseguire in cresta, e ritengo che questo avrebbe permesso una scorciatoia senza ritornare al colle di Rui, e avrebbe portato poco sopra il Monte Eighier, ma per evitare di dover poi tornare indietro ho deciso di tornare sui miei passi. Lungo la via del ritorno, altra breve deviazione per raggiungere l'erbosa e panoramica cima del Monte Eighier.
Oggi poca gente in questa zona, mentre il vallone delle Grange Collet era preso d'assalto. Gironata stupenda e gran varietà di colori e paesaggi, tipici di quest'angolo di Val Maira.

Gita caricata il 28/07/15
Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: T12-T17-T18
difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1650
quota vetta/quota massima (m): 2999
dislivello salita totale (m): 1350