Albrage (Monte) e Monte Freide da Chiappera per il Colle di Rui

La gita

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle

Segue .... dal Mt Cervet
Dal colle del Rui scendiamo brevemente nella val Fissela, dove un'altra bella mulattiera miltare sale magistralmente fino al colle Lauzet.Qui curiosiamo all'interno di un vecchio bunker ancora in ottimo stato di conservazione, e una volta scollinati nuovamente sul lato Maurin, raggiungiamo con un mezzacosta in leggera discesa il Colle Val Fissela. Superato un secondo bunker la traccia diventa un po' piu' vaga ma alcuni provvidenziali ometti aiutano a individuare il punto che permette un comodo accesso ai pendii sommitali. Scomodati stavolta un bel branco di stambecchi che si allontanano quasi infastiditi , all'improvviso le nebbie di dileguano e uno squarcio di sole riempe la giornata di luce mentre un piacevole tepore ci accompagna fin sulla vetta. Con un bel sole radioso alto nel cielo ci godiamo un meritato pranzo . La vista ora spazia sul Brec , l'Aiguille, Il Buc, i Pelvi dell'alta valle di Bellino e il piu' vicino Maniglia. Anche il Cervet ora scintilla di luce davanti alle nebbie della bassa valle.
In questo attimo fuggente ci infiliamo anche un bel pisolino !! Poi la nebbia torna alla carica, il panorama si richiude. E' ora di tornare. Volevamo scendere x i pendii a dx del Mt Freid, ma il grigiume si infittisce, cosi' vista la scarsa visibilita' ritorniamo sui nostri passi e ripercorriamo a ritroso la strada dell'andata. Al col Val Fissela ritroviamo i camosci che di nuovo se la danno a gambe.
Al colle del Rui troviamo ad attenderci invece le prime gocce di pioggia che ci accompagnera' a tratti fino all'auto.
Alla casermetta di nuovo ritroviamo i camosci che nel frattempo avevano aggirato il mt Freide dall'altro lato.
"Che palle sti due.." immagino avranno pensato !! Altra fuga ! In basso le mucche invece continuavano a pascolare incuranti della pioggia. Diabolico il tratto di sentiero finale , una poltiglia viscida per Equilibristi Esperti ( EE, corretta quindi la valutazione della gita..!!)
Con Maghi'. Nessun escursionista lungo il sentiero.
Nessuna sorgente anche !
Anche oggi abbiamo trovato un bel jolly tra le carte del caos meteorologico, una schiarita nel posto giusto al momento giusto che ben vale le 5 stelle per quest altro angolo della magica Val Maira.


Gita caricata il 06/10/14
Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: T12-T17-T18
difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1650
quota vetta/quota massima (m): 2999
dislivello salita totale (m): 1350