Bans (les) Picard-Vernet

La gita

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle

Roccia ottima e stupendi movimenti: certo i tiri belli sono i tre nelle 3 fessure, belli lunghi, il resto si fa quasi totalmente in conserva. Usciti dalla parete si passa dietro, all'ombra, e le sensazioni cambiano, ci si sente davvero nell'Oisans sauvage! Comunque la gita è completa tecnicamente, prende il suo tempo, una vera e propria gran course se si arriva in cima. Noi siamo arrivati fino alla cresta finale: a giugno erain neve, ora è uno sfasciume!
Cordata con Ben e Beatriz a seguire Victor e JB.
Ottima accoglienza al rifugio dei Bans, insalata dell'orto, uovo ancora caldo dalla gallina, ottime omelette, prezzo molto onesto. Menu a scelta: fonduta (ottima), o menu normale, dove (forse) si mangia leggermente di più. Non preoccupatevi, entrambi i menu prevedono la zuppa...
Dopo la Giraud non pensavo di tornare in questo vallone così rapidamente. Invece, oltre le vie "Cambon", molte vie classiche e dimenticate meritano di essere percorse.
Tornerò ancora!
Torno a sottolineare quanto questo vallone ed il rifugio siano indicati per corsi di alpinismo, arrampicata, che escano dai sentieri battuti.
E chissà i Bans d'inverno...

Gita caricata il 05/09/14

Le foto

uscita secondo tiro in camino, facile ( se non si fanno varianti...)
verso il terzo tiro in camino-fessura
rocher compacte
Podina e Mark su Tango Interminable...
vista di insieme, nostra cordata e cordata pinerolese
passaggio a sinistra per evitare il camino
i giovani nel punto più alto raggiunto
i Guido con la vetta in lontananza
discesa sul ghiacciaio
un ponte incredibile
la seraccata.. di fianco fa molto più sgiai
Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

difficoltà: D- :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 2083
quota vetta (m): 3669
dislivello complessivo (m): 700