Nera (Rocca) al Pian della Mussa da Balme

La gita

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle

osservazioni :: visto cadere valanghe a pera

neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida

neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida

note su accesso stradale :: Strada pulita sino a Balme

quota neve m :: 1400
Oggi nè è venuta fuori una bella gita, valida alternativa al consueto rifugio Ciriè - Partenza da casa sotto una pioggia insistente, ma la voglia di evadere è tanta, poi si pensa in su sarà neve, e si spera nelle previsioni che danno un lieve miglioramento, risalendo la valle di Ala la pioggia cessa, solo più qualche goccia - Arrivati a Balme ci prepariamo tra nuvole basse, ma qualche squarcio già si intravvede, calziamo subito le ciaspole in 20 cm di neve fresca e risaliamo lungo la mulattiera, lungo la salita notiamo diverse piccole valanghe a pera nei canalini, segno di non coesione della recente nevicata, ma a circa metà della mulattiera un forte boato ci fa rabbrividire ed in un attimo a pochi metri da dove siamo passati vediamo scendere una media valanga a blocchi, acceleriamo il passo per raggiungere il Pian della Mussa e toglierci da sotto questi ripidi pendii - Raggiunto il pianoro i boati delle valanghe continuano e ci fanno desistere da compiere risalite ai vari intinerari, decidiamo quindi di raggiungere il rifugio Ciriè, ma strada facendo la cima della Rocca Nera sovrastata da un grande ometto ci attira e sembra al riparo da scariche, cambiamo quindi intinerario e come da descrizione raggiunto il 2° gruppo di baite, pieghiamo dedcisamente a sinistra puntando verso la dorsale della nostra meta, dalle baite in avanti la neve è tutta da tracciare in circa 50 cm di neve fresca, e la risalita della dorsale è abbastanza ostica, raggiunto il canalino ci distanziamo, per evitare scariche - Raggiungiamo infine la dorsale finale, dove sotto all'ultima fascia rocciosa, togliamo le ciaspole e ripulendo gli appigli risaliamo la roccia scivolosa, raggiungendo in breve la cima con un grande ometto e la statua della Madonna (percorso sulla dorsale con passaggi non per nulla banali con le condizioni attuali) - Breve pausa fotografica con i panorami oscurati dalle nebbie - Ritorno lungo il percorso dell'andata - Pausa pranzo presso le baite, poi visto che il tempo tiene, risaliamo sino al fondo del Pian della Mussa, raggiungendo il cippo con la Madonna e la piccola chiesetta ed il vicino rifugio Ciriè - Rientro lungo la strada più lunga ma oggi più sicura
Oggi con gli amici Sergio - Fulvio - Antonella
A Sergio un ringraziamento per essersi sobbarcato la fatica di effettuare la traccia


Gita caricata il 21/04/14

Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

tipo itinerario: bosco rado
difficoltà: BR :: [scala difficoltà]
esposizione: Nord-Est
quota partenza (m): 1400
quota vetta/quota massima (m): 1920
dislivello totale (m): 520

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale