Dolent (Mont) da Arpnouva

La gita

Sciabilità :: ***** / ***** stelle

osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante

neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn

neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn

Saliti dal versante svizzero della Val Ferret, la macchina si lascia 500 m circa dopo il paese di La Fouly, a 1645 m. Partiti sabato sera da Torino, abbiamo "bivaccato" vicino alla partenza del sentiero. Alle 5 salivamo in mezzo alla nebbia, che però si è diradata arrivati al Col Ferret, lasciando spazio ad una giornata magnifica. Firn fantastico per tutta la salita, a tratti anche duro (il traverso dopo il col Ferret è un po' esposto, consigliabili i rampant) mentre nell'ultima parte, prima del colle, la neve era più crostosa. Al colle, lasciati gli sci, abbiamo fatto gli ultimi 200 m, via via più impegnativi, ma ormai segnati dal passaggio. In vetta cresta sottile ed esposta, per fortuna poca cornice. Panorama immenso su Gran Combin, Gran Jorasses, Bianco... Scesi, purtroppo, un po' tardi, la neve aveva ormai mollato e la prima parte è stata faticosa, ma per fare 2200 m di dislivello ci va il tempo che ci va... ad ogni modo, penottando al bivacco Fiorio, e scendendo verso le 12 c'è ancora un firn perfetto. Al ritorno, anzichè rifare il sentiero dell'andata sci in spalla, è meglio proseguire fino al fondo del vallone che porta al col Ferret, lungo i resti delle valanghe, si arriva praticamente al paese.
Un saluto ai compagni di gita: Renzo, Irene, Paolo, Marco e Pilu

Gita caricata il 24/05/04
Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

difficoltà: OS :: PD :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud
quota partenza (m): 1769
quota vetta/quota massima (m): 3819
dislivello totale (m): 2050

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale