Gioffredo (Punta) da San Bernolfo

La gita

Sciabilità :: **** / ***** stelle

note su accesso stradale :: San Bernolfo senza problemi

attrezzatura :: scialpinistica

Veramente un bell'itinerario sul quale ci siamo inoltrati seguendo un nutrito gruppo di locals che già nei giorni precedenti ci avevano favorevolmente impressionato.
Belli e sostenuti i pendii e ottimo l'ambiente.
Abbiamo seguito l'itinerario classico (Campana n. 51) sin oltre i laghi poi, anzichè traversare a destra, abbiamo risalito i pendii via via più ripidi sino all'utlima sella sotto la vetta. Coltelli utili e ramponi molto utili in alcuni punti, in particolare fra le barre a metà paretone e negli ultimi 200 metri prima dell'arrivo in cresta.
Discesa in buone condizioni : quasi primaverile con buon grip la parte alta (consigliabili comunque lamine ok) e discreto misto di farina pressata e placche portanti nel vallone basso. Mai crosta. La stradina sino a San Bernolfo si percorre quasi tutta in sci con le acrobazie e le finezze del caso. Portage in salita e discesa di 15-20 minuti. In discesa, sfruttando i prati, si fanno ancora curve ottime negli ultimi 150 metri di dislivello e si arriva all'auto. La migliore gita di una tre-giorni in Valle Stura.

Gita caricata il 13/12/11

Le foto

Dai laghi vista su Corborant e Gioffredo
Ambiente di salita
Vista su Becco Alto d'Ischiator e Tenibres
Salendo, ramponi ai piedi
Uscita in cresta
Descrizione completa dell'itinerario