Campanili (Rocca dei) Inseguendo la balena bianca

difficoltà: 7b / 6b+ obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 2080
sviluppo arrampicata (m): 220

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Alex_73
ultima revisione: 07/09/09

località partenza: Viozene (Ormea , CN )

punti appoggio: Rif Mongioie

bibliografia: Arrampicata in Valle Tanaro

note tecniche:
Via aperta da Parodi e Gallizio, complimenti agli apritori per un percorso così avanti per l'epoca che é stato aperto.
La via parte sul pilastro al centro della parete, protetta a spit 8mm piantati a mano e chiodi.
Per una ripetizione necessitano: 2 corde 50m, 14 rinvii, friend dal 0.4 al 2 modello B.D.; e se non vi fidate di fare sosta su friend e spit (piantato a mano) anche un martello e chiodi.

descrizione itinerario:
Risalire il pilastro al centro della parete, fate attenzione e su erba e pietre che muovono. La via parte dalla sommità, vecchio cordone marcio piantato su un chiodo

Via tecnica su tacche che percorre un lungo traverso a Sx e una serie di fessure.

L1: 7a, verticale, poi traverso a SX, fessurina verticale, poi ancora a SX.

L2: 7b, traversino a SX, poi verticale con movimenti difficili, ancora su placca verticale a tacche, fino ad una fessura, traversino a SX, ancora verticale e prima di iniziare la fessura sovrastante (prossimità di un rovo di spine) fare sosta su uno spit 8mm e un friend misura 1 o 2 BD.

L3: 6b fessura buona, placchetta verticale, dopo il bombe, andare a proteggere un lamone a tettino con friend n°2 BD, salire a DX sopra il tettino/lamone e ci si trova sulla placca a canalette. Da qui cessano le difficoltà la via si perde e perde anche interesse. Moschettonare lo spit di Rhum des Antilles e sostare sulla sosta a spit di Ciri (se non avete corde da 60m non credo si riesca ad arrivare alla sosta di Rhum).

Note: Per calarsi 2 possibilità
1) riscendere sulle soste di Rhum o Ciri ed arrivati alla base risalire sul pilastro al centro parete.
2) fare ancora un tiro nel facile 5, ed andare a prendere la sosta tutto a DX di Teresin, da in doppia fino alla partenza della via.
Recuperare gli zaini ed ancora una doppia che vi porta sul lato DX del pilastro

Annotazioni: La via non percorre la linea degli spit, molte volte ci si trova a moschettonare con lo spit lontano da dove si é, altre volte con lo spit sotto.
La via é davvero di difficile lettura, comunque e spittata abbastanza ravvicinata e presenta solo alcuni passi davvero duri.
Inquietante é pensare come hanno fatto gli apritori a piantare gli spit a MANO su alcuni punti di placca.