Caprera (Punta) Goulotte del Triangolo

difficoltà: D :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Ovest
quota partenza (m): 1585
quota vetta (m): 2763
dislivello complessivo (m): 780

copertura rete mobile
vodafone : 4% di copertura
tim : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: podina
ultima revisione: 21/07/10

località partenza: Castello (Pontechianale , CN )

punti appoggio: Rif. Savigliano/oppure Rif.Vallanta

cartografia: IGN 1:50.000 IGM 1:25.000

bibliografia: Ghiaccio dell'Ovest-G.C. Grassi oppure Ghibaudo

note tecniche:
Bella salita di montagna e di ampio respiro, soprattutto se non ci si limita alle prime 3 lunghezze di ghiaccio, ma si compie la discesa-traversata sul versante opposto dopo esser saliti sulla cima, oppure quando viene abbinata al Canalino Noris alla Caprera (tardo inverno/inizio primavera).
La linea è inconfondibile e posta al limite dx. delle placconate del Triangolo, terminata la goulotte, il canale nevoso prosegue per altri 150 metri con possibili tratti di misto, si giunge ad un colletto e da quì a sx. in breve sulla cima.

descrizione itinerario:
Da Castello risalire il sentiero per il Rif. Vallanta fino al Gias della Balma. Da qui puntare decisamente verso il Triangolo della Caprera. (considerare 2 ore/ 2 ore e mezza)

Le coordinate del punto d'attacco sono: UTM 346659E ; 4946411N

Si supera la goulotte senza possibilità di errore per 4/5 lunghezze di corda a seconda dell'innevamento (max.75°) soste attrezzate per le calate sulla dx. salendo (verificare chiodi).
Si continua per altri 100-150 m. su neve/ghiaccio, possibili tratti di misto 45°/55° e si giunge al colletto.

Discesa: obliquare in diagonale a sx ed in leggera discesa in direzione di un vago colletto ed al di sopra delle ripide ed esposte placconate del Triangolo.(delicato).Si traversa ancora in leggera discesa (ometti) sino allo sbocco di un ripido couloir; si traversa ancora al di sopra di questi in leggera discesa sino a reperire delle cenge esposte che portano facilmente ad un ultimo collettino dove si reperisce l'ancoraggio di calata; una doppia di 30 m conduce sui ghiaioni basali