Bucie (Bric) Via Normale del Canalone Sud da Villanova

difficoltà: F+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1350
quota vetta (m): 2998
dislivello complessivo (m): 1648

copertura rete mobile
wind : 0% di copertura
vodafone : 60% di copertura
tim : 90% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 80% di copertura

contributors: marcog72
ultima revisione: 27/09/10

località partenza: Villanova (Bobbio Pellice , TO )

punti appoggio: Bivacco Soardi al Col Bucie

cartografia: Fraternali 1:25000 n.7 Val Pellice

note tecniche:
Benché gli manchino 2 metri a quota 3000 è la montagna simbolo della Val Pellice, per la sua forma slanciata visibile da tutti gli angoli della valle e dalla pianura.

descrizione itinerario:
Dall’inizio del divieto della strada Villanova-Pra (circa 1,5 km dopo il villaggio), seguire la strada fino a incontrare il bivio per l’Alpe Crosenna (indicazione Col Bucie, Col Malaura, ecc.).
Imboccare il sentiero che sale nel vallone di Crosenna, superare l’alpeggio omonimo e raggiungere il piano di Crosennetta.
Qui piegare a destra, trascurando la deviazione per il Col Malaura, e salire al Colle delle Boine (paletto indicatore).
Traversare in falso piano sopra la conca denominata Mait Bucie, quindi salire il canalone adducente al Col Bucie, poco sotto il quale sorge il bivacco Soardi.
Dal passo piegare a destra e dirigersi verso l’evidente canalone che segna la parete sud del Bric Bucie. Seguendo i bolli rossi e la traccia di sentiero superare le facili roccette sulla destra orografica del canale, quindi entrare nel colatoio e seguirlo quando piega a destra. Portarsi sulle rocce arrotondate e liscie sulla sinistra orografica (II+ lunga serie di catene) quindi uscire su un terrazzo erboso rivolto verso un altro ripido canalone.
Trascurando i bolli blu che conducono a destra, seguire i segni rossi verso sinistra e superato un diedro (passo di II), uscire sulla cresta SO dove questa si trasforma in ampio versante di liscie placconate. Piegando a destra in pochi minuti si raggiunge l’aerea cima.