Mariasco (Punta di) da Fondo

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1074
quota vetta/quota massima (m): 2412
dislivello salita totale (m): 1338

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
tim : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: barby.ro
ultima revisione: 18/02/10

località partenza: Fondo (Traversella , TO )

cartografia: Mu Edizioni - Carta della Valchiusella

bibliografia: Valchiusella a piedi di Matteo Antonicelli, itinerario n.92

accesso:
Da Ivrea sulla SS 565, direzione Castellamonte, prendere uscita a destra per Strambinello, quindi su SP 64 per la Valchiusella, risalire sulla strada principale della valle fino alla borgata Fondo ( 29 km da Ivrea). Poco oltre il ponte romanico, davanti al piccolo cimitero, vi è un parcheggio sterrato per l’auto.

note tecniche:
Itinerario lungo causa sali-scendi, d'estate in alcuni punti i bolli rossi e le tracce possono essere coperti dalla vegetazione.

descrizione itinerario:
Itinerario A - da Fondo, anello per la Bura at Talorn ed il Vallone Burdeiver

Da Fondo, seguendo il sentiero GTA, raggiungere Tallorno. A sinistra attraversare il ponte e l'abitato incontrando la sterrata da percorrere per un tratto fino a trovare il sentiero n.12 sulla sinistra.
Seguire il sentiero che sale nel bosco, supera il rio principale e continua a salire superando diverse baite e dopo aver riattraversato il rio, giunge alla conca paludosa del lago Creus. Seguire per un tratto il sentiero nel piano poi svoltare a sinistra attraversare il torrente e risalire varie gibbosità di rocce montonate sino ad arrivare al lago Sucal.
Seguire sempre il sentiero che risale ora lungo il torrente, quando questo svolta per salire verso il Monfandì, abbandonare il sentiero e continuare a risalire la pianeggiante valletta lungo il rio e dopo aver attraversato una piccola pietraia, scavalcando un dosso roccioso si perviene al grande pianoro, dove a sinistra in una strettoia su grosse pietre si attraversa il rio e si inizia a risalire un canale fra grandi placche rocciose montonate e si punta alla base del cucuzzolo roccioso della vetta che si aggira alla base a destra giungendo alla depressione della cresta sud-ovest.
Dalla depressione, piegare a destra a abbassandoci leggermente si contornano delle roccette e si risale il ripido pendio finale di erba olina che porta all’ometto di vetta. Discesa lungo la cresta sud-ovest fino al Colle della Furce e seguendo le tacche bianco-rosse del sentiero n° 8 fare ritorno a Fondo lungo il Vallone Burdeiver.
N.B. Volendo evitare le difficoltà dell’esposta cresta sud-ovest si può optare per scendere ai sottostanti Laghi della Furce, lungo la cresta sud-est fino alla quota 2390 m circa, poi piegando leggermente a destra scendere l’erboso versante sud dove verso quota 2300 circa compare una striminzita traccia di capre che taglia pianeggiante verso ovest, si punta ora ad una piccola pietraia e nei pressi su traccia di vecchio sentiero si raggiunge il piano del terzo lago ed il sentiero di salita sul quale si fa ritorno a Fondo.

Itinerario B - Da Fondo per la Bocchetta delle Furce e cresta Sud-Ovest

Da Fondo di Traversella seguire la strada sterrata fino all'antico ponte di pietra ad arco, di fronte al quale il torrente Ribordone forma una bella cascata. Seguire il sentiero che porta in fondo al Vallone Ribordone.
Il sentiero prosegue verso destra e supera il marcato gradino del Vallone e si arriva all'Alpe Las 1785 m si prosegue per l'Alpe Gias del Prete e poco dopo si trova l'Alpe Pian del Rio 2176 m. Qui una freccia rossa con scritta lago indica la direzione da seguire e raggiungere il Lago grande della Furce 2118 m.
Si costeggia la sponda Nord-Ovest e nei pressi di un alto ometto di pietre si continua in direzione dell'Alpe della Furce si giunge ad un secondo laghetto e si seguono le tacche rosse che portano alla Bocchetta della Furce 2377 m. Dalla Bocchetta volgere a destra e percorrere la cresta di roccette tenendosi di preferenza verso il Vallone delle Balme.

altre annotazioni:
La Punta del Mariasco ha una posizione centrale nella valle principale, posta sulla cresta nord-est che scende dal Monte Giavino. Questa sua posizione slanciata sulla valle permette la visione di un grandissimo panorama su tutta la valle e sulle vette del gruppo del Rosa e Gran Paradiso.