Piazzo (Cima) Dal Culmine di San Pietro

difficoltà: MR   [scala difficoltà]
esposizione: Sud
quota partenza (m): 1258
quota vetta/quota massima (m): 2048
dislivello totale (m): 800

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: benedetto
ultima revisione: 29/01/10

località partenza: Culmine di San Pietro (Cassina Valsassina , LC )

bibliografia: guida da rifugio a rifugio prealpi lombarde

note tecniche:
I due itinerari (estivo e invernale, alto e basso) che portano dal Culmine di san Pietro alla bocca di Maesimo e ai piani di Artavaggio possono essere considerati una buona alternativa alla (noiosa) stradina interpoderale che parte dal piccolo parcheggio un km. prima del Culmine dalla parte di Moggio.
E’ conveniente seguire la stradina in discesa (specie se si hanno gli sci) per cui conviene lasciare l’auto al parcheggio e raggiungere il Culmine lungo la strada asfaltata (15-20 minuti).
Il sentiero alto (chiamato estivo sulla segnaletica) attraversa o supera ripidi pendii su salti rocciosi, è più da affrontare con piccozza e ramponi anche se non mancano quelli che lo percorrono con le ciaspole o con gli sci.
Quello basso (invernale sulla segnaletica) dal Culmine è più corto dell’itinerario della stradina, ha la stessa lunghezza se si aggiunge il tempo necessario a raggiungere il Culmine dal Parcheggio.

descrizione itinerario:
Dal Culmine una palina indica il sentiero nei pressi di un albergo, passa accanto ad una chiesetta, aggiunge una prima costruzione oltre la quale a sinistra parte il sentiero alto.
Continuare a destra seguendo i segnavia DOL o 21, si raggiunge in discesa un'altra costruzione e poco sotto un gruppo di case denominate “la Roncaiola”.
Seguendo le indicazioni passare fra le case per raggiungere il sentiero che percorre nel bosco il versante della Valle di Bordesiglio.
Il sentiero può d’inverno non essere facile da individuare anche perché i segni sono quasi sempre su sassi che possono essere coperti dalla neve, raramente sono sugli alberi.
Si cammina per un’oretta quasi senza prendere quota sino ad arrivare ai pendii che formano la testata della valle.
A sinistra c’è un alpeggio tra i faggi, avanti si trovano i primi abeti.
Tenersi a sinistra cercando di individuare i segnali su massi sparsi lasciando a destra un altro alpeggio per arrivare alla sommità del crestone (palina) dove i due itinerari alto e basso si ricongiungono.
Si raggiunge la Casera Maesimo troneggiante su un cocuzzolo e da li la sottostante stradina che proviene dal parcheggio.
Un’ora e trenta dal Culmine, una quarantina di minuti ancora ai piani di Artavaggioe da qui un'ora e trenta alla cima di Piazzo.