Gran Queyron e Punta Rasin da Bout du Col per la cresta SE

difficoltà: F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1742
quota vetta (m): 3060
dislivello complessivo (m): 1350

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: marcog72
ultima revisione: 28/05/10

località partenza: Bout du Col (Prali , TO )

punti appoggio: Rifugio Lago Verde

cartografia: ICG 1:50000 Monviso Val Pellice Val Varaita

note tecniche:
Variante dal sapore leggermente alpinistico della monotona normale dal Col Frappier per la cresta NNE.

descrizione itinerario:
Da Bout du Col si segue il sentiero per il Rif. Lago Verde. Giunti all'inizio della conca pascoliva che ospita il Lago, si segue l'indicazione sulla destra per il Col d'Abries.
Attraversato il torrente Germanasca, si abbandona subito il sentiero principale per seguire una traccia che piega a destra con stretti tornanti. Superata una cengia (dove il sentiero è in parte franato) il vecchio sentiero piega a sinistra ed entra in uno stretto valloncello che rimonta con ampi tornanti fino al Col d'Abries vecchio.
Dal passo di attacca la cresta sud della Punta Rasin, ripida ma ampia e detritica. A quota 2834 si incontra un salto roccioso che si supera facilmente (II-), quindi la cresta spiana fino ai salti rocciosi sotto la vetta della Punta Rasin.
Dalla cima si segue ora la cresta SE del Gran Queyron, costituita da piccoli salti di roccia malsicura fino alla croce di vetta (brevi passi di II, evitabili sul lato italiano o francese).