Conoia o Conoja (Bric di) da Viozene per Cima Revelli e Monte Rotondo

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1245
quota vetta/quota massima (m): 2521
dislivello salita totale (m): 1276

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: gian45
ultima revisione: 13/10/08

località partenza: Viozene (Ormea , CN )

punti appoggio: Rifugio Mongioie 1550 m.

cartografia: IGC n.8 Alpi Marittime e Liguri

bibliografia: Blu Edizioni Alpi Liguri

descrizione itinerario:
Dal posteggio di fronte alla Chiesa di Vìozene 1245 m, si segue la prima parte del sentiero che sale al Rifugio Mongioie, fino a Pian Rosso 1550 m.
Da questo punto si continua verso destra (NE) lungo la mulattiera che sale serpeggiando sulle ripide chine erbose fino al Pian dell'Olio 2083 m, dominato a sinistra dalle alte pareti meridionali delle Rocche del Garbo (dette anche Rocca Garba). Salendo tra pietraie e tratti erbosi, il sentiero percorre ora l'alta conca, e raggiunge in un punto panoramico lo spartiacque Negrone (valle Tanaro) -Raschera (val Corsaglia), dove si apre la marcata depressione detta Bocchin dell'Aseo 2292 m.
Girando a destra (levante) si sale sullo spartiacque erboso seguendo una traccia, ed evitando a destra qualche roccetta, fino alla depressione 2423 m posta tra il Monte Rotondo e la Cima Revelli 2486 m che si raggiunge verso Nord-Est dapprima con facilità, poi superando un breve tratto leggermente aereo (35 minuti).
Tornati alla depressione non rimane che attraversare il Monte Rotondo 2495 m, dal quale si scende su un'altra depressione situata a sinistra della grandiosa dolina Il Profondo 2397 m. Sì sale la china, prevalentemente in direzione Sud-Est, seguendo un sentierino segnalato in rosso e tenendosi per un tratto sul versante Sud-Ovest (a NE rocce verticali), fino a raggiungere la piccola croce metallica infissa sulla panoramica cima 2521 m.

Discesa: si compie ripercorrendo in senso inverso l'itinerario di salita fino a costeggiare sulla de¬stra (NE) II Profondo. A questo punto si continua lungo una traccia che, abbassandosi sul fianco Ovest del Monte Rotondo, passa alla base di alcuni lastroni rocciosi e raggiunge le vicinanze del Bocchin dell'Aseo e il sentiero che sale da Viozene.