Perti (Rocca di) Avanzini - Rossa

difficoltà: 5c / 5c obbl
esposizione arrampicata: Nord
sviluppo arrampicata (m): 125

copertura rete mobile
wind : 100% di copertura
vodafone : 40% di copertura
no operato : 0% di copertura
altri : 60% di copertura
3 : 100% di copertura

contributors: gabrielepeluffo
ultima revisione: 01/03/10

località partenza: Perti sud (Finale Ligure , SV )

accesso:
Seguire il sentiero segnato con tre bolli rossi che conduce alla sommità della Rocca di Perti, lasciata a destra una traccia ripida si continua nel bosco fino ad incontrare un sentiero a destra che prima in piano poi in leggera salita a sinistra porta brevemente alla base della parete. La via attacca destra, a ca. 4 metri della via Via col vento.

note tecniche:
Per una ripetizione può essere utile due o tre friends medi e cordini di kevlar. Sulla via i chiodi originali (fatti da Guido Rossa) sono un paio, il resto, chiodi e resinati, e due spit, sono stati aggiunti sucessivamente.

descrizione itinerario:
L1: salire un muro ricco di di fori (4b) e poggiare a destra verso un pilastrino, salire alla sua destra seguendo di seguito un diedrino a sinistra (4b). Obliquando sempre verso sinistra raggiungere un bel diedro fessurato. Superare il diedro per tutta la sua lunghezza (5b) ed uscire (4a) su terrazzino. 25 m S1 da attrezzare su albero (sosta in comune con la S1 di Via col vento). [2 chiodi e qualche clessidra già attrezzata].
L2: traversare a destra, alzarsi un poco verso uno spit (4c), e raggiungere una zona più abbattuta. Salire verso sinistra (4b) fin sotto un diedro fessurato verticale. Superare il diedro per tutta la sua lunghezza (5c continuo) e continuare al suo termine più facilmente sempre dritti (4b/c) e raggiungere un terrazzino dove si sosta (congiunzione con la L2 in traverso di Via col vento). 25 m S2 da attrezzare su clessidre poste nella nicchia di fronte. [2 spit e 5 chiodi].
L3: dal terrazzino traversare facilmente a destra e continuare verticalmente su roccia articolata superando la fascia strapiombante nel suo punto più debole (3b, clessidre). Continuare dritti (3a, tratto in comune con Via col vento che prosegue poi a sinistra) per poi poggiare decisamente a destra raggiungendo (2a/b) una comoda gengia posta alla base di un evidente parete verticale fessurata. S3: 30 m, sosta su due golfari da collegare, in comune con la S3 di Vecchie beline. [nessuna protezione, clessidre da attrezzare].
L4: salire la bella placca sopra la sosta (4c) e raggiungere un esile fessurina. Seguirla verso sinistra (5a) e più facilmente raggiungere l’inizio della bella ed evidente lama/fessura. Superarla fin sotto un pilastrino strapiombante (5c, passo di 6a), poggiare a sinistra (5a) e dopo aver superato un breve muretto verticale (4b) sostare su piccolo terrazzino. 20m S4, sosta su due golfari resinati, in comune con S4 di Vecchie beline. [5 resinati e 3 chiodi e un cordone malsicuro].
L5: dalla sosta salire verso destra fino ad un alberello superando un muretto compatto (4b). Continuare verso destra su placca abbattuta (3b), superare un breve muretto (4b) e portarsi alla base del successivo e breve diedrino fessurato verticale con alla base un accuminato spuntoncino. Superare il diedrino (4c) e uscire destra su roccia più articolata. Salire dritti su placche appigliate (3c) per poi seguire un evidente diedro posto a sinistra (3c) che conduce alla sommità. 25 m S5 da attrezzare su alberi. [nessuna protezione, clessidre anche micro da attrezzare].

Discesa:
dal boschetto alla fine della via, seguire la traccia che a sinistra sale nel bosco e seguirla. La traccia piegando verso destra conduce alla croce di vetta e da qui seguendo in discesa il sentiero con tre bolli rossi, si ritorna velocemente alla base della parete.
Variante di discesa veloce: prima di giungere alla croce di vetta si prende a sinistra una evidente traccia che contornando prima l’orlo della parete ed in seguito scendendo nel bosco conduce a riprendere il sentiero principale (tre bolli rossi) già dove esso piegando in discesa a sinistra si porta verso la base della parete.
(relazione C. Marchesi 2009).

altre annotazioni:
R. Avanzini, G. Rossa – 6 Maggio 1973