Piccolo Legazuoli Via del tetto

difficoltà: 6a
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 2200
sviluppo arrampicata (m): 150
dislivello avvicinamento (m): 100

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: fabiano
ultima revisione: 24/05/09

località partenza: passo Valparola (Livinallongo del Col di Lana , BL )

punti appoggio: Rifugio passo Valparola

bibliografia: Arrampicate scelte - M. Da Pozzo

note tecniche:
La brevità della via, le difficoltà concentrate nei primi tiri e il veloce avvicinamento ne fanno una via perfetta per le giornate in cui il meteo non promette nulla di buono, occorrenza non certo infrequente nelle Dolimiti.
Il primo tiro, il più difficile, è abbondantemente protetto a spit con piastrina artigianale. Sul secondo c'e' uno spit poco sopra la sosta, sul terzo due o tre spit (di marca questa volta). Le prime tre soste sono attrezzate a spit e permettono la calata. Dalla terza sosta la via non è attrezzata e neppure obbligata, ma è comunque molto facile e ben proteggibile. Molto utili friend e kevlar.

descrizione itinerario:
Avvicinamento:

Parcheggiare in prossimità del forte (passo Valparola). Attraversare la strada e reperire un sentiero in direzione della parete. Il sentiero diventa traccia e la traccia sempre più labile. Puntare verso una cengia con buco ben visibile alla base della parete. La via del tetto attacca all'inizio della cengia (spit ben visibili per quanto arrugginiti).

Discesa:

Arrivati alla cengia di fine via reperire ometti e tracce sulla dx che conducono in breve ad una calata (fittone resinato inox). Dalla base di questa un sentiero riconduce al passo Valparola.

Descrizione tiri:

L1: Bel muro verticale a tratti leggermente strapiombante cosparso di provvidenziali buchi, e di spit (6a)
L2: Placca e fessura, facile ma poco protetto, raggiunge la seconda sosta in cima ad un pilastrino (4c)
L3: Altro bel muro verticale, tecnico prima, atletico sul finale, pochi spit, parecchie clessidre (5c)
L4: Camminata di 60m prima sul pietrisco della cengia, poi su placche appoggiatissime (II). Sosta su friend e clessidra
L5: Seguire la fessura/diedro fino alla cengia di fine via, nessuna protezione in loco, ma facilmente proteggibile a friend e clessidre (4a)