Ecrins (Barre des) Pilier Sud

difficoltà: TD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 2900
quota vetta (m): 4100
dislivello complessivo (m): 1200

copertura rete mobile
tim : 0% di copertura

contributors: fantomas
ultima revisione: 18/09/07

località partenza: Prè de Madame Carle (Pelvoux , 05 )

bibliografia: la labande

accesso:
Da pre de madame carle si segue il sentiero per il Glacier Noir, fino al termine della morena, di qui si scende nel ghiacciaio e lo si risale fino alla terminale a destra della parete. circa tre ore.

note tecniche:
Salita completa di alta montagna su roccia molto marcia. itinerario molto da ricercare e poco attrezzato. portare nut medi, molte fettucce e una serie di friends da 0.2 a 2 tipo camalot.
Picca ramponi e due viti da ghiaccio per avvicinamento, discesa e gli ultimi 200 metri.

descrizione itinerario:
Attraversare al meglio la terminale dell Col des Avalanche e la barra di rocce subito sopra.
Si arriva su pendii meno ripidi e si sale obliquando a sinistra fino a raggiungere uno sperone poco evidente dove il terreno si fa di nuovo ripido.
Salire una serie di cenge e camini verso destra tranne unacengia più liscia che sale invece verso sinistra.
Un camino verticale conduce a un passo più difficile (4) e poi ancora per una serie di camini sempre verso sinistra.
Si arriva cosi a una cresta più ripida che conduce al filo del pilastro ai piedi della Tete Rouge. (Posto da bivacco sulla destra).

Salire dapprima per il fianco destro per andare poi a riprendere il filo del pilastro. Per una fessura camino rossastra raggiungere la sommità della Tour Rouge.
In modo analogo salire la prima parte della torre grigia sovrastante sulla destra per riprendere poi il filo nella seconda parte.
Di qui si scende qualche metro fino ai piedi del successivo Bastione.
Attaccare i primi metri più facili (4) per poi attraversare verso destra prima del diedro ripido (5). Sosta scomoda sul filo del pilastro.
Seguire per 60 metri delle belle fessure sul fianco destro del pilastro (4 chiodi). Proseguire fino a una nicchia di rocce rotte sulla sinistra.
Superare la nicchia sulla destra e proseguire su roccia un po' più compatta fino a una cengia in vistra di una grande scaglia staccata. (4)
Salire in diagonale verso sinistra passando sotto la grande scaglia e raggiungere il filo del pilastro sulla sinistra.
Continuare per placche fessurate per due tiri fino ai piedi del muro finale (4). Buona sosta su chiodi.
Raggiungere una cornice a destra, superarla e fare sosta alla sua uscita.
Traversare a destra scendendo leggermente per dieci metri su roccia instabile fino ad arrivare sotto un diedro.
Superare il diedro (dado incastrato e chiodo). Traversare decisamente a destra e seguire i chiodi che consentono di superare il piccolo strapiombo soprastante. Sosta alla uscita.
Seguire a sinistra e salire la placca soprastante (3 chiodi), sostando sul blocco alla sua uscita.
Si prosegue per gli ultimi 300 metri più facili di roccia e neve per raggiungere la vetta

Discesa:
dalla vetta si segue la cresta molto esposta, in direzione est, verso il Dom, 100 metri prima del colle si reperisce un ancoraggio su spuntone, 20 metri sotto il filo di cresta.
di qui con 60 metri si passa la terminale arrivando sulla traccia. seguendo la traccia sul glacier blanc e poi il sentiero si ritorna alla macchina. 5/6 ore dalla vetta alla macchina.