Coca (Pizzo) traversata dal Dente del Coca

difficoltà: AD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 970
quota vetta (m): 3052
dislivello complessivo (m): 2300

copertura rete mobile
vodafone : 50% di copertura

contributors: ghizlo
ultima revisione: 05/07/06

località partenza: Valbondione (Valbondione , BG )

punti appoggio: rifugio Coca [1891m]

cartografia: IGM 1:25.000, foglio n. 19-111-SO di Val­bondione; Kompass n°104

bibliografia: “Le Alpi Orobie” di s. Saglio, A. Corti, B. Credaro della collana “Guide dei Monti d’Italia” del CAI

note tecniche:
Itinerario molto lungo, non di grande difficoltà (passaggi di III), ma che richiede un buon allenamento alla fatica prolungata e una buona speditezza sul terreno non sempre di rocce sicure (in modo particolare nei tratti da percorrere in discesa). Il percorso è sempre sopra i 2.800 metri in ambiente molto bello e selvaggio, soprattutto sullo scosceso e difficile versante valtellinese.

Itinerario non molto frequentato, a causa della sua lunghezza, ma che merita sen­za dubbio di essere meglio conosciuto da cordate allenate e affiatate, con la ga­ranzia di un’ascensione di piena soddisfazione.

descrizione itinerario:
Dal passo di Coca (metri 2.645) si percorre la costola spartiacque di sfasciumi per un tratto verso Nord poi, quasi orizzontalmente, verso Est approdando alla base della cuspide del Dente di Coca, ove la salita si fa interessante, su roccia buona; si arrampica generalmente un poco sulla destra (Sud) dello spigolo, pervenendo ad una specie di ballatoio-­cengia che contorna la vetta.

Si prosegue ancora diritti per un piccolo salto, oppure più facilmente aggirando a destra l’ostacolo, sino alla vetta del Dente di Coca (metri 2.926).

Dalla cima del Dente abbassarsi inizialmente verso Sud una trentina di metri, ten­dendo poi a sinistra (Est) sino all’inizio di un tratto orizzontale e frastagliato; ci si abbassa ad oriente compiendo un leggero semicerchio per tornare verso destra, sul versante meridionale, e in breve alla Breccia del Dente (lungo il tratto orizzon­tale e frastagliato vi è una corda metallica, in cattivo stato, che scende direttamen­te verso Sud, senza compiere il leggero semicerchio a sinistra, in un canalino non difficile ma friabile, per poi ripiegare a sinistra alla breccia. Questo percorso è sconsigliabile).

Dalla breccia innalzarsi lungo lo spigolo, all’inizio su roccia molto buona e diverten­te, poi, ove la pendenza diminuisce, su roccia più rotta e infine su roccia ancora buona sino alla vetta della cima d’Arigna (metri 2.926).

Dalla vetta brevemente verso Est alla seconda Punta, da cui ci si abbassa, stando in genere leggermente sul lato meridionale, verso la bocchetta d’Arigna, che si raggiunge senza particolare difficoltà (metri 2.850).

Dalla bocchetta risalire facilmente la dorsale dello spigolo, senza un preciso per­corso, sino ad una caratteristica spalla; scendere ad una depressione e di nuovo in salita sempre verso Est, superando un solo breve passaggio su una placchetti­na spiovente verso Nord, fino alla vetta settentrionale del pizzo di Coca, da cui in breve verso Sud alla vetta principale.

Discesa: dalla vetta del pizzo di Coca scendere lun­go la via normale (versante Sud), alla bocchetta del Camoscio, m 2.727 (attenzione agli ometti di pietra e ai bolli sbiaditi), da cui con facilità ai rifugi Curò o Coca.

(estratto dal sito del CAI di Bergamo)