Giasson (Becca di) da Surrier

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord-Ovest
quota partenza (m): 1785
quota vetta/quota massima (m): 3215
dislivello totale (m): 1430

copertura rete mobile
wind : 40% di copertura
vodafone : 38% di copertura
tim : 10% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 0% di copertura

contributors: marcog72
ultima revisione: 27/03/08

località partenza: Surrier (Valgrisenche , AO )

accesso:
Raggiunta Arvier (statale SS26 oppure autostrada Torino-Aosta uscita Aosta Ovest, quindi proseguire per Courmayeur fino ad Arvier, si devia a sinistra per la Valgrisenche, indicazioni per diga di Beauregard. Si risale interamente la vallata superando il capoluogo, e poi si continua in salita per Bonne, in alto rispetto alla diga. ORa la strada con un lungo falsopiano si porta al termine della conca, si scender per circa 1 km fino a parcheggiare a Surier/Usellieres, dove un divieto indica l'impossibilità di proseguire sullo sterrato.

note tecniche:
Il percorso è già ben visibile dalla strada che si percorre in auto sopra la diga, ciò permette di valutare le condizioni di innevamento.
Da effettuarsi a fine stagione con innevamento stabile e assestato, in quanto la via di salita passa in alcuni punti potenzialmente soggetti a scariche dai pendii laterali.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio di Surier o Ussellieres, si segue la strada sterrata in salita per il Rifugio Bezzi, incontrando subito un bivio a sinistra, per il Rifugio Chalet de l’Epee. Si continua su questa strada sterrata (o innevata) toccando un gruppo di baite di recente fabbricazione in basso, qui inizia il sentiero 9a che sale ripido nel bosco, valutare in base all'innevamento se salire direttamente nel bosco, oppure se proseguire lungo la strada, che allunga il percorso. Salendo nel bosco di grossi larici si arriva direttamente alla conca che ospita il gruppo di bellissime baite Mont Forciaz 2180 m. Seguendo la strada si deve trascurare poi un bivio a sinistra in discesa, superando una serie di tornanti (possibili scorciaotie) e anche qui si raggiungono gli alpeggi Mont Forciaz.
Oltre gli ultimi alpeggi, si attraversa il ponticello sul torrente, e si sale il primo dosso che conduce ad una bella conca. Raggiunto il termine del pianoro, si risale un dosso più ripido, con percorso a piacere, o in una specie di canalino a destra, oppure su un pendio a al centro, o ancora per un'avvallamento laterale a sinistra (percorso meno ripido). In ogni caso si perviene ad un secondo ripiano, dal quale si vede quasi tutta la parte alta del percorso.
Ci si sposta a destra, percorrendo la valletta del Giasson quasi pianeggiante e lasciandosi il costone della morena che separa il ghiacciaio di Giasson da quello di Invergnan sulla sinistra. Superato un pianoro incassato, si raggiungono dei pendii ora in salita più marcata, conviene salire sempre al centro su dossi e gobbe poco pronunciate, stando a debita distanza dai ripidi pendii sotto la Punta di Barmaverin.
Superati questi dossi ci si sposta comodamente a destra per un ampio pendio, e quindi una nuova risalita più ripida ora verso sinistra conduce al dolce pendio che precede il Colle Giasson. Poco prima del colle ci si sposta a destra, e si prosegue con un traverso un po' scomodo per giungere alla dorsale a breve distanza dalla cima. In alternativa dal colle è possibile seguire direttamente la dorsale nevosa che è facilmente percorribile fino in cima, contraddistinta da un paletto (attenzione alle cornici sul versante del vallone di salita).