Alta Luce o Hochlicht da Staffal per il Vallone di Salza

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1800
quota vetta/quota massima (m): 3185
dislivello totale (m): 1400

copertura rete mobile
tim : 20% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: armatarossa
ultima revisione: 05/02/18

località partenza: Staffal (Gressoney-la-Trinitè , AO )

note tecniche:
Questo itinerario si sviluppa lungo il solco principale della Valle del Lys, per poi risalire il Vallone di Salza fino al colle omonimo, oltre il quale si continua sul versante Gabiet.
Pendenze sempre sostenute.
Dalla cima panorama completo e spettacolare sulle grandi serraccate del Rosa.
L’esposizione è S fino alle baite di Courtlys, poi O fino al colle di Salza e infine E fino in vetta.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio degli impianti di Staffal si attraversa il ponte e si segue il segnavia n. 7 lungo la sinistra idr. del torrente. Seguire il vallone di Salza fino alle baite di Courtlys (2000 m). Senza raggiungerle, passare alla loro destra e proseguire sempre lungo il sentiero n. 7 che si immette nel bosco. Al suo termine, si sale brevemente in un canale fino ad una piccola conca e da qui, tenendo la destra, si comincia a risalire il bellissimo vallone, fino al Colle di Salza, m. 2990 (il passo è quello più alto a sinistra, salendo).
Dal colle ci si immette sul versante del Gabiet e si compie un traverso a sinistra (attenzione, ripido) per 50 m. Poi si risalgono i pendii del versante orientale, aggirando la vetta. Arrivati ai piedi di un ripido canale, lo si risale (al suo termine c’è una breve strozzatura dove spesso occorre togliere gli attrezzi) e si arriva così al plateau finale. Tenendo la sinistra si raggiunge così la vetta, dove è posta una campana.
Discesa: per l’itinerario di salita. Oppure al termine del vallone (più o meno dove si è usciti dal bosco durante la salita) un ripido canalino porta in un vasto pianoro (attenzione che al suo termine occorre attraversare il torrente e non è sempre agevole!) e permette di evitare il tratto di bosco. Attraversare la piana fino in fondo, risalire di una decina di metri verso sinistra e poi verso destra si raggiungono le baite di Courtlys. Da qui per l’itinerario di salita fino a Staffal.

altre annotazioni:
Dalla campana, volendo allungare la gita, si può salire fino alla quota 3348, punto finale della cresta, prima che questa formi un colletto che continua dove sono posti i rifugi Mantova e Gnifetti. Anche qui panorama spettacolare su tutte le cime del Rosa.