Pelago (Mont) Couloir Nathalie

difficoltà: AD+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Ovest
quota partenza (m): 1500
quota vetta (m): 2768
dislivello complessivo (m): 1258

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: choukha
ultima revisione: 30/01/18

località partenza: Boreon (Saint-Martin-Vésubie , 06 )

punti appoggio: Gite du Boreon

accesso:
Accesso stradale : Nizza. Salire lungo la RN 202, direzione Digne. All'uscita di Plan-du-Var, subito dopo il ponte, prendere la D2565 verso Saint-Martin-Vésubie. Da Saint-Martin-Vésubie, proseguire fino al Boréon, per prendere per il col de Salese e parghecciare lungo la strada subito dopo l'accesso al Gite du Boreon (segnale 370).

note tecniche:
Orario minimo: 1h30 di avvicinamento, 3 ore di salita, 3 ore di discesa fino alla macchina.
Materiale: due picche e corda da 30 m. Occorre poi valutare il materiale in base alle condizioni per passo di misto. Eventualmente 4 friends dal 0.3 al 1, alcuni nuts e fettucce lunghe.

descrizione itinerario:
Approccio : risalire il vallone des Erps per scoprire rapidamente la parete ovest di Pelago. Individuato nella parte inferiore della parete il triangolo del Pelago alto circa 200 m., il canale Nathalie è a destra. Salire quindi lungo il conoide di deiezione pere accedervi (1h30).
Risalire l'inizio del canale (40 °) fino a una strettoia formata da un blocco di roccia. A seconda dell'innevamento puo' essere presente un passo di misto di circa 10 - 15 metri. Sul lato sinistro è piu' facile proteggersi. Il misto puo' arrivare fino a M3. Poco dopo sulla sx è presente una sosta (passaggio misto a 70-80 °).

Ora il canale tende leggermente verso sinistra. Risalire il canale a 40° fino a uno a un grande spuntone di roccia (alt. 2500 m. circa), passare a destra e risaliti in po' si vede che appare sempre a destra un lungo canale stretto e un po 'più ripido (45 °). Risalire questo corridoio tirando al suo termine sia a sinistra (piu' difficile) oppure a destra fino a una breccia sul lato secondario (uscita 45-50°). Da qui salire il plateau innievato e portarsi in cresta.

Seguire la cresta a sud. Passato un gendarme con una delicata sezione in blocchi equilibrati sendere per blocchi lungo il piu' facile fino a a una doppia su cordone di circa 10 metri. Quindi salire la parettina di fornte con passi di III per giungere in vetta del Pelago.

Discesa
Diverse possibilità, la più semplice:
Ben riconoscerla dal basso prima di attaccare.
Dal passo immediatamente a S della vetta, scendere lungo l'ampio canale WSW (45 °, poi 35 °). Attenzione che il canale prende sole tutto il giorno e pio' scricare.
Questo canale si restringe e gira a sinistra (SSO) a 2500m. Traversare a destra e prendere il canale immediatamente a destra che all'inizo e' molto ampio e poi va a restringersi. Scendere lungo la parte stretta e quando si riapre traversare a sinistra (faccia a valle) per pendio per andare a prendere un piano inclinato che porta su un pianoro. ATTENZIONE zona molto esposta con salto di oltre 50 metri al di sotto.
Da lì, si può facilmente scendere il pendio canale che riporta perso il conoide di partenza ed il vallone des Erps.

Attenzione perchè la discesa dal Pelago non è affatto banale.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale