Bismantova (pietra di) Via dei Montipò

difficoltà: 3 / 3 obbl / A1
esposizione arrampicata: Est
sviluppo arrampicata (m): 70
dislivello avvicinamento (m): 10

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: ilcontevlad
ultima revisione: 28/11/17

località partenza: Castelnovo ne’ Monti (Castelnovo ne' Monti , RE )

accesso:
Accesso in auto: da Castelnovo ne’ Monti salire in auto per via Comici fino a Casa Pattino e ancora per una stradina asfaltata fino all’ultima casa (Ca’ d’Alessi). Parcheggiare dove termina la strada asfaltata. I proprietari sono gentili e tolleranti, ma parcheggiate con criterio ed educazione.
A piedi: Seguire la carraia per la sommità e al primo bivio segnalato andare a sinistra per Campo Pianelli. Al vicino bivio successivo (cartelli indicatori) seguire il sentiero segnalato per la ferrata fino a un secondo cartello CAI che indirizza a sinistra sempre per la ferrata (a destra il sentiero sale direttamente alla cima).
Questo crocevia è il raccordo con il sentiero di discesa.
Seguire per la ferrata, sulla sinistra in lontananza si vede il pilastro.
Seguire il sentiero CAI sino ad oltrepassare il pilastro e raggiungere la base attraversando verso destra, prima una pietraia, poi un po’ di boscaglia. Tracce poco evidenti e qualche ometto. 15 minuti circa dall’auto. Se partite dall’eremo e seguite il sentiero basale che porta alla ferrata costeggiando la parete contate 20-25 minuti.

note tecniche:
La Via dei Montipò (2016) è una facile via di due tiri esclusivamente artificiale che corre sul pilastro del Pellegrino alla Pietra di Bismantova.
Rimane a destra della via “Dado Verde” aperta nel 2017 dalle guide di White&Blue.
Pietra di Bismantova – Versante Est (zona della Sassaia)
Pilastro del Pellegrino
Via dei Montipò
Sviluppo: 70 m
Lunghezze: 2
Difficoltà: A1e
Tempo indicativo per la ripetizione: 3 ore

La via “dado verde” è simile a questa ma il secondo tiro è meno chiodato e più divertente, necessita di frequente integrazione con dadi e friend, come da relazione scaricabile qui: http://www.wbguides.com/dado-verde-nuova-via-di-artif-bismantova/

descrizione itinerario:
Relazione:
La via è attrezzata con chiodi a pressione artigianali belli grossi, la roccia non è male ma casco obbligatorio e prestate attenzione.
Attacca sulla destra del pilastro, targhetta che riporta nome e difficoltà di A1/A2, ma di A2 non ce ne è neanche l’ombra...
La via 20 metri a sinistra è “dado verde”.
L 1 – 30 m – A1 : Seguire i chiodi a pressione per placca e strapiombino. Necessari uno o due nut medi o friend piccoli. 1 fix e 2 pressione in sosta, 30m.
L 2 – 40 m – A1: Seguire i chiodi, prima di arrivare al tetto andare a destra in traverso, c’è un tentativo che arriva sotto il tetto ma si interrompe lì. Si torna verso sinistra sopra il tetto fino a sosta con 3 pressione (30m) o si può proseguire fino ad uscire in cima al pilastro (sempre chiodato, 40m). Sosta su albero. Libro di via.

Materiale:
2 staffe e longe da artif
25 rinvii, 2 dadi o friend medio piccoli

Discesa:
Salire verso destra per 5 metri nel bosco per arrivare in cima al pilastro. Appena possibile scendere verso destra per tracce nel bosco fino ad incontrare una strada forestale, imboccarla e continuare a scendere. Non appena trovate un bivio con cartello indicatore su palo a sinistra abbandonate la strada forestale e seguite il sentiero CAI, vi riporterà velocemente al crocevia dell’avvicinamento e in breve all’auto (15-20 minuti dalla cima).
Si può scendere in doppia con 2 calate da 35 m se non si esce in cima e si fa sosta sui 3 pressione.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale