Gendarmes des Rayes Planes, Becca Bovard, Pointe de l'Artse Traversata SE-NO

difficoltà: AD-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 1691
quota vetta (m): 2983
dislivello complessivo (m): 1600

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Enzo51
ultima revisione: 02/11/17

località partenza: La Ferrera (Bionaz , AO )

punti appoggio: Nessuno

cartografia: IGC 1:30:000 La Valpelline escursioni e itinerari di Scialpinismo

bibliografia: Guida dei Monti d'Italia Alpi Pennine Vol. II di Gino Buscaini

accesso:
Da Aosta risalire la Valpelline fino a un Km a monte dell'abitato di Bionaz, in localita' La Ferrera dove in uno spiazzo prima di scendere la stradina per Puoillaye si parcheggia.

note tecniche:
Cime di secondaria importanza per l'alpinista vecchio stampo desideroso di conoscere ed esplorare da vicino queste montagne praticamente sconosciute ai piu'. Cime facenti parte del sottogruppo Luseney Merlo, le due montagne piu' importanti dal punto di vista alpinistico; oggi trascurate, hanno avuto il loro periodo di fama nei primi decenni del secolo. Le altre cime come quelle in oggetto, sebbene numerose non sono molto attraenti. Non tanto per le difficolta' alpinistiche, effettivamente modeste, quanto per la roccia uno gneiss micacisti di pessima qualita' cdhe non invoglia piu' di tanto alla scalata, pregiudicandone cosi su vasta scala il piacere che diversamente se ne ricaverebbe dall''attraversamento di creste di solida roccia, in questo caso pero' pura utopia.

descrizione itinerario:
Da La Ferrera scendere a Pouillaye e per buon sentiero (n.14 poi 15), innalzarzi con ampi tornanti, fino a entrare nell'ampia ed estesa comba di Montagnaya che si attraversa sin sul suo fondo in direzione del colle stesso. Giunti all'altezza dell'alpe Avoley dopo aver attraversato i sottostanti alpeggi deell'Ardamun e dell'Aquelou , procedere con netta salita in direzione nord est in ultimo su detriti, fino ad individuare un netto e profondo intaglio (2843m), dominato a est da uno spuntone (vedi foto). Raggiungerlo faticosamente. Di qui ha inizio la traversata di cresta che per una lunghezza di oltre un km con difficolta' (III+ max) abbordabili, consente con orientamento sud est nord ovest, di toccare il vertice di di tre modeste elevazioni di cui la cosidetta Becca Bovard ne costituisce il punto culminante. La cresta poi con andamento sinuoso scende a picco ad una selletta separante quest'ultima piu' bassa elevazione di cresta che porta il nome di Pointe de l'Artse, dalla Becca Bovard precedentemente salita in fase di traversata. Dall'intaglio subito la roccia cattiva impone estrema delicatezza nel caricarla .Tenendo pressappoco il filo dello spigolo inizialmente un canalino poi una svasatura e infine un muretto (III+) si perviene alla base di un ampia placconata poco inclinata che consente di portarsi in cresta . Seguendola a tratti ora affilata a tratti piu' larga, (II II+), si giunge a un primo gendarme. Si procede poi mantenendo il filo, superando gli altri tre gendarmi, quindi si discende fino alla rocciosa Breche Bovard che si puo' raggiungere rimanendo sul filo o piu' facilmente sulla destra per ripide ma facili balze rocciose, frammiste a fasce d'erba. Procedere per cresta implica ora la discesa del tratto piu' aereo e piu' difficoltoso' di tutta l'intera traversata. Tratto che sarebbe piu' opportuno e piu' redditizzio percorrerlo in salita che non in disarrampicata con doppia (20m attrezzatura in loco ancora in buono stato) nell'ultimo tratto prima di approdare alla selletta alla base della cresta. Dalla selletta cosi raggiunta una ampia cengia corre sul fianco dx sotto cresta fino in vista della tondeggiante Pointe de l'Artse che richide l'uso delle mani solo nell'ultimo breve tratto finale di cresta. Si torna quindi alla selletta e si intraprende la discesa lungo l'ampio ripido e scivolo pendio detritico fin sopra le baite dell'alpe Avoley a riprendere il sentiero dell'andata. (Per il giro completo di avvicinamento traversata e rientro per stesso vallone di salita. prevedere dalle 11 alle 12 ore soste comprese).

altre annotazioni:
I primi salitori della Becca Bovard risultano essere l'abate Joseph Henry con Theodule Forclaz (guida) il 13 luglio 1914 in traversata dalla Pointe de l'Artse alla Breche Bovard. Molto probabilmente, dopo la prima ascensione questa Becca non e' stata piu' raggiunta da alpinisti. Cosi come il resto dell'attraversata nel senso come descritta, non presenta segni che lasciano presagire del passaggio di cordare sin da tempi lontani.

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Gendarmes des Rayes Planes, Becca Bovard, Pointe de l'Artse Traversata SE-NO - (0 km)
Livournea (Cima di) da La Ferrera - (0 km)
Luseney (Becca di) Parete NE dal Bivacco Chentre Bionaz - (0.1 km)
Tseucca (Aouille) Via Normale da Chamen - (1.3 km)
Blanchen (Gran Becca) Traversata Punta Boetta, petit Blanchen e Grand Blanchen - (1.3 km)
Labie (Becca) da Chamen per il Col d'Otemma e la cresta O - (1.4 km)
Chatelè (Becca) traversata Creste SSE - SSO - (1.4 km)
Sengla (la) Traversata integrale Nord-Sud - (1.4 km)
Berlon (Mont) da Ruz - (1.9 km)
Luseney (Becca di) - Becca d'Arbiere traversata Nord-Sud da La Ferrera - (1.9 km)
Berrio (Monte) Cresta N/NE - (1.9 km)
Invergnaou (Becca d') da Bionaz per il Col du Mont Echeut e la Cresta Ovest - (1.9 km)
Chardoney (Becca) Cresta NO - (1.9 km)
Crête Sèche (Seracco) piolet traction a crête Sèche - (1.9 km)
Kurz (Punta) Via Normale dalla Diga di Place Moulin - (1.9 km)
Kurz (Punta) - Mont Brulè dalla Diga di Place Moulin per il Col Collon e la cresta NO - (1.9 km)
Cervo (Monte) Via normale per Cresta NNE - (1.9 km)
Blanchen (Gran Becca) da Chamen per il vallone della Sassa - (2 km)
Faudery (Becca di ) da Ruz per il ghiacciaio dell'Aroletta e la Cresta Nord - (3 km)
Guin (Becca di) traversata Creste SO - S - (3.2 km)
Tsa (Tour de la) Parete SE - (3.5 km)
Cervo (Monte) Canale SO e Cresta S - (3.5 km)
Cervo (Monte) Cresta Sud - (3.5 km)
Trouma de Boucs da Ruz per i Colli Crete Seche e Chardoney - (3.5 km)
Aroletta (Vierge de l') Cresta S - (3.5 km)