Sea Bianca (Punta) dal rifugio Barbara Lowrie per il Colle della Gianna

sentiero tipo,n°,segnavia: 111
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1720
quota vetta/quota massima (m): 2721
dislivello salita totale (m): 1070

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: paolokaps
ultima revisione: 27/10/17

località partenza: Rifugio Barbara (Bobbio Pellice , TO )

punti appoggio: Rifugio Barbara Lowrie

cartografia: Fraternali 1:25000 n° 7 Val Pellice

accesso:
Da Torre Pellice proseguire in direzione Villar Pellice, oltrepassato il paese svoltare a sinistra al cartello Rifugio Barbara Lowrie, percorrere la strada fino alla sbarra del rifugio e posteggiare nell’ ampio parcheggio dopo il tornante.

note tecniche:
La gita si presta ad un anello con ritorno a valle dal sentiero 113 fino alle Grange Gianna, da qui al Rifugio Barbara. Attenzione però in quest' ultimo tratto, che comporta una risalita di 200 metri e, benchè segnalato, in molti tratti è irriconoscibile perchè abbondantemente calpestato dalle mandrie al pascolo.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio raggiungere il rifugio ed oltrepassarlo a destra senza attraversare il torrente, seguendo il cartello ed i paletti del sentiero 111 fin quasi al fondo del pianoro; sulla sinistra si troverà l’ attacco alla salita ben segnalato da un cartello Col Proussera/Colle della Gianna. Il sentiero è ben marcato, solo un po’ scosceso in due punti un po’ franosi, e porta ad un incrocio segnalato col parallelo sentiero 113 che proviene dalle Grange della Gianna, all’inizio della Valle dei Carbonieri.
Salire al Colle della Gianna (un balcone grandioso sul Monviso nelle belle giornate) poi seguire la traccia a sinistra in salita fino ai resti di una costruzione in pietre. Alcuni ometti di sassi guideranno a superare un breve salto roccioso, non difficile ma da affrontare con cautela aiutandosi con le mani. Da qui il percorso è facile e ben indicato da ometti e marche in vernice che portano alla vetta indicata da un evidente cumulo di massi.
Discesa dal percorso inverso.