Bordevolo (Costa e Punta) da Berchiotto per l'Alpe la Torre

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1232
quota vetta/quota massima (m): 2623
dislivello salita totale (m): 1600

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Blin1950
ultima revisione: 29/09/17

località partenza: Berchiotto (Frassinetto , TO )

cartografia: Mu Edizioni - Carta della Valchiusella

bibliografia: CAI-TCI Emilius Rosa dei Banchi

accesso:
Dalla ex SS 460, raggiungere Pont Canavese, dove giunti al ponte sul torrente Soana, si segue l’indicazione Frassinetto ; da Frassinetto seguire a sinistra l’indicazione Berchiotto. Alla Chiesa di Berchiotto si continua sempre su strada asfaltata, ora molto più stretta fino al bivio della Balma, m. 1104; salire ora a destra su strada in parte cementata nella zona dei tornanti, poi un lungo traverso su sterrata fino al bivio della Losa di Ferro, dove si parcheggia nell’ampia curva del ramo a scendere di Monteu.

note tecniche:
Gita abbastanza lunga e faticosa, che percorre la parte alta della Valle Alta di Codebiollo, sentiero ancora discreto fino al bivio per l’Alpe la Torre, oltre il percorso avviene perlopiù in assenza di sentiero ogni tanto qualche traccia formatosi del passaggio del bestiame. Purtroppo abbiamo preso atto che la esile traccia di animali che risaliva l’esposta e ripida cengia erbosa, non c’è più, mentre era ben presente nell’ Ottobre 2011, quando ero salito su queste cime da Fondo. Ovviamente senza traccia il percorso è più complicato e da percorrere con grande attenzione!

descrizione itinerario:
Si segue la strada per un tratto cementata, poi sterrata, passando le baite ristrutturate dell’Alpe Losa di Ferro, si giunge ad un secondo bivio, si continua a destra passando vicino ad un’altra baita ristrutturata, si continua nel bosco, passando il Rio dei Piani o Rio Cialma, si risale il lato opposto toccando la baita Chioira e giungendo alla diroccata Cavanna di Gaba, dove un cartello con scritto 'Mionda' indica di proseguire dritto e in breve, passando il Rio Marmotta, si giunge alla Balma di Chir 1505 m.
Si sale ora a sinistra dell'alpe il sentiero sempre ben segnato raggiunge l'Alpe Cavanna, m. 1638, poi si sale con alcune giravolte, giungendo all'Alpe Vardasson, m. 1882. Si prosegue dietro le case, ancora sul sentiero segnato che attraversa il rio Verdassa e poco dopo, verso i 1920 m. si abbandona il sentiero della Mionda; si sale a destra puntando ad un passaggio su una balza e riattraversando il rio e risalendo il prato umido, si raggiungono le baite dell’Alpe la Torre, m. 2052 circa. Dall’Alpe la Torre, appare in alto il profilo dalla Costa e della Punta Bordevolo, si prosegue oltre l’Alpe, salendo tenendo come direzione la Cima Centrale di Costa Bordevolo, giunti ormai prossimi alla parete, ci si sposta verso destra, fino ad individuare una lunga e stretta cengia erbosa inclinata, che risalitola porta alla larga depressione, quota 2570 circa, posta fra le due cime di Cresta Bordevolo. Si sale a nord-ovest direttamente o si aggira sui pendii erbosi il primo risalto roccioso, poi si va a prendere un canalino erboso, versante Codebiollo, che in breve raggiunge la cresta a pochi passi dall’ometto di Cima Centrale di Costa Bordevolo, il punto più alto della gita, m. 2623. Si ritorna alla depressione 2570, sullo stesso percorso di salita, ora si sale a sud-est su facile cresta, raggiungendo l’ometto, quota 2602, della Cima meridionale di Costa Bordevolo. La traversata diretta per cresta alla Punta Bordevolo, presenta un tratto centrale molto esposto da entrambi i lati con grossi spuntoni rocciosi, pertanto è consigliabile non percorrerla escursionisticamente. Quindi per andare alla punta Bordevolo occorre ritornare alla depressione 2570, scendere sul versante Valchiusella con un percorso ad aggirare lo zoccolo roccioso della Cima Meridionale di Costa Bordevolo e risalire con percorso abbastanza facile alla Punta Bordevolo m. 2622. Ora per completare il piccolo giro ad anello si scende la facile pietraia, prima a sud, poi sud-ovest ed ancora a nord-ovest, passando nei pressi del piccolo laghetto posto sotto il paretone ovest della Punta Bordevolo, si continua sulla stessa direzione fino a raggiungere il percorso di salita in prossimità del cengione erboso fatto in salita e sul percorso di salita, fare ritorno alla Losa di Ferro.

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Bordevolo (Costa e Punta) da Berchiotto per l'Alpe la Torre - (0 km)
Giavino (Monte) da Berchiotto per il Vallone di Codebiollo - (0.1 km)
Carpior (Cima) da Querio - (0.2 km)
Rama (Punta) da Fraschietto - (1.1 km)
Prafourà (Punta di) e Monte Cavallo da Fraschietto per il Vallone di Verdassa - (1.7 km)
Pal (Cima di) da Fraschietto - (1.8 km)
Chiono (Laghi di) da Fraschietto, anello - (1.9 km)
Verdassa (Lago di) o della Mionda da Berchiotto - (3.1 km)
Carpior (Cima) da Berchiotto - (3.1 km)
Quinzeina o Quinseina (Punta Nord) da Berchiotto - (3.1 km)
Prà (Monte del) da Berchiotto - (3.3 km)
Betassa (Monte) da Frailino - (3.3 km)
Carpior (Costa) quota 2635 m da Berchiotto, possibile anello per il Monte del Prà - (3.3 km)
Bordevolo (Punta) per il Vallone di Codebiollo e la dorsale Ovest - (3.3 km)
Verdassa (Vallone di) o di Codebiollo Traversata da Mombianco - (3.4 km)
Mombianco da Ingria, anello per santa Libera, Albaretto, Salsa - (3.4 km)
Alto (Monte) da Cavagnole - (3.4 km)
Codebiollo (Vallone di) da Ingria, giro delle borgate - (3.6 km)
Ingria (Uja d') da Reverso - (3.6 km)
Ingria (Uja d') da Camprovardo, anello per il Monte Serena - (3.9 km)
Ingria (Uja d’) e Punta Arbella da Reverso, anello - (3.9 km)
Lóli (Punta di) o quota 1805 m da Stroba per il Vallone delle Comunasse - (4.1 km)
Quinzeina o Quinseina (Punte Sud e Nord) da Chiapinetto - (4.1 km)
Canaussa (Monte) daTiglietto, anello per Laghi Canaussa e Cima Tavorna - (4.1 km)
Gheule (Punta delle) da Ronco Canavese - (4.2 km)