Catteissard Via del Risveglio

difficoltà: 6b+ :: 6a obbl ::
esposizione arrampicata: Sud
sviluppo arrampicata (m): 220

copertura rete mobile
wind : 100% di copertura
vodafone : 90% di copertura
tim : 82% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: mraymondi ziocharli Fab Alb
ultima revisione: 08/09/14

località partenza: Falcemagna (Bussoleno , TO )

bibliografia: Schizzo preciso su Altox.it

vedi anche: http://www.altox.it

accesso:
Entrati nel paese di Bussoleno (TO) al terzo semaforo voltare a destra, oltrepassare il sottopassaggio ferroviario e girare subito a sinistra seguendo la ferrovia per circa 200 metri fino all’ex passaggio a livello; di fronte a questo girare a destra e percorrere la stretta strada in salita (via Mameli)
Passato un ponticello di recente costruzione ed arrivati ad un bivio, prendere a sinistra, passare alcune case e seguire l'indicazione per la frazione Falcemagna dapprima asfaltata poi sterrata. (Possibile smarrirsi un po', ci sono diversi ponti: tenersi alti e sulla destra orografica del fiume e reperire l'indicazione per Falcemagna)
Arrivati ad un bivio poco prima della frazione, girare a sinistra ad una specie di tornante e proseguire su strada sterrata per circa 1,5 km.
Ad una baita diroccata si lascia l'auto (il posto per parcheggiare è esiguo, quindi usare buon senso) ed imboccare il sentiero pianeggiate dietro quest'ultima in direzione Ovest (NB: non quello in salita con indicazione per Catteissard!!). Raggiunto un crinale con segnale trigonometrico, piegare a destra e salire fino ad un bivio con ometto. Continuare ora a sinistra per traccia fino alla base della parete. 50 minuti dall’auto circa.

note tecniche:
Parete solare e mediamente frequentata dalle caratteristiche dolomitiche, verticale e strapiombante. La sistemazione a fix inox pur non avendone sminuito le difficoltà, ha tuttavia alzato l'obbligato.
Per una ripetizione sono utili due mezze corde da 60m ed eventualmente una scelta di friend medi (1 verde, 1 rosso e 1 giallo BD dovrebbero essere più che sufficienti, con questa attrezzatura azzerabili in A1 i soli passi in fessura, la via rimane comunque 6b+ max).
OBBLIGATORIO CASCO

descrizione itinerario:
L1 - 5c, 35m - muro grigio verticale con passi tecnici (originariamente si saliva stando sulla destra). Sosta su terrazzino.

L2 - 6b+, 40m - Su per il diedro-fessura aggettante e fisico per i primi metri. Dopodichè si continua su una placchetta aggettante con una sezione obbligata su piccole prese leggermente a sx dalla quale si esce in traverso verso destra.
Sosta spaziosa

L3 - 6b+, 40 metri - Obliquare verso destra seguendo una vaga fessura (primi metri facili) e traversare fino alla base di un tratto strapiombante (esposto) da affrontare direttamente (allungare le protezioni). Sosta esposta su un piccolo ballatoio.

L4 - 5c, 20m - In verticale, poi per rocce rotte verso destra (qualche sasso mobile).

L5 - 6b, 25m - Fessura strapiombante con sezione assai fisica e obbligata. Poi fessura diedro più facile.

L6 - 6a, 40m - Diedro-camino, al termine del quale si traversa decisamente verso destra su cengia (allungare le protezioni, eventualmente sfalsare le corde). Infine bell'arrampicata su muro verticale.

L7 - 5a, 40m - Continuare per placchette (sassi mobili). Enorme masso molto mobile poco a sx della linea di salita. Da Sgaggiare. Sosta su albero.

DISCESA
Conoscendo la parete è possibile calarsi in doppia, ma uscendo in cima è molto comodo e veloce il sentiero.
Salire ancora con scarpe da avvicinamento verso l'albero più in alto (10m), di qui per tracce di sentiero traversare a destra (20/30m) fino al sentiero principale. Seguire la traccia con un unica possibilità di errore (meglio piegare a destra in discesa in un canale seguendo il sentiero che scende, prima poco evidente poi più marcato, e lasciando la traccia che prosegue in traverso)

altre annotazioni:
Aperta da Gian Carlo Grassi, Danilo Galante e Roberto Bonelli il 5 Maggio del 1974. Prima ripetizione G. Beuchod. Richiodata dalle guide alpine Altox.