Mater (Testa del) dal Colle di Finero

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 960
quota vetta/quota massima (m): 1846
dislivello salita totale (m): 950

copertura rete mobile
tim : 80% di copertura

contributors: Larix66
ultima revisione: 20/08/17

località partenza: Colle di Finero (Malesco , VB )

accesso:
Da Malesco prendere la Provinciale N°75 per Finero e Cannobbio. Seguirla per circa 3 km e parcheggiare prima dell'ultima curva che precede il Colle di Finero, noto anche come "Passo Pantani" presso i ciclisti che risalgono la Valle Cannobina in direzione della Valle Vigezzo. Il valico è detto localmente Passo dello Scopello. La strada è stata recentemente allargata in prossimità del passo, con buone possibilità di parcheggio.

note tecniche:
Il percorso coincide con l'itinerario scialpinistico N°4436, dove la località di partenza è indicata come "Pian del Sale", località situata appena sotto il Colle di Finero sul versante cannobino.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio poco prima del valico, versante vigezzino, si attraversa (con attenzione) la provinciale e si prende l'ampia strada sterrata che si inoltra nel bosco verso Sud. Si segue la strada, trascurando una prima indicazione per Laurenzo, fino ad un altro bivio segnalato da cartelli dove la sterrata comincia a scendere verso Finero. Si prende quindi il sentiero a destra, segnalato da bolli recenti (bianchi e rossi) e meno recenti (gialli e rossi) che in decisa salita conduce agli alpeggi abbandonati di Orsera (1310 m) e successivamente Monte Oro (1414 m). Il sentiero prosegue seguendo più o meno fedelmente la dorsale, alternando tratti di faggeta e radure erbose, transitando presso la Cappella del Group, ben visibile dalla Valle Vigezzo e buon punto panoramico. La cresta raggiunge una prima altura, nota come Picui, per scendere ad una sella chiamata localmente Pianzà (1701 m) dove sul lato di Finero è presente una sorgente. A questo punto seguendo le tracce sul ripido pendio è possibile raggiungere l'altura nota come "La Cima", 1810 m, nota meta anche sciapinistica, riconoscibile per una croce in ferro, da cui ritornando sui propri passi e deviando a destra (Sud) si transita per un'ampia sella con massi erratici per raggiungere la cresta erbosa che conduce alla Testa del Mater. Il ritorno può avvenire con un anello transitando nuovamente per la Cima e proseguendo per l'Alpe Cortino (vedasi itinerario 59260, tenendo conto della necessità di organizzarsi per il rientro in auto) oppure lungo il percorso dell'andata, anche evitando la risalita alla Cima.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale