Gandalf (Torre di) L'essenziale è invisibile agli occhi

difficoltà: 7b / 6c obbl / A0
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 1400
sviluppo arrampicata (m): 85
dislivello avvicinamento (m): 300

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: MauMau
ultima revisione: 07/08/17

località partenza: Forno Alpi Graie (Groscavallo , TO )

accesso:
come per le altre vie alla Torre di Gandalf

note tecniche:
Via mista impegnativa di tre tiri. Il primo atletico su strapiombo, il secondo in fessura, il terzo in placca estrema. Il secondo tiro è in buona parte in comune con Apprendisti Stregoni
Difficoltà: 7b con due punti di A0 (6c obbl)
Sviluppo: 85 m
Materiale: la via è in parte spittata. Portare 12 rinvii e due serie di friend sino al 3BD

descrizione itinerario:
Attaccare nel centro della Torre, tra Occhio di Sauron e Fragoline Rosse. Salire per roccia strapiombante ma ben provvista di tacche alternando spit a protezioni naturali guadagnando una bellissima fessura che lascia in sosta, S1 (25m), 6c+. Alzarsi sopra la sosta verso l’evidente diedro di Apprendisti Stregoni. Superare il tetto e seguirlo interamente in opposizione uscendo a sinistra alla sosta con catena, S2 (30m), 6a/6a+. Raggiungere il primo spit e traversare a destra sulla placca sospesa tra i due tetti (primi tre spit di 7b, poi A0 su due punti, quindi 7a sino alla cengia), S3 (30m), utili due friend piccoli. Il tiro in libera ha difficoltà probabili intorno al 7c o più... Di qui si può scendere o continuare ancora un tiro per Minas Tirith.

altre annotazioni:
Prima salita: Maurizio Oviglia e Diego Re, ottobre 2016, dal basso

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale