Don Barbera (Rifugio) dal Colle di Tenda

difficoltà: MC / MC / S1   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1800
quota vetta/quota massima (m): 2070
dislivello salita totale (m): 700
lunghezza (km): 21

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Puma
ultima revisione: 27/07/17

località partenza: Colle di Tenda (Limone Piemonte , CN )

punti appoggio: Chalet Le Marmotte (colle di Tenda); Rifugio don Barbera

cartografia: IGC 1:25000 N° 114 - Limone Piemonte

bibliografia: P. Pia- A. Pia- D. Zangirolami - Ai rifugi in mountain bike - Priuli & Verlucca, Ivrea, 2014

accesso:
Da Mondovì (CN) si raggiunge Cuneo e di qui Boves. A Boves deviazione sulla sinistra per Limone Piemonte. Superato l'abitato di Limone, si prosegue sulla statale che compie numerosi tornanti; la si abbandona prendendo una deviazione sulla destra con direzione "Quota 1400"; da qui si prosegue sempre dritti sulla strada asfaltata (con numerose buche), che dopo parecchi tornanti arriva ad uno slargo in prossimità dello Chalet Le Marmotte, dove si può parcheggiare l'auto.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio si imbocca una stradina sterrata in leggera salita in direzione est; si prosegue su questa sterrata fino ad un bivio, dove la si abbandona e si imbocca una sterrata sulla destra, facilmente riconoscibile per via di una sbarra che impedisce il traffico dei veicoli a motore; un cartello in legno indica la direzione per il Fort Tabourde, un altro indica "La via del sale - MTB". La sterrata (sentiero GR 52A) prosegue in leggera salita, con un fondo generalmente buono; la si segue senza possibilità di errore fino ad arrivare ad un tornante, in prossimità del Fort Tabourde (un cartello in legno con la scritta "La via del sale - MTB" indica la direzione giusta). Conviene tuttavia proseguire diritti per un centinaio di metri per vedere il Fort Tabourde, attualmente in condizioni piuttosto diroccate ma sempre interessante. Da lì grande vista sulla catena alpina, con la Rocca d'Abisso sullo sfondo, verso ovest.
Ritornati sul sentiero, si continua con una serie di tornanti in salita e poi un lungo traverso, con un fondo sempre accettabile e in alcuni tratti inerbito, fino a giungere ad una conca mentre, sulla sinistra, si lascia la cima del Bec Roux, facilmente individuabile per via di una croce di sommità. Si prosegue sul sentiero che ora compie una leggera curva (seguire sempre le indicazioni dei cartelli "La via del sale - MTB" senza farsi tentare da alcune deviazioni laterali); siamo ora sul sentiero che conduce al Fort Pepin, che però non si raggiunge in questo itinerario.Il sentiero prosegue ora quasi in piano fin sotto la Cima del Becco, dove inizia una discesa su single track non molto impegnativa dal punto di vista tecnico (ci sono solo dei modesti drop qua e là). Questo tratto è però tagliato sul fianco del monte, abbastanza ripido, quindi occorre esercitare un po' di attenzione per evitare di cadere. Il sentiero termina con un tratto abbastanza ripido, superabile agevolmente con un po' di fuorisella. Si arriva così al Colle della Perla, dove si re-incontra la strada Colle di Tenda- Monesi, che ora si seguirà sino all'arrivo al Rifugio. La strada prosegue in salita, sino al famoso tornante del Colle della Boaria, capolavoro dell'ingegneria militare del secolo XIX, da cui si ha una splendida vista sulla valle e sull'abitato di Limone. Dal colle la strada prosegue, alternando discese a risalite, con un fondo generalmente ciottoloso che dà abbastanza fastidio. La strada è frequentata da mezzi motorizzati (auto e moto), ovviamente il traffico aumenta nel week end. Si arriva infine al Colle dei Signori, da cui si vede già la sagoma del rifugio; una comoda stradina laterale permette l'accesso al rifugio don Barbera, dopo 21 Km di pedalate e un dislivello in salita di circa 700 metri.
Il ritorno si fa sul percorso dell'andata fino al Colle della Perla; qui, per variare un po' l'itinerario, conviene proseguire sulla rotabile invece di ripercorrere l'itinerario dell'andata. Si arriva così al Colletto Campanino, da cui si notano gli impianti di risalita sciistici. Si continua sulla rotabile e, giunti quasi al punto di partenza, conviene effettuare una deviazione sulla destra che conduce al Fort Central, che si può visitare dall'esterno. Da qui con un breve tratto misto asfalto-sterrato si ritorna al punto di partenza, per una distanza totale di 41 Km (il dislivello del ritorno è di circa 480 metri).