Genepy (Pointe du) dal Passage du Rosoir per la cresta SO

difficoltà: PD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 2000
quota vetta (m): 3551
dislivello complessivo (m): 1600

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: m.gulliver
ultima revisione: 20/06/17

località partenza: Plan d'Aval (Aussois , 73 )

punti appoggio: Refuge de la Dent Parrachée

cartografia: IGN 1:25.000 3534 OT

bibliografia: Sommet de Vanoise - Glenat

note tecniche:
E' la prima vetta rocciosa a Nord della Pointe de Labby e la prima cima della lunga Traversata delle Arete du Genepy che termina alla calotta nevosa dei Domes de Arpont, Nants e Chasseforet.
Alternativa alla più facile e frequentata Pointe de Labby è facilmente concatenabile con la salita a quest'ultima dal versante O.
Il passage du Rosoir, un tempo agevole, è ora più complicato per via del ritiro del ghiacciaio e la conseguente instabilità della roccia. E' comunque parzialmente attrezzato.

descrizione itinerario:
Dal primo posteggio delle dighe di Plan d'Aval, seguire le scorciatoie della pista (indicazioni), voltare a sx su bel sentiero balcone, passare nei pressi del refuge de Fournache e con un'ultima rampa arrivare al refuge de la Dent Parrachée m 2511 a monte di questo seguire il marcato sentiero fino al lac du Genepy m 2900.
Aggirarlo sulla sx e salire sui resti del ghiacciaio, con una lunga diagonale verso destra poco ripida ci si porta alla base di una breve rampa (40°) che con decisa svolta a sx porta in breve al col du Labby m 3328. A inizio stagione, con neve, è possibile dal lago salire direttamente in direzione del colle per ripidi pendii.
Dal passo scendere sul ghiacciaio de la Mahure e con un lungo diagonale verso NNO puntare al passaggio del Rosoir, posto fra la lunga e dentellata cresta N della Pointe du Labby e la Pointe du Genepy.
Vi sono 2 passaggi, puntare a quello di dx, più facile. Salire per neve fino dove è possibile, quindi con arrampicata non difficile ma delicata per la natura instabile del terreno (II, un passo di III, spit, corde fisse, bolli gialli).
Da passo volgere a dx e salire una sorta di canale a dx (est) del filo di cresta, per massi instabili e detriti; raggiunta la cresta, la si segue fino in vetta (roccia un po' più solida, tratti di II).
Discesa, con cautela, per la via di salita (soprattutto nella discesa dal Passage du Rosoire al ghiacciaio), oppure salire alla Pointe de Labby per il versante O e scendere dalla via normale di quest'ultima.