Leone (Monte) Via della Paretina

tipo itinerario: ghiacciaio
difficoltà: OSA / PD   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 2000
quota vetta/quota massima (m): 3553

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Larix66
ultima revisione: 01/05/17

località partenza: Passo del Sempione (Simplon , Brig )

punti appoggio: Ospizio del Sempione, Capanna Monte Leone, Bivacco Farello

cartografia: C.N.S.

bibliografia: Armelloni R. Alpi Lepontine Sempione-formazza-Vigezzo ed. CAI-TCI

accesso:
La prima parte dell'itinerario è in comune con quello per il Breithorn e la via normale per il Leone lungo la cresta Sud. A circa 2500 m deviare a sinistra. Vedere anche l'itinerario 51172 con partenza dal paravalanghe dopo il Passo, ottima alternativa per la discesa.

note tecniche:
La salita della "Paretina" è classificata AD sulla Guida dei Monti d'Italia citata in bibliografia; la classificazione si riferisce alla parete in condizioni estive. La maggiore difficoltà consiste nel superamento della crepaccia terminale mentre l'inclinazione supera i 45°. La salita alla vetta avviene quindi senza sci lungo la cresta Ovest-Sud-Ovest, con tratti ripidi ed esposti e difficoltà variabile secondo le condizioni di innevamento.

descrizione itinerario:
Poco oltre la quota di 2500 m lungo l'itinerario classico per il Breithornpass (vedasi anche it. 3466) si traversa a sinistra (Est) entrando in una conca sotto la fascia di rocce che limita a Nord il ghiacciaio di Homattu. Si raggiunge il Chaltwassergletscher che si percorre lungamente in diagonale ascesa verso Est-Nord-Est, facendo attenzione ai crepacci, costeggiando a debita distanza la lunga cresta rocciosa che comprende la cima Nord del Breithorn e termina con la vetta del Leone. Alla quota di circa 3200 m, appena ad Est rispetto alla verticale della quota 3403 della cresta (dove passa la linea di confine), superare con attenzione la crepaccia terminale nel punto più favorevole e salire il ripido pendio della "Paretina" con gli sci in spalla fino ad uscire sulla cresta in un tratto pianeggiante ad Est della quota 3403. Lasciare gli sci e proseguire lungo la cresta fino alla cima. Il ritorno può avvenire lungo lo stesso itinerario, con la discesa della paretina di buon livello tecnico; prestare attenzione alle condizioni della neve e soprattutto della crepaccia terminale. Proseguire quindi sulle tracce della salita oppure verso il paravalanghe come descritto nell'itinerario 51172. In alternativa, dal punto dove si lasciano gli sci, è possibile scendere sull'Alpjergletscher collegandosi al percorso della via normale o effettuare la traversata dalla cima per la cresta Sud, portando però gli sci fino in vetta.