Quattro Denti (Becca dei) dalla Diga di Beauregard per il Vallone di Pra Longet

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Varie
quota partenza (m): 1800
quota vetta/quota massima (m): 2647
dislivello totale (m): 950

copertura rete mobile
wind : 0% di copertura

contributors: gianmario55
ultima revisione: 21/03/17

località partenza: Valgrisenche (Valgrisenche , AO )

punti appoggio: Nessuno

cartografia: I.G.C. 1:25.000 n. 102 Valsavarenche, Val di Rhemes, Valgrisenche

bibliografia: Guida C.A.I.- T.C.I. Alpi Graie Centrali

accesso:
Da Aosta Ovest seguire la statale per Courmayeur fino a Leverogne dove si svolta a sinistra (indicazioni per Valgrisenche). Raggiunto il capoluogo continuare verso Surier/Usellieres e parcheggiare in prossimità dell'ultimo tornante a destra prima di Bonne.

note tecniche:
Il dislivello indicato è comprensivo delle risalite.

descrizione itinerario:
Dal tornante seguire una stradina che, in direzione Sud, porta in piano verso la Diga. Un sentiero a zig-zag scende per circa 60 metri fino a raggiungerla. Uno stretto cancelletto di accesso permette di percorrerne il sommo per portarsi sull'altro lato. Seguire ora la stradina di servizio che, dopo due lunghi traversi, sale ad innestarsi nella strada che, provenendo dal capoluogo, percorre la sponda destra idrografica del semivuoto Lago di Beauregard. Seguirla fino a che, dopo una breve galleria, si raggiunge un incrocio (indicazioni). Svoltare a sinistra raggiungendo così l'Alpe Rocher, m. 1900. Continuare su ampi pendii in direzione Est-Sud-Est fino allo splendido pianoro dell'Alpe Prariond, m.2039. Risalire verso Est pendii sempre ampi e poco ripidi e, dopo avere superato un alpeggio a quota 2140 circa, si raggiungono i vicini Alpeggi di Pra Longet e di Plontà, entrambi a quota 2300 circa. Volgere ora decisamente in direzione Nord, sempre su pendii aperti, in direzione della ormai ben visibile Becca dei Quattro Denti, fino a portarsi all'incirca sotto la verticale del torrione sommitale. Risalire ora il ripido pendio (da valutare in funzione delle condizioni) appoggiando leggermente verso destra e giungendo così sul poco marcato colletto dove si trova anche il Ricovero. Volgere ora a sinistra (Ovest) e percorrere i pochissimi metri di cresta rocciosa, che presenta un solo brevissimo passaggio leggermente esposto, giungendo così sulla vetta caratterizzata da un ometto di sassi.