Bosc (Cime du) e Grazian (Mont) da Olivetta San Michele, anello per il Vallon de Bassera

sentiero tipo,n°,segnavia: GR510, segnavia gialli, GR 52 A e Sentiero botanico.
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 292
quota vetta/quota massima (m): 1124
dislivello salita totale (m): 1760

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: roberto vallarino
ultima revisione: 11/02/17

località partenza: Olivetta San Michele (Breil-sur-Roya , 06 )

cartografia: Vallee de la Roya 3841ot IGN 1:25000 e Vallees de la Bevera et des Paillons 3741ET IGN 1:25000

accesso:
Si risale la Val Roya fino a dopo San Michele, per andare a sx con direzione Sospel e in 3 km a raggiungere l'abitato di Olivetta San Michele con parcheggio nella piazza.

note tecniche:
Lunga gita ad anello che si svolge tutta su sentieri ben segnati tra ambienti molto vari e tipici della macchia mediterranea.

descrizione itinerario:
A fianco alla chiesa di Olivetta, parte il sentiero segnato (bianco rosso) che si segue fino a raggiungere la strada (pal.442) da dove si può anche partire (poco parcheggio bordo strada) e per la quale verso dx (200m), ci porta al bivio (pal.441) e da li si sale per sterrata tra gli uliveti passando dalla Chapelle de St. Jerome e poi per sentiero alla strada asfaltata.
La si segue a dx e in breve si arriva a Piene Haute e dopo essere scesi alla piazza del paese, si va a sx (pal.113) per scendere lungo la tortuosa mulattiera e lasciato il bivio a dx per Piene Basse, si continua a scendere per attraversare il vallone e da li sulla sponda opposta a risalire un centinaio di metri e sempre su bella mulattiera, a proseguire per lungo tratto con lievi sali e scendi e per poi scendere fino a raggiungere Breil sur Roya (m.290).
Attraversato il paese fino al primo ponte (pal.), si va a sx e dopo il sottopasso ferroviario di nuovo a sx, per salire lungo la stradina fino alle case La Lavina (pal. 120).
Da qui si va a sx e presso il cancello della proprietà privata, si prosegue per il sentiero segnato che con costante e tortuosa salita prende quota rapidamente nel bosco e lasciato il bivio a dx per il Col des Brouis (pal.121), si raggiunge la cresta e per la quale verso dx si prosegue tra tracce e roccette fino ad arrivare in vetta alla Cime du Bosc (m.1124) con i ripetitori.
Seguita la sterrata, si riprende la cresta verso ovest e per sentierino (segni gialli sempre) la si scende fino a raggiungere la sterrata del GR52A e per la quale si prosegue presso la panoramica dorsale fino al Col de Paula (m. 739 e pal.119).
Da qui se si prosegue per la dorsale, si arriva anche al Mont Grazian (m.863) il quale merita una visita e tornati al Col de Paula si va a sx verso il Vallone de Bassera e dopo un tratto pianeggiante, a scendere tortuoso fino al fondo del vallone (pal.96) e lasciato il GR 52A, si va a sx su bel sentiero tra lievi sali e scendi subito e poi con graduale discesa tra boschi e i canyon del Vallon de Bassera fino a raggiungere la strada (pal.89).
Attraversata non resta che seguire il sentiero botanico per passare dalle case di Pont de Cai, per continuare pressoché pianeggiante presso le erosioni del Bevera e per poi salire brevemente arrivando nella strada e alla Palina 442, da dove non resta che scendere per l'itinerario in comune fino all'abitato.