Rouas (Ferrata del)

L'itinerario

difficoltà: D ::
esposizione prevalente: Sud-Est
quota base ferrata (m): 1370
sviluppo ferrata (m): 1000

copertura rete mobile
vodafone : 92% di copertura
tim : 73% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 100% di copertura

ultima revisione: 16/06/10

località partenza: Melezet (Bardonecchia , TO )

cartografia: IGC 1:50000 1 Valli di Susa Chisone e Germanasca

note tecniche:
La via ferrata del bosco del Rouas tra le diverse presenti in valle è quella che sotto il profilo sportivo più si avvicina ai modelli delle vicinissima Francia, dove la pratica di questo genere di percorsi è diventata una sorta di moda, con migliaia di proseliti, che ogni giorno affollano le numerosissime strutture presenti in ogni regione. Obbiettivamente si trova in un luogo molto bello, dal sapore tipicamente alpino, su roccia calcarea finemente lavorata e con bellissimi scorci sulla conca di Bardonecchia. L’ attrezzatura è impeccabile, ed inoltre sulla stessa parete si sviluppano tre diversi percorsi, con lunghezza e difficoltà differenti, che possono essere concatenati, per soddisfare le esigenze del neofita dell’ esperto, ed anche quelle dei più piccoli, in quanto nel suo percorso più elementare la ferrata è stata concepita con ancoraggi e gradini ravvicinati.
L’ avvicinamento è nullo e il rientro si riduce a pochi minuti.

descrizione itinerario:
La via ferrata si sviluppa sulla falesia che domina la strada provinciale che da Bardonecchia conduce in Valle Stretta. Parcheggio e punto di partenza sono situati a bordo strada; circa a 300 metri a monte della frazione Melezet, in regione Pian del Colle. Si comincia l'ascensione per pilastrini inclinati, brevi risalti e placche, poi obliquando a sinistra per cenge e saltini si perviene al bivio della "Balma del Camoscio". Proseguendo a sinistra per una falesia ripida e attraversando sotto un grande tetto si raggiunge la spalla del Rouas. Oppure; dal bivio della "Balma del Camoscio" piegando a destra si prosegue per la variante atletica, dove ci si può cimentare, dopo un tratto obliquo, con uno strapiombo che introduce alla fascia superiore della falesia, per proseguire poi sul lungo traverso di placche striate. Attraversate un paio di cascatelle si prosegue per diedri e strapiombini e una facile cresta che conduce al Bosco del Rouas in cima alla falesia. Per sentiero pianeggiante e facili roccette si ritorna alla spalla. In traversata ascendente a sinistra con facile percorso che si fa via via un po' più esposto si perviene al curioso passaggio della Grotta. Una fune tesa ed una passerella iperstabile permettono l'attraversamento delle originali fenditure che tagliano la falesia sovrastante il Pian del Colle; quindi con tratti in discesa, traversate ora più esposte e cenge, si perviene al gran diedro ad arco alla base del quale termina la via ferrata. Pochi minuti di sentiero riconducono al parcheggio.
NOTE: La via ferrata é stata attrezzata nel suo percorso facile con particolare riguardo ed attenzione per favorirne agevolmente il percorso ai principianti ed ai giovanissimi.

Itinerario A :
Via base, difficoltà AD via ferrata, sviluppo 750 m., tempo 2 h.
Itinerario B :
La Balma del Camoscio, difficoltà D via ferrata, sviluppo 250 m., tempo 1.30 h.
Itinerario C :
Variante della Grotta, difficoltà PD via ferrata, sviluppo 40 m., tempo 10 mn.