Omaggio al Vichingo Viaggiatore (Cascata)

difficoltà: III / 3   [scala difficoltà]
esposizione: Nord-Ovest
quota base cascata (m): 1450
sviluppo cascata (m): 150
dislivello avvicinamento (m): 400

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Rombombom
ultima revisione: 30/01/17

località partenza: Fondo (Traversella , TO )

accesso:
Percorrere tutta la Val Chiusella fino alla fine della strada in località Fondo. Parcheggiare l'auto e proseguire lungo la carrareccia sbarrata mantenendo la sinistra idrografica. Oltrepassare il ponte sul rio Burdeiver e proseguire fino alla borgata di Talorno. Non dirigersi verso la borgata, ma proseguire sulla carrareccia e, dopo circa 200 m imboccare il sentiero n° 12 sulla sinistra. Il sentiero costeggia il Rio delle Balme fino ad attraversarlo a quota 1420 m. Da qui la cascata è visibile nel canalone a destra salendo (ramo principale del Rio delle Balme). Proseguire ancora sul sentiero fino a quando questa costeggia una modesta bastionata rocciosa sulla propria destra. Individuare il suo punto debole che porta ad una sorta di colletto e ridiscendere sul versante opposto fino alla base della cascata. Da Fondo 1 ora e 45 minuti

note tecniche:
Cascata da affrontare in assenza di neve. In caso contrario l'avvicinamento risulta lungo e la cascata ricoperta. Attenzione alla presenza di ghiaccio sul sentiero nei tratti esposti.
Ambiente solitario. Attenzione alle pozze d'acqua lungo lo sviluppo della cascata.
Gli ultimi due tiri sono in un anfiteatro di ghiaccio di altezza di circa 70 m e larghezza di circa 10 m con diverse possibili linee di salita. La porzione di destra (sx idrografica) dell'ultimo tiro prende sole tra le 10:00 e le 14:00.

descrizione itinerario:
L1 40 m muro di difficoltà contenute. Sosta su ghiaccio.
L2 60 m facili risalti e trasferimenti. Sosta su ghiaccio o su spuntoni di roccia.
L3 60 m iniziale risalto di circa 6 metri, poi trasferimento.
L4 30 m prima parte del muro finale, sosta su ghiaccio dove la verticalità aumenta.
L5 50 m seconda parte del muro, 70°, con diverse possibilità crescenti di difficoltà da sinistra a destra. Su una larghezza di circa 10 metri. Sosta su ghiaccio alla fine delle difficoltà.
DISCESA: tenendo la linea centrale su L5, sostare alla fine delle difficoltà, poi uscire a sinistra (destra idrografica) dove più agevole e puntare alle baite in alto, dove passa il sentiero che riporta alla bastionata rocciosa.

altre annotazioni:
Prima salita nota: Alessio De Santi, Stefano Pozzuolo, 29-01-2017