Gran Truc Canale Sud-Est

difficoltà: AD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1461
quota vetta (m): 2366
dislivello complessivo (m): 950

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: m.gulliver
ultima revisione: 20/01/17

località partenza: Colle Vaccera (Angrogna , TO )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.7

accesso:
Lasciare l'auto al tornante prima del colle della Vaccera. Solo con strada pulita è possibile proseguire ancora per circa 1km m sulla strada sterrata che inizia dalla curva, fino in loc. Bagnau (oltre c'è divieto).

note tecniche:
Lungo canale (oltre 650 m di dislivello) di neve e ghiaccio, da salire in pieno inverno con bassissime temperature vista l'esposizione. Le difficoltà sono molto variabili a seconda delle condizioni che si trovano (neve /ghiaccio). La parte bassa del canale presenta diversi salti rocciosi per il cui superamento è necessaria una sufficiente copertura di ghiaccio o molta neve. In ogni caso, tutte le difficoltà sono facilmente aggirabili con facili passaggi su roccia o teppa pochi metri a lato del canale. Sono preferibili condizioni più secche a quelle di abbondante copertura, poichè in questo secondo caso occorrono condizioni di neve assolutamente sicura, il colatoio potrebbe presentarsi ingombro di neve pallottolare di valanga e la discesa diventare più complicata.
La linea è ben visibile dal Pinerolese e dalla bassa Val Pellice.
La difficoltà proposta è riferita alle condizioni incontrate, di seguito descritte.

descrizione itinerario:
Percorrere completamente la pista pianeggiante e raggiungere l'Alpe Criulira dove termina, quindi seguire il sentiero segnalato che sale verso la cresta. Ad una biforcazione seguire il ramo di sx che conduce all'alpeggio diroccato di Souiran (indicazioni). Proseguire sempre sul sentiero, ancora in leggera discesa, fino ad intersecare il canalone (quota 1700 circa).
Rimontare ora il canale che nella parte bassa alterna tratti poco ripidi (35°) a salti che possono presentarsi ghiacciati a seconda delle temperature e delle condizioni di acqua e innevamento. Con poca neve e basse temperature si incontrano almeno 3 salti di ghiaccio principali, di cui due sugli 80-90°, alti 3-5 m, e altri più piccoli e più appoggiati.
A circa 2000 m si incontra una biforcazione, si prende il ramo di sx che si impenna un po' (40°). Può essere completamente in neve o con qualche placca di ghiaccio.
Dopo un centinaio di metri si trova una seconda ramificazione, si prende ora a dx, il ramo nascosto che sale verso l'imbuto finale. Anche questa sezione può essere in ghiaccio con scarso innevamento, ma con pendenze sempre contenute (40/45°).Quando infine il canale perde forma si sale verso sx e quindi diretti per pendii nevosi via via più ripidi (tratti a 45°) fino alla vetta.
Discesa: dalla cresta SE, escursionistica, che può richiedere l'uso dei ramponi se innevata. Si scende al Colletto di Souiran da dove, seguendo un comodo sentiero, si ritrova presto quello percorso in salita.